Stampa

Un assoluto desiderio di giustizia

Premetto che ciò che scriverò in queste mie pagine è dettato solamente da un irrefrenabile desiderio di giustizia che provo dopo aver letto le cose scritte da Vasco Rossi sul suo profilo di FB.

Premetto anche che ho sempre considerato Vasco Rossi un artista di grande rilievo, che ha scritto brani bellissimi e degni di passare alla storia della musica: sufficiente citarne uno per tutti: “Sally”

Quando però ho letto le cose che Vasco ha scritto nei confronti di Claudio, cose peraltro non corrispondenti assolutamente a verità specialmente dal punto di vista storico, ho provato un grande dispiacere e mi sento quindi in dovere di replicare.

Dunque la prima verità che vorrei restituire, riguarda il famoso concerto di Amnesty International del 8 settembre 1988.

La contestazione verso Claudio ci fu ed è innegabile, ma poichè io ero su quel palco insieme a Paolo Gianolio, Tony Levin e Jerry Marotta, vorrei raccontare esattamente come andarono le cose.
I contestatori furono coloro che stavano davanti al palco (qualche migliaio forse) e non assolutamente tutto lo stadio, che peraltro era pieno fino all’inverosimile.
Queste persone, probabilmente avrebbero contestato qualsiasi altro artista italiano in quel momento, perchè erano li in attesa dei grandi artisti internazionali che si stavano per esibire, quali Sting, Peter Gabriel, Tracy Chapman e addirittura Bruce Springsteen.

Non è poi assolutamente vero che Claudio scappò dal palco anzi, il nostro spazio di concerto arrivò fino al termine della scaletta prevista, con l’intervento di Peter Gabriel che cantò con noi Ninna Nanna, Nanna Ninna (con una incredibile emozione da parte nostra 🙂

E’ stato poi scritto che Claudio non si esibì più dal vivo per oltre dieci anni!!

La realtà che tutti conoscete è ben diversa, ma voglio ricordarla.

Pochi mesi dopo quel concerto, Claudio iniziò a lavorare sul nuovo disco che lo impegnò fino al settembre del 1990 per quasi due anni di lavoro. A novembre di quell’anno infatti uscì Oltre che è considerato dalla stragrande maggioranza degli artisti italiani, uno degli album più significativi della musica popolare italiana da sempre.

Subito agli inizi del 1991, mentre Oltre era primo in classifica, facemmo un piccolo tour a sorpresa in alcune delle migliori discoteche italiane, per sperimentare i brani che stavamo provando e che sarebbero stati inseriti nella scaletta del futuro concerto.
E qui sto parlando del famoso spettacolo “Oltre una bellissima notte” del 3 luglio 1991, allo stadio Flaminio con 60.000 persone presenti ed una diretta televisiva.
Quindi solo poco più di due anni separarono il concerto di Amnesty, dai nuovi concerti live.

Da quella sera del 3 luglio 1991 in poi, è stato un susseguirsi di concerti sold out, nei palasport (vedi Assieme ed Ancorassieme) per arrivare al Tour giallo, Tour Rosso (per me lo spettacolo più affascinante mai prodotto in Italia), Tour Blu, e via così fino ad arrivare ai famosi concerti negli stadi “Da me a te” con diretta televisiva, del luglio 1998 e poi nel 2003 i concerti “Tutto in un abbraccio”: stiamo parlando di spettacoli visti da 80/90.000 persone oltre alla diretta televisiva.

Parlando poi della parte artistica il discorso sarebbe ancora più lungo.

Voglio solo limitarmi a sottolineare alcune cose che riguardano Claudio come compositore e musicista (e su questa materia permettetemi di sentirmi a mio agio):

Conosco Claudio personalmente dal 1 maggio 1978; da allora ho vissuto artisticamente accanto a lui per trenta anni; conosco il suo “pensiero” musicale come me stesso e posso affermare che Claudio è sicuramente fra i migliori compositori italiani di musica pop di sempre.
La sua sensibilità armonico/melodica ha prodotto capolavori insuperabili: vorrei citare alcuni brani che forse sono meno conosciuti al grande pubblico, ma degni di una approfondita analisi perchè vere e proprie perle di musica che rimarrà nel tempo:
01) Quei due
02) Tutto il calcio minuto per minuto
03) Tamburi Lontani
04) Qui Dio non c’è
05) Domani mai
06) Fammi andar via
07) Titoli di Coda

…. potremmo andare avanti ancora molto ma non è questo lo spazio giusto ne il contesto.

Se poi dovessimo analizzare il valore dei suoi testi, in particolar modo da Oltre in poi, abbiamo della vera e propria poesia (e questo non lo dico solo io ma coloro che sanno 🙂

Per ultimo, vorrei anche ricordare che, parlando di Tour, il nostro “Alè-Oo’ ” del 1982, collezionò più di 50 date sold out negli stadi italiani, ed è considerato insieme a “Banana Republic” di Dalla/De Gregori, il tour più storico e pieno di record, della musica popolare italiana. Inutile ricordare che il disco ha venduto oltre 2 milioni di copie 🙂

Tutto questo perchè per me. la Verità deve andare avanti, sempre, oltre ogni cosa.

Grazie per avermi letto fino a qua.

P.S. ho deciso di togliere i link che erano stati messi sulla mia pagina FB semplicemente per una questione di principio.

