Stampa

La Baglionizzazione del Natale

E’ già ora. La Baglionizzazione del Natale
E le delizie indie di Scala&Kolacny

Marinella Venegoni

Tiriamo fuori la bandiera a stelle e strisce quando arriva questa stagione e con essa l’onda dei dischi natalizi che stanno diventando pure da noi costume consolidato. Il limite dei dischi natalizi sta nel fatto che spesso l’immaginazione resta disoccupata, essendo il repertorio del tutto prevedibile e datato, ma c’è anche di peggio da qui alla fine dell’anno: cioè, le riedizioni in chiave natalizia di album usciti da pochi mesi e rimessi in circolo come se si trattasse di chissà che novità: da Ferro alla Pausini e Antonacci non si salva nessuno, e del resto sono gli ultimi fuochi di certa industria discografica che campa su tali operazioni approfittando della disinformazione generale. Il mercato li sta metodicamente castigando, ma non imparano mai.  

E comunque, da oggi benvenuto al Natale prossimo venturo, con il primo dei divi italiani impegnati a celebrar cantando. Trattasi nientepopodimeno che di Claudio Baglioni, che ogni anno ne studia una pur di non dover sfornare un disco di inediti, infatti assente da ben 10 anni (era previsto per fine 2012, ora di parla di metà 2013). Oggi esce “Un piccolo Natale in più” ed è subito kolossal, alla sua maniera simpaticamente maniacale: una raccolta con racconto autografo, completissima di (quasi) ogni motivo natalizio di (quasi) ogni tradizione, ventisei titoli di grandi classici dal song book americano degli Anni 30 e 40 a quello inglese, dai pezzi più conosciuti di varie nazioni agli autori di tradizione, dal latino allo spagnolo a 2 celebri “Ave Maria”, per chiudere con “Jingle Bells” e “Tu scendi dalle stelle”. Su tutto, irrompe la celebre voce baglioniana, che ogni cosa fa a tutti i costi baglioneggiare, come capita con gli artisti di tempra. Arrangiamenti di Geoff Westley che ha anche diretto l’Orchestra Sinfonica di Budapest, molti testi tradotti in italiano per creare una sorta di vicinanza emotiva, a cura dello stesso Divo Claudio, particolarmente piacione in copertina con il capello bianco accuratamente spettinato.  

Non ci si crederà, ma pure il vetusto womanizer Rod Stewart ha inciso per la prima volta in vita sua un disco di Natale. Lui, simpatico re dei truzzi attempati di tutto il mondo, campa da decenni sulle cover che gli hanno garantito con il successo rinnovato nuove mogli e nuovi bimbi. L’album si intitola “Merry Christmas Baby”, prodotto da David Foster, e contiene duetti con Michael Bublé, Mary J Blidge, Cee Lo Green, più uno virtuale con Ella Fitzgerald e la tromba reale di Chris Botti. Repertorio classicissimo pure qui, dall’Irving Berlin di “White Christmas” a “Santa Claus si Coming to Town”. Insomma, tutte le melodie che infestano ogni shopper yankee da qui in avanti. 
 
Last but not least, “December”, degli alternativi Scala&Kolacny brothers. Un delizioso Natale indie per palati delicati, con pezzi come “River” di Joni Mitchell e “Christmastime” degli Smashing Pumpkins o Sufjan Stevens di “Christmas! Let’s Be Glad”. Album che raccomando caldamente a chi vuole cambiare musica da qui a gennaio. 


