Home / Stampa / Lampedusa: nuova emergenza

Lampedusa: nuova emergenza

Palermo, 10 set. – (Adnkronos) – “Il presidente del Consiglio Berlusconi intervenga subito per fermare questa nuova ondata di sbarchi di clandestini provenienti dalla Tunisia. E’ semplicemente vergognoso fare affondare l’economia e il turismo di Lampedusa. Non ci sono zone franche che tengano con questo continuo esodo di immigrati”. E’ il disperato appello lanciato dal sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis, commentando l’arrivo di 6 barconi con circa 500 tunisini sull’isola. “Dove sono le motovedette di Guardia costiera e Guardia di finanza che dovrebbero pattugliare il mare per evitare l’arrivo di clandestini” si chiede De Rubeis. ”Qui stiamo parlando di clandestini e non piu’ di profughi che scappano dalla guerra civile come il popolo subsahariano -avverte- Sono immigrati economici provenienti da un paese dove non c’e’ piu neanche la rivolta dello scorso inverno”. ”A questo punto mi chiedo perche’ Ben Ali’ si sia allontanato dalla Tunisia -dice ancora il sindaco- bisogna assolutamente intervenire per evitare che accada il peggio. Sembra che ci sia un velato accordo di non facile lettura. Lampedusa non puo’ essere violentata in questo modo. Lo Stato deve assolutamente intervenire e bloccare l’arrivo di nuovi immigrati tunisini. Noi non sappiamo piu’ come affrontare questa emergenza. Il centro d’accoglienza e’ stato distrutto e smantellato dai tunisini che da due mesi chiedono di essere trasferiti altrove. Speravamo che almeno a settembre, con la manifestazione ‘O Scia’ di Claudio Baglioni l’economia potesse tirare un sospiro di sollievo. Ma anche quest’ultima possibilita’ ci e’ stata negata. Berlusconi, dove sei?”. 

FONTE

redazione

La redazione di doremifasol.org e saltasullavita.com è composta da tanti amici ed appassionati della musica di Claudio Baglioni. Un grazie a loro per il lavoro e l'aiuto apportato a questo portale - Per scrivere alla redazione usare wop@doremifasol.org - Capo Redattrice e coordinatrice: Sabrina Panfili [Roma]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.