Home / Stampa / Tutti in fila per il microfono di Rtr

Tutti in fila per il microfono di Rtr

di Fabio Carosi

Alla faccia della globalizzazione della musica e dei network padroni dell’etere. Quando c’è da parlare di musica,, quella vera, agli artisti piace l’emittente radiofonica su misura.

Una stanza-studio-regia, una seconda regia e niente dimensioni faraoniche.

Cuffie in testa e microfono alla mano, la “pulce” Radio Rtr che sta per Radio ti ricordi, un’emittente storica del panorama romano, nata prima come Radio Tuscolo, fa il pieno di big.

E quelli veri.

In fila per raccontare una vita dedicata alla musica, nella trasmissione Retropalco sono passati nei due anni di programmazione Red Canzian, Alberto Fortis e Massimo Ranieri, insieme a Morgan, Eugenio Finardi, Giorgio Panariello.

E ancora: Ron, Annalisa Minetti, Gianni Morandi, Giusy Ferreri, Edoardo Bennato e Angelo Branduardi, Antonello Venditti e Fiorella Mannoia, Gianluca Grignani. Potevano mancare negli studi dell’Aventino Gigi d’Alessio, Roby Facchinetti, Maurizio Vandelli, Luca Barbarossa, Riccardo Fogli e persino Fabio Fazio?

“Sono tutti amici – spiega Guido Tognetti, animatore del talsk show radiofonico permanente – e che vengono a trovarci perché Retropalco non è una trasmissione musicale ma un appuntamento con la musica”.

E a vedere le due ore che Anna Tatangelo ha trascorso negli studi qualche giorno fa si capisce bene la formula che piace alla gente e che soprattutto gradiscono gli artisti. Nel format di Retropalco, musicisti e cantanti ma anche appassionati di musica raccontano la loro vita in e attraverso le note. Storie di ordinaria vita d’artista che spaziano dai segreti alle manie, sino alla genesi dei brani. E il demiurgo dell’operazione Guido Tognetti, si esibisce nel gioco delle parti con il co-conduttore Fabio Martini.

L’ensemble riesce così a far raccontare gli artisti nel loro quotidiano come se la radio diventasse un salotto. “Il nostro segreto – dice Tognetti – è aver costruito un luogo dove la musica ha un senso e un valore, un posto dove si sta bene”. In verità la trasmissione radiofonica che dichiara guerra ai network nazionali a colpi di ospiti un altro segreto ce l’ha.

É lo stesso Tognetti, autore televisivo, perno di tanti concerti di Claudio Baglioni e animatori di tanti eventi tra cui l’ultimo concerto romano di Capodanno.

“Bippa” il suo telefono e Guido sorride: “È Baglioni che mi manda un sms, voleva dirmi che a Milano c’è una sentenza che annullerebbe le multe degli ausiliari.. magari”.

Lo stesso Claudio Baglioni che in radio si è seduto alle tastiere e ha fatto uno show lungo due ore, suonando e cantando brani inediti e successi planetario. Gratis e per il pubblico dell’etere romano.

E i network stanno a guardare. Info, streaming e frequenze e il calendario degli ospiti su www.radiotiricordi.it

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.