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

37 Commenti

    1. Claudio, devo correre ad acquistare il tuo ultimo album, che tra l’altro sta destando qualche polemica: si pretende sempre l’impossibile e non si dice mai il vero. Comuque di tutti i cantautori italiani ne vorrei citato uno che produca LP,con sequenza anche annuale, come vorrebbero facessi tu. Essendo un artista di grosso calibro, spero che questi commenti non ti colpiranno piu’ di tanto. Certo che, avendo appena visto il book fotografico, posso dire che il tuo fisico stupisce sempre di piu’.Spero di vederti a Parma. Un abbraccio

  1. “ Caro” Gabriele, sinceramente del tuo giudizio (conseguente a un pregiudizio), non so davvero che farmene. Mi interessa molto di più quello di un VERO musicista come Walter Savelli, che ha espresso il suo giudizio a fronte di tutta la sua competenza. E comunque, non è il solo, perché ho letto, a riguardo, bellissime recensioni.
    Ancora una volta Claudio, ha dimostrato che, anche in quella che avrebbe potuto essere solo un’operazione commerciale, ci ha messo tutta la sua passione unita a una ricerca e innovazione che , probabilmente a te è sfuggita, semplicemente perché non hai saputo (o voluto) coglierla.
    Chissà ,magari forse solo perché non ” senti “ e vivi” particolarmente il Natale…
    La prossima volta consiglio a te e al tuo amico di acquistare un bel cd di musica dance,così eviterete gli sbadigli e sarete soddisfatti della spesa fatta.

    1. Mi dispiace per te, ma il Natale io l’ho sempre vissuto come la festa più bella dell’anno e ancora adesso riesco a viverlo con l’atmosfera di quando ero un bambino.
      Se per te il Natale vuol dire viverlo bene solo perchè Baglioni canta “tu scendi dalle stelle” non è una cosa che mi riguarda.
      Per me Savelli può dire quello che vuole dato che tra l’altro è un grande amico di Baglioni…alla fine chi parlerà sarà la classifica perchè i dischi li comprano le persone e non i critici e “secondo me” sarà l’ennesimo album di Baglioni che non scalerà le classifiche (come d’altronde hanno fatto gli ultimi suoi dischi).

  2. Pasquale, volevo chiederti: ha provato a fare,ultimamente,concerti negli stadi e questi erano vuoti? Informami perche’ non sempre sono a conoscenza dei fatti. Comunque a me non sembra. Non dovete stare con il fucile spianato!! Claudio il pubblico ce l’ha e questi sono granellini di sabbia nei suoi confronti. Mi rendo conto che bisogna anche accettare le critiche negative quindi rispetto le vostre idee.

    1. Gli è bastato vedere che nel 2003 in tutte le date fatte, gli stadi erano pieni per metà (l’unica data fu a Roma con stadio un pò più pienotto).
      A Firenze (quando l’ho visto io) avevano chiuso al pubblico tutta la curva Fiesole più una parte di tribuna per riunire tutte le persone nella restante parte dello stadio.
      E questo avveniva nel 2003 quando aveva ancora un pò di credibilità… pensa adesso quanta gente andrebbe a vederlo in uno stadio.

      1. e poi se claudio fa un tour negli stadi dopo un album inedito io penso che riempirebbe .. parecchia gente aspetta questo …..

    2. infatti anna in questi anni non ha cantato negli stadi … e se ultimamente è apparso molto in tv io credo lo abbia fatto anche per o’scià …

      1. Solo l’Olimpico fu pieno, il resto degli stadi durarono fatica a riempirsi per metà.
        Ricordo articoli di giornali di quel periodo che parlavano di flop Baglioni.
        Il prblema Flavio è che nel 1998 Baglioni riempì tutti gli stadi in cui cantò…mentre 5 anni dopo nel 2003 fece fatica a riempirne uno.
        Adesso sono passati 10 anni e non penso che la cosa possa andare a migliorare (spero di essere smentito).

