Home / Stampa / Lettera Baglioni a Nencini

Lettera Baglioni a Nencini

Ridurre il gap di diritti, opportunità e qualità di vita che separa gli isolani dal Paese

LAMPEDUSA. LETTERA DI CLAUDIO BAGLIONI A RICCARDO NENCINI

“Le vicende dei lampedusani sono sotto gli occhi di tutto il mondo. Un mondo che ci guarda e che si aspetta che l’Europa non dimentichi l’Italia e che l’Italia non dimentichi Lampedusa”.

E’ quanto si legge nella lettera che Claudio Baglioni, il popolare cantautore romano, da anni impegnato con la Fondazione O’Scià nella tutela e nella valorizzazione dell’isola di Lampedusa, ha scritto a Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi.

Nella lettera la pop-star sottolinea come “Non sia necessario sottolineare quale sia la natura del presente di Lampedusa. La cronaca quotidiana – al di là di alcune imprecisioni, di un eccesso di semplificazione e di qualche concessione di troppo al “colore”  – è più che eloquente”.

Baglioni si rivolge al leader socialista chiedendogli di ” contribuire, con la Tua esperienza e sensibilità umana e politica, ad avviare una fase nuova grazie alla quale la comunità isolana possa, finalmente, vedere ridotto il pesante (e del tutto ingiustificato) gap di diritti, opportunità e qualità della vita che la separa – da sempre – dal resto del Paese”

A stretto giro la risposta di Nencini che si dice in pieno accordo con le considerazioni di Baglioni e si dice.

“Disponibile a fare un pezzo di strada insieme  Il nodo – scrive Nencini – temo continuerà a stringersi se non provvediamo con sollecitudine.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.