QPGA: parlano i protagonisti



Notizia inserita da: doremifasol in data 10/02/09 alle ore 17:45 Condividi   vista 3404 volte


Lenote dei grandi successi di Claudio Baglioni, da 'Piazza del Popolo' a 'Io ti prendo come mia sposa', da 'Questo piccolo grande amore' a 'Porta Portese', raccontano l'incontro e l'amore, nella Roma del 1971, fra il proletario Andrea (Emanuele Bosi), 19 anni, jeans e maggiolone, studente d'architettura, e la borghese Giulia (Mary Petruolo), 17 anni, liceale, boccoli biondi e occhioni blu.

Donna, come nato questo piccolo grande film?

R.D.: Abbiamo preso in mano un disco, abbiamo chiamato un bravo disegnatore ed eravamo gia' nel cuore del film, perche' gia' le parole delle Canzoni di Baglioni parlavano, evocavano quell'epoca, noi abbiamo dato vita in immagini a quel progetto. Ci piaceva il racconto di un amore, non necessariamente a lieto fine, esattamente come nel concept album, grazie al quale molti giovani e meno giovani hanno imparato ad amare.

Riccardo, dai successi in Tv al cinema, cosa cambia?

R.D.: Ho aspettato 30 anni per fare un film, avevo quasi perso le speranze, ma ho continuato a tenermi in allenamento facendo televisione. Solo da noi in Italia chi fa la tv e' ghettizzato, io invece ritengo che si tratti di un' ottima palestra e poi io penso di essere ben allenato per fare un film...

Si era parlato di un progetto piu' ampio che avrebbe dovuto prevedere un film un libro e un disco

R.D.: E' un progetto complesso di cui parleremo nelle prossime settimane. Baglioni per esempio ha un nuovo album in uscita a marzo, sono sorprese da scoprire come dice Claudio 'strada facendo...'

Cotroneo, lei firma la sceneggiatura insieme a Claudio Baglioni, come avete lavorato insieme?

Ivan Cotroneo: Claudio ha portato nella storia molte cose personali: ricordi della sua epoca, battute e particolari sulla vita a Centocelle, che era il suo quartiere ed anche quello del protagonista del film. C' stata un'ottima collaborazione. Siamo rimasti fedeli ai suoi ricordi, ma c' anche la mia esperienza. Il film finito l'ha visto e credo sia molto contento.

Ivan c tanto bisogno di evasione, lamore pu servire?

I.C.: Tutti pazzi per amore stata ideata tre anni fa e non pensavamo che ci fosse oggi queasto bisogno d'evasione. Poi secondo me la vita e' l'amore, che contiene tutto, gioie e dolori, evasione e impegno sociale, permette di vivere la vita in maniera totale.

Mery, cosa hai pensato prima di indossare quella maglietta fina...

Mary Petruolo: Quella maglietta che idealmente stata indossata da milioni di fidanzate italiane stata un onore e una grande responsabilit. Con baglioni abbiamo prlato anche sul set, ma ha lasciato che per lui parlasse la musica, il resto lo ha fatto il regista, ed stato bravissimo.

Emanuele, qual stato il tuo rapporto con Claudio Baglioni

Emanuele Bosi: Baglioni venuto sul set e ci ha subito messo a nostro agio, anche se non ci ha dato dritte specifiche. Con lui il rapporto stato pi umano che professionale. Il film rappresenta le stesse fasi di innamoramento che si vivono oggi. Non appartengono al 1970, ma una storia facilmente identificabile anche con l'oggi.


su RSSFeed
in Twitter
iscriviti
Calendar
<< Luglio 2018 >>
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          


Ricevi le news via mail:

Delivered by FeedBurner



Cerca nelle notizie













Le ultime news
29/12/10 - 17:39 Comunicazione cambio FEED
02/12/10 - 09:52 Baglioni, Fiorini: roba de Roma
01/12/10 - 16:38 Acquista il Baglioni MP4
01/12/10 - 10:06 Via Baglioni a Perugia
30/11/10 - 19:05 Vuelve el gur del amor
30/11/10 - 13:16 DVD per Parole di Lul


I più cliccati
23/01/08 - 16:52 Lettera a CLAB
20/06/07 - 21:07 Materiale Clab 2007
12/09/07 - 01:28 Dvd Tutti Qui
06/11/07 - 09:13 Claudio Live a Milano
22/11/07 - 13:04 Scarica il Calendario
17/12/08 - 09:02 Vota Claudio Campione2009


Ricevi le news via email
 
Commenti degli utenti
doremifasol.org