        1. mi dispiace che claudio in quel tour non sia riuscito a riempire gli stadi .. è triste certo ma poi gli altri concerti non furono flop riscossero abbastanza successo … certo claudio non canto più negli stadi non so se per scelte prevalentemente acustiche …. io invece credo che in parecchi andrebbero visto che molti aspettano un cd inedito c andrebbero .. spero che non sia come dici tu in questo prossimo tour perchè anche se dovessi amare il nuovo album certo sarebbe un grande dispiacere e non lo nego …

  3. LE CHIACCHIERE STANNO A ZERO, UN DISCO PUò PIACERE O NO! Claudio ha esaurito la sua ispirazione con l’uscita di “OLTRE”, i dischi successivi sono elaborazioni degli scarti di quel grande album.
    Il discorso è puramente commerciale, se firmi un contratto con la SONY poi devi impegnarti in un modo o nell’altro a pubblicare qualcosa, e lui l’ha fatto: una miriade di inutili dischi live con saltuari inediti di dubbia qualità, comparsate promozionali di qua e di la, lauree prese con tanto di fotografi al seguito, canzoni sulla costituzione e chi più ne ha più ne metta. In tutto questo avrà raccimulato qualche migliaio di copie vendute (cosa che prima vendeva forse in un giorno solo). Sicuramente la colpa non è tutta sua ma anche di quella miriade di collaboratori che mi sembra non abbiano nulla a che fare con la musica.
    L’anno prossimo sarà la stessa cosa: un battage pubblicitario mesi prima della pubblicazione dell’album, eventi collaterali di natura essenzialmente pubblicitaria che lui con la sua parlantina giustificherà come essenziali per comprendere il significato della sua nuova opera. Spero che almeno sarà un buon disco, anche se non credo proprio, la sua voce non glielo permette più…
    A me piace ricordarlo quando stava anni non si sa dove e poi usciva il disco, quel capolavoro musicale che segnava un’epoca e poi il tour. Spero si ritiri presto anche se credo che la sua immagine di grande musicista sia stata ormai da lui stesso rovinata.

    1. Pasquale……straconcordo con te al 100%.
      Bravo!!!!!
      Hai detto in maniera più dura (e più sincera e vera) ciò che penso anch’io.
      Un applauso.

    2. eh si vabbè … cosi butti fango su opere del tipo fammi andar via titoli di coda etc ….. hai mai provato a cantare le canzoni di claudio nelle tonalità in cui le canta negli ultimi tempi?? credi che un uomo a 61 anni possa cantare come a 40?? hai visto a dieci dita come ha cantato … non credo ….. dopo oltre c’è stata una salita che voi non riuscite a capire …. certo la voce col tempo è scesa un pò ma lui ha vinto tutto questo con studio e professionalità …. voi siete un pò troppo pessimisti …. se avete ascoltato attentamente l’album capirete che la voce di claudio sta in forma ….purtroppo claudio è andato oltre lo stesso oltre e voi non lo capite ….. QPGA può lo stesso essere considerato un album inedito visto che anche le cose vecchie sono completamente rinnovate ….. provate a cantare in originale QPGA versione 2009 in tonalità originale ! vedete se riuscite a farlo con naturalezza .. c devo fare io fatica che ho 22 anni e mi posso permettere una voce abbastanza estesa ……….perchè claudio dovrebbe ritirarsi se ha ancora gente che lo apprezza e che crede in lui?? i suoi tour sono stati sempre grandi successi negli ultimi anni ….. se non apprezzate più claudio che senso ha venire su questa pagina a buttare fango su capolavori successivi a oltre?????