Walter Savelli 


redazione

La redazione di doremifasol.org e saltasullavita.com è composta da tanti amici ed appassionati della musica di Claudio Baglioni. Un grazie a loro per il lavoro e l'aiuto apportato a questo portale - Per scrivere alla redazione usare wop@doremifasol.org - Capo Redattrice e coordinatrice: Sabrina Panfili [Roma]

12 Commenti

  1. Walter sei stato un signore!! 😀 appoggio pienamente quello che hai scritto!!! io penso che il rispetto stia alla base e Vasco non è ha avuto per niente verso claudio pelù e minghi

  2. Grazie Generale per queste tue parole, per questa tua VERITA’,altrimenti noi sembriamo solo dei fans incattiviti!

  3. Grande Walter, da sempre uno di noi!!! Ottima anche la “scaletta” dei brani, quasi tutti tra i miei preferiti in assoluto!

  4. Menomale che a parlare è qualcuno che sa esattamente com stanno le cose e che ha le conoscenze tecniche giuste per parlare,perchè saremmo stati accusati olo di fanatismo e così non è! Sei un grande

  5. grazie Walter per averci restituito un racconto veritiero su ciò che è accaduto, peccato che Vasco abbia raccontato una versione così distorta dei fatti, non so cosa pensare, mi dispiace per lui, è stato meschino.

  6. Cantava Jovanotti nella canzone Barabba: ” . . . ho già visto quelle faccie in un concerto a Torino aggredire con insulti un cantante italiano che cantava per i diritti dell’uomo, le ho riviste l’altra sera in piazza Duomo ho già visto quella faccia in uno specchio riflessa e l’ho odiata e s’è odiata con tutta se stessa, è la faccia di una massa che ha bisogno di eroi che assecondino comodamente i vizi suoi . . . ”
    E’ uno dei pochissimi cantanti che si è espresso in modo tangibile a favore di Claudio per un episodio che sicuramente l’ha toccato profondamente. Come Paola Massari ebbe modo a dichiarare, pochissimi solidarizzano con lui, segno evidente del piacere che molti colleghi invidiosi provarono in quel momento. Ricordo un’intervista fatta ai Pooh che dichiararono che in fondo Baglioni se l’era andata a cercare . . . loro non avrebbero mai accettato di partecipare ad un concerto del genere!
    Claudio, è ovvio, ha catalizzato spesso la cattiveria dello star system della musica italiana e non solo. Ricordo tante discussioni (e cause civili) con casa discografica, promoter, colleghi, da David Zard a Eros Ramazzotti. E’ uno che ha sempre lottato per il suo mestiere ma senza infangare gli altri. Non è questo il caso a mio avviso.
    Mi auguro che stavolta non faccia alcuna replica, in casi simili il silenzio vale più di ogni parola spesa.

  7. Caro Walter sei una persona meravigliosa………compagno di tanti viaggi e tanti concerti……ci manchi tanto sul palco……….ma queste tue parole di sacrosanta verità mi fanno pensare che ci sei sempre vicino……..Grazie, perchè se le nostre repliche possono sembrare troppo di parte la tua risposta è favolosa non solo dal punto di vista umano e personale ma soprattutto dal punto di vista professionale ( e come tu stesso dici, in questo campo credo che non solo tu ti debba sentire a tuo agio ma hai molto da insegnare a tanti)………..A presto

  8. Ho sempre pensato che una bella persona ( non in senso esteriore) non può che richiamare a sè persone simili! Ed una persona STRAORDINARIA, e quindi fuori dal comune, come Claudio non può non avere accanto a sè che persone SPECIALI, come sei tu!
    Come si suol dire: ” I simili si attraggono”!
    Caro Walter, sei un SIGNORE! Ma io non avevo dubbi!
    Claudio sarà orgoglioso di te!

  9. Verità storica incontrovertibile! E io sono testimone – anche se non ce n’è bisogno – perché il 3 luglio del 91, io c’ero! Al Flaminio, oltre una bellissima notte (che poi passai nella stazione di Roma Termini… :D)

    Grande Walter, aggiungo una cosa a titolo personale. Ho scritto un romanzo su Beethoven che ho dedicato ufficialmente a Claudio. Vorrei solo sapesse che io esisto.
    http://antonioscotto.wordpress.com/

    Grazie. Siete sempre grandi! Vi seguo dall’88!

  10. E’ stato meraviglioso leggere queste parole, e al di là del putiferio, ho adorato il fatto che abbia nominato questo piccolo elenco di canzoni piuttosto sconosciute (“Qui Dio non c’è” per esempio è un brano a cui sono molto affezionato e sono dispiaciuto di non avergliela mai sentita ricantare)!

    Nei commenti del post ho scritto praticamente quello che ha detto lui (con un’unica eccezione… non ero sul palco! Anzi, non ero neppure nato!!); le parole di Vasco sono state davvero deludenti, perché dette senza ragionare e soprattutto senza conoscere bene ciò di cui si parlava!

    VIVA IL CLA’!

    1. L’idea che Tu fossi un grande artista ed un grande uomo lo sapevamo da decenni, ma la tempestività con la quale hai puntualizzato la verità nei confronti del nostro” CLAUDIO” è decisamente fantastica: GRAZIE WALTER!!!
      Dopo questo appunto sottolineamo alcuni aspetti:
      paragonare il maestro ad un artista che fa successo con un brano come ” Bollicine” o “Colpa D’alfredo” ( leggete i testi e poi giudicate) mi sembra riduttivo per un poeta che fa da 40 anni sognare tre generazioni………..
      Se poi per essere osannati da un pubblico di ragazzini bisogna essere alcolizzati o drogati…meno male che claudio non sei come lui!
      Pazzesco dover leggere tanta cattiveria che nasconde enorme invidia….ma come diceva il marchese del grillo……………
      CLAUDIO PER SEMPRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button