Home / In evidenza / Da chierichetto ad amico di Veltroni

Da chierichetto ad amico di Veltroni

Claudio Baglioni
STRADA FACENDO MI SONO MESSO AL CENTRO

Da chierichetto ad amico di Veltroni. “Oggi mi piace Casini e vorrei cambiare la legge sull’immigrazione”, dice Claudio Baglioni, che a Lampedusa organizza il festival dell’accoglienza.

Lo chiamavano “: “Agonia” : “Perché ero troppo magro e con una pelle color bianco cadavere”. Negli anni spensierati dell’adolescenza, Claudio Baglioni era il brutto anatroccolo della comitiva. Oggi sorride di allora, in perfetta forma a 60 anni, bello e amatissimo. “Il correre del tempo mi ha aiutato: quando ero ragazzino dicevano che sembravo un morto che camminava”. Vagava per le strade del Prenestino, periferia romana, famiglie senza una lira ma gente ricchissima di ironia: «I miei compagni di giochi erano “er sorcio”, “er mastino”, “er galleggiante” che a 14 anni anni faceva già l’idraulico». Era la stagione dei bar, dei pomeriggi buttati a chiacchierare intorno a un tavolino di formica, l’emancipazione laica conquistata dopo l’oratorio. «Quegli anni, però, sono stati fondamentali. In parrocchia servivo messa, facevo il chierichetto. E poi la fede ce l’ho ancora, forte».

Comincia forse da lì l’avventura umana di Claudio Baglioni, ill cantautore più amato dagli italiani, 30 milioni di dischi venduti, 300 canzoni scritte, diventate la colonna sonora di questo paese da oltre 40 anni. «Sono un fortunato e questa è una ragione in più per cercare di aiutare gli altri. Guardare la sofferenza e dire “mi dispiace” non basta. Serve fare qualcosa». Dieci anni fa ha inventato O’Scià, un festival a sfondo sociale destinato ad affrontare, in musica e non solo, il problema delle migrazioni. Non per niente si tiene a Lampedusa, sempre alla fine di settembre, quest’anno comincia giovedì 27 e si chiude sabato 29: edizione speciale per il decennale, si chiamerà CiaO’Scià, un saluto per quello che è stato fatto e quel che si riuscirà a fare. “O’Scià nel dialetto locale significa “fiato mio, vita mia”: nell’isola è la prima parola che una madre dice al figlio appena nato. Ecco, questa isola, che è la frontiera dell’Italia verso i meno fortunati, dovrebbe forse rivolgersi a loro nello stesso modo. Siamo o no tutti fratelli? Ma a vedere come arrivano, su quelle barche, credo si dovrebbe parlare più di soccorso che di accoglienza.

Non tutti amano gli immigrati, inutile pensare il contrario.

“Siamo alle solite semplificazioni italiane. Questo Paese è diviso in due eserciti in guerra: gli accoglienti a tutti i costi, pronti a infilare una ghirlanda di fiori sulla testa di chiunque arrivi, e i respingenti a cannonate, che rimanderebbero indietro anche le crocerossine, se venissero dal Nord Africa. E così non si va da nessuna parte”.

Si è cercato di regolare l’immigrazione con una legge, la Bossi-Fini. Non le piace?

«La questione non è se piace o meno, è vedere se funziona o no. Ed è del tutto evidente che questa legge non è servita, non ha risolto niente, è da rifare. Ma non è un fatto che riguarda gli onorevoli Bossi e Fini: in Italia c’è questo sistema per cui le leggi portano i nomi di chi le ha presentate e sembra che se uno non apprezza una legge è automaticamente nemico dei parlamentari che a quel provvedimento hanno dato il nome. Diamogli un numero, a queste leggi, così risolviamo il problema e cancelliamo pure un po’ di polemiche inutili».

Come rifarebbe questa legge?

«Penso che la soluzione vada affrontata dall’inizio: diffondere la legalità, mettere in regola le persone, non farle lavorare in nero, capire che come abbiamo fatto noi emigrando in America, oggi c’è chi vuole migliorare la propria condizione di vita e venire da noi».