      1. Allora … l’album successivo ad oltre (io sono qui) è stato un bellissimo album.
        Quello dopo (Viaggiatore sulla coda del tempo) non mi ha particolarmente colpito….canzoni con alte tonalità che addirittura Claudio cantava in playback nel Tour blu.
        Successivamente e per ultimo (Sono io, l’uomo della storia accanto) è un album nella media, alterna cose molto buone ad altre più discutibili.
        Tralasciando il fattore voce che nell’invecchiare si deteriora a tutti (vedi Celentano nei concerti trasmessi su canale 5 un mese fa), io volevo dar ragione a Pasquale per tutto il resto…rileggiti tutto il post che ha scritto senza dar importanza al discorso della voce e vedi che il discorso non fa una piega.
        Nessuno di noi ha detto che dopo Oltre ha fatto cose pessime, ma quando diciamo cose del tipo “una miriade di inutili dischi live con saltuari inediti di dubbia qualità, comparsate promozionali di qua e di la, lauree prese con tanto di fotografi al seguito, canzoni sulla costituzione e chi più ne ha più ne metta” intendiamo negli ultimi 9 anni…perchè così è stato…E ti elenco il tutto: Crescendo e cercando, tutti qui, gli altri tutti qui, quelle degli altri tutti qui,Buon viaggio della vita, Q.P.G.A., Per il mondo. World Tour 2010, Strada facendo: 30º anniversario…più i video: Tutto in un abbraccio, Crescendo e Cercando Tour 2003-2004, Quelli degli altri, Tutto qui, Tutti qui tour, Q.P.G.A. Filmopera …e chissà cosa se ho dimenticato qualcosa…..questo è ciò che intendevamo io e Paquale.
        Non c’entra niente il periodo che va da Oltre a Sono io … il discorso è su ciò che è capitato dopo.
        Tu hai 22 anni, io ne ho 41…e so la differenza che c’era tra il Claudio di prima e quello degli ultimi anni che hai conosciuto tu.

        1. cuore di aliante e altre canzoni contenute in viaggiatore sono canzoni che claudio ha cantato in playback perchè sono abbastanza stancanti … infatti cuore di aliante prende note paurose ed è una canzone di tutto rispetto veramente qualcosa di unico e molto apprezzata anche tra i miei coetanei poi tra l’altro nel tour tutti qui è stata cantata in origina seppur alcune parti le ha fatte in falsetto ma ci può stare …..è vero io mi definisco un fan di ultima generazione di claudio però sono andato a scavare nel passato di questo grande artista …..praticamente la sua musica mi ha formato interiormente e di questo non smetterò mai di ringraziarlo …. partiamo dal presupposto che ovviamente oltre sia l’apice di claudio ma non possiamo considerare scarsi gli altri album …è ovvio che poi de gustibus non disputatum est…io ad esempio considero viaggiatore un album di spessore degno di claudio …..io invece non credo sia la classifica che uno debba tenere in considerazione ma bensi il lavoro svolto e la passione che claudio c mette .. è vero che gli ultimi dischi di claudio non hanno venduto come i precedenti ma va considerato che era materiale in gran parte edito …. salvo QPGA che è un’opera fatta bene e colossale dove la musica non manca e gli arrangiamenti sono ottimi ….. ripeto che parecchi fan aspettano questo nuovo doppio album inedito che da quello che ho capito un cd conterrà molta elettronica e uno sarà prevalentemente acustico … ripeto forse il nuovo album non venderà milioni di copie ma sicuro sarà un successo notevole perchè di gente che ammira claudio ce n’è ancora tanta ….. poi ripeto che per me anche se l’album dovesse vendere ad esempio 1000(copie) cosa tra l’altro impossibile !! secondo me minimo 300.000 copie ne vende sicuro …… dicevo anche nel caso le vendite andassero male ma l’album sia fatto bene e non capito dagli altri per me sarebbe sempre un successone …….. VAI CLAUDIO SAPPIAMO TUTTI CHE PUOI DONARCI NUOVE EMOZIONI CON IL NUOVO LAVORO !!

