Da non perdere
Home | Fuori regione | The Prodigy No Tourists Tour

The Prodigy No Tourists Tour

Annunciate due date italiane per l’uscita del nuovo album No Tourists.

Le date:

  • 30 novembre Livorno, Modigliani Forum
  • 1 dicembre Rimini, RDS Stadium

Biglietti in vendita dalle ore 10.30 di venerdì 31 agosto.

L’Europa si prepara ad accogliere il nuovo tour dei The Prodigy, previsto per il prossimo autunno.

Il tour è stato organizzato in vista dell’uscita di “No Tourists“, l’ultimo album della band britannica di cui abbiamo già ascoltato il primo singolo “Need Some1”.

Arriva una splendida notizia per i fan italiani che da tempo attendono di partecipare ad un evento interamente dedicato al trio che dai bassi fondi di Braintree (UK), sono riusciti ad emergere e ad influenzare globalmente la scena della musica elettronica.

Oltre ad esibirsi nel Regno Unito, in Germania, Olanda, Svizzera e Belgio, i The Prodigy hanno fissato ben due date anche in Italia, a Livorno e a Rimini, rispettivamente il 30 novembre e il 1° dicembre.

Inutile dire che i due eventi presagiscono già due veri e propri bagni di folla, saranno infatti in molti ad accorrere da ogni parte della penisola.

Questo accade perché un concerto dei The Prodigy è sicuramente inserito nella lista delle esperienze da vivere, di ogni appassionato di musica.

Sono pochi gli artisti che come loro possono vantare di aver letteralmente rivoluzionato un genere musicale, dando vita ad una nuova corrente artistica che riuscisse a trovare il connubio perfetto tra hip hop, big beat e dance music.

Ma ciò che contrassegna i Prodigy come uno dei progetti più interessanti del nostro secolo è il fatto di esser riusciti negli anni 90 a promuovere per la prima volta la cultura rave a livello mediatico.

I The Prodigy hanno infatti dimostrato quanto quella dei rave, potesse essere una realtà tanto vicina a tutti, più di quanto all’epoca si potesse pensare.

Se la storia dei The Prodigy ha catturato particolarmente la vostra attenzione, vi consigliamo la lettura di un nostro articolo molto interessante, nel quale potrete guardare un documentario che mette a nudo la band inglese.

Potrete infatti percorrere passo passo la loro carriera, dagli inizi, fino al momento in cui si sono affermati in vetta alla classifica degli artisti più influenti della scena elettronica mondiale.

I Prodigy sono un gruppo Big Beat britannico, formatosi a Braintree nel 1990.

I Prodigy si formano a Braintree, in Inghilterra, nel 1990. Provenienti dalla nuova scena dance degli anni Novanta, i Prodigy conquistano il successo grazie a un’originale miscela di techno estrema e punk-rock da battaglia. All’inizio del decennio il gruppo muove i primi passi con la nascita del connubio artistico tra Liam Howlett e il rapper Mc Maxim; insieme a loro si schierano nella formazione il vocalist Keith Flint e il ballerino Leeroy Thornhill. WHAT EVIL LURKS, l’EP d’esordio, è il capitolo più hip hop del catalogo ma quel sentiero viene ben presto abbandonato in favore di una più poderosa direzione techno-dance/hardcore. Ecco allora un singolo di successo come “Charly” (espressione gergale che indica la cocaina) e due album come THE PRODIGY EXPERIENCE e MUSIC FOT THE JILTED GENERATION, usciti rispettivamente nel 1992 e nel 1994. Nel 1997, preceduto da due singoli come “Firestarter” e “Breathe” esce THE FAT OF THE LAND, acclamato da critica e pubblico; passano altri sette anni prima che il marchio Prodigy rispunti con la pubblicazione di ALWAYS OUTNUMBERED (NEVER OUTGUNNED), in cui Howlett guida una formazione ridotta ai minimi termini in una prova sostanzialmente deludente. Nel 2008 torna in azione la line up classica (con le voci di Flint e Maxim), che nel febbraio dell’anno successivo dà alle stampe l’album INVADERS MUST DIE anticipato dal singolo “Omen” (ben accolto in Inghilterra). Al disco partecipa anche, come batterista, l’ex Nirvana e leader dei Foo Fighters Dave Grohl. Nel 2011 è invece la volta di WORLD’S ON FIRE. A dicembre 2012 viene ristampato da XL THE FAT OF THE LAND, che contiene il brano “Smack my bitch up”, che li ha fatti conoscere al grande pubblico.






Booking.com

Potrebbe interessarti anche:

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

                                           

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.