Home / Baglioni Notebook / Lettera di Baglioni a Repubblica

Lettera di Baglioni a Repubblica

“Ho messo in musica la Costituzione perché spero in una Italia migliore”

di CLAUDIO BAGLIONI

Caro direttore, nei momenti difficili si cerca rifugio e ispirazione nei valori che non temono le insidie del tempo e le fragilità degli uomini:stelle fisse che aiutano a tracciare una rotta in grado di condurre in porti sicuri e riparati.

Tra queste c’è: la nostra Costituzione.

Nessuna altra Carta, infatti, dice altrettanto.

Nessuna racconta parole così.
 
Per questo ho musicato alcune frasi tratte dai principi fondamentali, con l’idea di offrire un insieme di riflessione che aiuti a ritrovare quei passaggi autentici e quel senso profondo dello stare insieme, senza i quali è impossibile sia affrontare la crisi del presente, che immaginare un futuro degno di questo nome.

Ricordando che la nostra Costituzione approvata il 22 dicembre 1947 e entrata in vigore il 1 gennaio 1948, mi permetto di farti dono di questo canto “L’Italia è 1” (brano che non è stato commercializzato, ma diffuso attraverso internet, per quanti lo hanno voluto ascoltare) con l’augurio che possa essere di buon auspicio in questo momento e che consenta di guardare a domani con lo stesso spirito che, centocinquanta anni fa, animò i Padri  dell’Unità d’Italia e, successivamente, quelli della Costituzione repubblicana.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.