          1. Partiamo da più punti…. se una o più canzoni di un album le fai troppo alte per cantarle dal vivo….o le incidi più basse oppure non le canti in un concerto… e questo secondo me deve essere per tutti i cantanti e non solo per Baglioni.
            Io sono contento che un ragazzo di 22 anni sia un grande fans di Baglioni, non dobbiamo essere per forza tutti sopra gli “anta” per amare la musica di quest’uomo….ciò che volevo dire io è che se non hai vissuto i momenti d’oro di questo artista, non puoi capire il mio stato d’animo.
            Ho fatto le carte false per vederlo nei posti più impensati da ragazzo, ed ho sofferto molto quando spariva per anni senza farsi MAI vedere e adesso trovo la controfigura di quello che era un tempo.
            Io sono il primo a sperare che il nuovo album sia bellissimo e che faccia rivalutare la figura di Baglioni da chi lo sta sottovalutando, perchè odio vedere un’artsta che era considerato un tempo il più grande cantante italiano (negli anni 80, primi 90 era il Vasco Rossi di allora) che adesso viene deriso da chi non ama la sua musica e che perde molti ammiratori.
            Fino ad almeno 10 anni fa c’era chi lo amava (tantissimi) e chi lo odiava, ma nel mezzo c’erano molti che stavano nel mezzo, ovvvero quelli che lo ascoltavano con piacere senza troppi entusiasmi e che per curiosità lo andavano anche a vedere in un concerto…ecco adesso questi ultimi (quelli nel mezzo) sono passati dalla parte di quelli che lo odiano, che non ne possono più, che quando lo vedono in tv cambiano canale.
            Passare (non dai fans, ma dalla gente neutra) da essere un grande ad essere uno dei tanti (senza ricordarsi quanto grande era stato) mi dà molta noia e tutto questo è capitato per le scelte poco felici che ha fatto ultimamente.
            Lo stesso QPGA molte persone che io conosco mi hanno detto “Che fa? Ricanta Questo piccolo grande amore un’altra volta in maniera diversa? Ha rifatto un album suo in chiave più moderna? Certo che non ha prorpio più niente da dire” e così si tira la zappa sui piedi.
            A te piace tanto QPGA, ma io quando devo ascoltare quell’album (li ho tutti e due) preferisco di gran lunga il più blasonato del 1972 con i suoi arrangiamenti che lo hanno reso grande.

            1. gabriele il fatt è che le canzoni che claudio ha inciso in viaggiatore non sono fuori dalla sua voce ma sono pezzi particolarmente faticosi che in un concerto stancano e quindi per non trovarsi troppo stanco in un concerto ha utilizzato il playback ….. da notare xò che è dal 2004 che claudio in tutti i suoi tour non ha fatto più utilizzo del playback .. canzoni come mille giorni di te e di me le canta ancora in originale(non le può abbassare perchè alcune canzoni di claudio sono gia molto estese verso il basso)poi non importa nulla se claudio qualche canzone ora la canta più bassa perchè la cosa è naturale e non è colpa sua …secdondo voi non piacerebbe anche a lui avere ancora l’estensione che aveva a 30’anni?? poi ora riesce ad usare la voce anche con più stile in molte canzoni ……. ma dico io quanti ce ne sono che a 60 fanno un concerto solista e cantano tre ore ogni sera?? io da fan non starei a vedere se l gente che andava prima ai suoi concerti che fanno parte della seconda categoria da te citata ora lo odiano … fatti loro intanto claudio ha una carriera musicale di tutto rispetto e le persone che lo odiano hanno fatto 40 anni di carriera musicale?? sono amati da gran parte dell’italia?? in fatto di vendite ripeto credo che se il disco non vende un milione(e purtroppo questo e anche perchè parecchi giovani seguono tante altre porcherie che non possono minimamente competere con claudio)minimo 300.000 copie ne vende sicuro anzi ne potrebbe vendere molto di più qpga si era avvicinato a 200.000 copie nella seconda settimana …….inanzitutto xò invece di pensare alle vendite pensiamo alla qualita del prossimo progetto inedito …. essendo doppio magari si ripete la storia e torna un nuovo oltre ma non penso perchè claudio ha detto più vlte che non potrà andare oltre viaggiatore … ma non midispiacerebbe nemmeno un doppio album ai livelli de la vita è adesso o strada facendo e nemmeno sono io !….tornando al fatorr voce claudio ha detto che infatti un periodo aveva avuto un problema che aveva avuto anche sting e quindi aveva ripreso a studiare canto e infatti i risultati si sono visti!