Baglioni, sa qual è l’obiezione classica a un ragionamento di questo tipo?

«Lo so, lo so, e me l’hanno fatta tante volte: “E allora prenditeli a casa tua”. Nel mio piccolo cerco di comportarmi al meglio, e intanto, da dieci anni, faccio O’Scià. La gente di Lampedusa è straordinaria e generosa. Quest’anno tutti gli operatori turistici hanno rinunciato a farsi pagare e ospitano, danno da mangiare e fanno muovere la gente gratis».

Come si svolge il festival?

«Staremo insieme. Questo è un momento in cui ci si ritrova fra musicisti, artisti, intellettuali per cantare e parlare di migrazione. La nostra è una generazione delusa. Sognavamo, anche perché ce l’avevano fatto credere, che il Duemila avrebbe portato, oltre alle macchine volanti, anche un mondo più giusto, senza fame, con meno malattie. Un miliardo e mezzo di persone non hanno cibo a sufficienza, la disuguaglianza ci divora, l’Africa rischia di affondare».

Sembra di ascoltare Veltroni.

«Walter, il mio amico Walter. Ci conosciamo da quando eravamo ragazzini. Lui andava all’istituto per la cinematografia e la tv e lì studiava anche una mia amica, sì, la mia fidanzatina di allora, Paola, quella che poi è diventata la mia prima moglie. Oltre che la madre di Giovanni, un ragazzone che oggi ha 30 anni: suonati, in tutti i sensi».

Musicista anche lui ma non ancora di successo.

“Ha un grande talento, non del tutto espresso”.

Bè, a 30 anni…

“Cerca la sua strada. Mi piacerebbe un giorno suonare e cantare qualcosa di suo. Ancora non è accaduto, e questo un pò mi dispiace”.

Mi dica di Veltroni.

“Quando andavo a prendere Paola, Veltroni stava già con il megafono ad arringare studenti”.

Vi siete più visti?

“Sì. Anche con Fabio Fazio, grande amico di entrambi”.

Baglioni col cuore a sinistra?

«Baglioni col cuore. Nella politica non mi ritrovo. In passato ho votato per i repubblicani: non so perché, ma mi sembravano seri. Qualche volta anche per i comunisti, ma soltanto quando c’era Berlinguer, poi mai più».

E la matrice cattolica?

«Ho molti amici missionari. Poi, se proprio devo collocarmi, diciamo che sono al centro, con un’attenzione maggiore verso le tematiche dei progressisti piuttosto che quelle conservatrici. Negli Stati Uniti sarei un liberal».

L’identikit del nuovo partito di Casini.

«Siamo amici». Anche con lui? «Sì, è una persona gradevole. Anche se devo dire che in quell’area mi piace molto il ministro Andrea Riccardi, finalmente una persona competente al posto giusto».

Anche con lui?

“Sì, è una persona gradevole. Anche se devo dire che in quell’area mi piace molto il ministro Andrea Riccardi, finalmente una persona competente al posto giusto”.

Quando è nato l’amore per Lampedusa?

«Ci vado da 15 anni. È un amore cominciato per caso, dopo un concerto a Palermo. Poi ho comprato una casa, a Cala Creta. Lampedusa dà questa idea di lontananza: è perfino esclusa dalle previsioni metereologiche». Il posto ideale per riflettere, comporre, scrivere. «Il posto giusto per cominciare a pensare di costruire un mondo migliore. Da dove partire? Per esempio dare la cittadinanza italiana a chi nasce qui anche se da genitori stranieri».

Il posto ideale per riflettere, comporre, scrivere.

“Il posto giusto per cominciare a pensare di costruire un mondo migliore. Da dove partire? Per esempio dare la cittadinanza italiana a chi nasce qui anche se da genitori stranieri”.

Articolo di Corrado Ruggeri 

Fonte articolo

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.