  4. allora, per baglionizzazione del Natale per me si intende che: parliamo di un cd natalizio, quindi niente di nuovo, percorsi per altro gia’ fatti da fior fior di interpreti italiani e no,magari con piu’ leggerezza, il Nostro invece di proporlo come un lavoro cosi’ senza infamia e senza lode, per provare, della serie (la casa discografica mi ha proposto un cd di natale e non ho potuto dire di no) opta come sempre per una presentazione in pompa magna,numero di pezzi esagerato, arrangamenti mega, fotografia raffinate ecc ecc, ecco il NUOVO cd di Baglioni. Questo e’ per me Baglionizzare il Natale. Forse si potrebbe dire ,prendersi un po’ troppo sul serio, per dei brani che tutto sommato si ascolteranno forse solo a Natale, e che dubito avranno tanta rotazione in radio, a me e’ bastato sentire le sue parole, il dover x forza spiegare cosa e’ e cosa era x il lui il Natale e cercare di far passare un messaggio alto x le canzonette natalizie….non so se comprero il CD
    Aspettiamo Maggio….sperando che sanremo non faccia danni ulteriori alla sua immagine.

  5. Beh, il fatto che abbia detto che a Maggio potrebbe essere il vero declino di Claudio non la vedo così rara come cosa.
    Intendo dire che dopo 10 anni di album, raccolte e live che sono stati “niente di particolare”, adesso deve tirare fuori gli attributi e fare “qualcosa di molto valido” perchè non può campare sempre di”strada facendo” e di “la vita e adesso”.
    Dopo 10 anni di furbate e di operazioni commerciali adesso è arrivato il momento di tirare fuori le unghie.
    Secondo me se non lo fa a questo giro può perdere molti fans.
    Io che amo la musica di quest’uomo dal lontano 1984, inorridisco al pensiero di questi 10 anni spesi ad autocelebrarsi.
    A me piaceva quando spariva per anni e ricompariva con vere e proprie opere d’arte musicali.
    Per me questo disco è inutile e barboso…..purtroppo c’è chi lo apprezzerebbe anche se un giorno cantasse “la vispa teresa” e solo perchè chi lo fa è Baglioni e questo non vuol dire che Claudio stia facendo le cose per il verso giusto.
    E’ vero anche un’altra cosa, ovvero che stia facendo il pieno alla seconda edizione di “dieci dita”…a me la cosa non interessa più perchè mi sono veramente annoiato di sentirgli cantare sempre gli stessi brani.
    Io al concerto al Campovolo, prima che si esibisse dissi a mia moglie “Baglioni farà Strada Facendo, la vita è adesso e via” e tutto questo senza sapere la scaletta…effettivamente ha fatto questi brani, perchè in 10 anni di comparsate canta sempre i soliti brani e a me ha stufato.
    Aspetto a gloria il doppio cd sperando di dire “BENTORNATO CLAUDIO…..finalmente”

    1. io sinceramente capisco molto gran parte del tuo discorso gabriele lo capisco e lo rispetto anche se su molte cose non condivido ….capisco che per te che segui claudio da cosi tanto tempo sicuramente può dar fastidio vedere claudio per molto tempo non fare cose inedite …..perchè vedere le cose degli ultimi anni di claudio come commerciali? ripeto che anche i dischi inediti di claudio non mi sembra siano gratuiti …. al concerto di campovolo c’ero anche io e lo stesso avevo immagginato che avrebbe cantato la vita è adesso e strada facendo .. non mi aspettavo via sinceramente … ma era naturale che cantava questi brani in cosi poco tempo ..in fondo sono i suoi pezzi chiave .. guarda gabriele che anche in questi dieci anni ci sono stati parecchi inediti da poterne fare un album … certo anche per me non sono a livello di quelli della trilogia del tempo … inoltre aggiungo anche delle considerazioni su sono io che è un bellissimo album molto sottovalutato da una parte di fan … in sono io ci sono parecchie cose che dovevano finire in oltre ….. l’album di natale ripeto che è stata una trovata curiosa .. all’inizio non mi convinceva nemmeno .. ora che l’ho sentito devo dire che è carino per quanto riguarda i pezzi(parecchi in lingua straniera non li capisco perchè le lingue straniere non sono il mio forte)invece sono molto belle e di classe le musiche e anche le esibizioni di cla … su questo non ci piove la voce di cla è in perfetta forma sicuramente più in forma di qualche hanno fa .. si sente che ha ripreso a studiare canto …mi auguro anche io che il nuovo album possa essere ben apprezzato da tutti(anche se prima mi importa che sia apprezzato da me) certo ci rimarrei male se non andasse bene …. ma la cosa che questo accada è difficile perchè claudio è un’artista di grande spessore e certo la musica la sa fare e sa anche scrivere..i video di con voi mi hanno fatto inquadrare forse un pò la tematica dell’album … e se ho capito bene è una tematica presente molto nei testi di claudio e mi fan ben sperare …….

  6. Signora Marinella Venegoni, non avevo dubbi che fosse lei, infatti riguardando la critica sollevata contro gli artisti di Italia loves Emilia appare la sua firma. Mi sembra che abbia qualcosa in contrario riguardo alle iniziative di Claudio. Si nota anche il riferimento che fa nei confronti dei cofanetti contenenti gli album che non fa Eros, osservazioni di poco conto. Non e’ la confezione che fa amare un artista ,un cantante. So che il suo mestiere la fa stare sempre in agguato ma non deve essere cosi’ agguerrita nei confronti di chi il mestiere lo sa fare veramente a prescindere dai gusti. Siamo fieri di non piacere a tutti.

  7. Si tratta di un disco particolare. Si puo’ discutere sull’opportunità o meno di inciderlo, ma ritengo che Claudio lo abbia fatto per un motivo molto semplice. A differenza della comune opinione, secondo la quale gli interpreti puri sono degni di una considerazione minore rispetto ai cantautori, egli ama vedersi nelle vesti di interprete puro e accostarsi a ciò che i grandissimi, incominciando da Sinatra,hanno fatto. Alcuni momenti, alcuni brani sono stupendi: penso a Coventry carol e Cantique de Noel. Altri mi convincono meno. Tuttavia l’opera è interessantissima anche filologicamente, perchè attinge e recupera canti di tradizione talvolta ignorati e sconosciuti ai piu’. L’arrangiamento dei brani e la voce di Claudio conferiscono un’atmosfera di struggente malinconia. Sulla Venegoni e sulla baglionizzazione del Natale, non mi esprimo: la vera diva è lei, che si atteggia a superstar del giornalismo. Aspetto con fiducia maggio 2013.

  8. Non ho ancora avuto modo di ascoltare l’album, pero’, essendo un disco natalizio non ha sicuramente ritmi da discoteca. Comunque le canzoni non sono mai belle dopo averle ascoltate una sola volta. Volevo rispondere alla signora Marinella Venegoni: non penso che Claudio abbia studiato di fare cio’ perche’ non ha ancora sfornato un album di inediti come ha confermato lei. Non deve spiegazioni a nessuno soprattutto per le sue opere che non richiedono poco tempo per essere realizzate. Ricordo anche che Claudio in un’intervista disse di doversi soffermare per una preposizione semplice o articolata per parecchio tempo. Non scrive canzonette sa’; comunque avete sempre il dente avvelenato e siete sempre pronti a giudicare anche la minima iniziativa. Le auguro una buona notte se ci riesce.

  9. Ieri un amico mi chiama e mi dice…..”Ciao Gabry, non ho resistito… ho comprato l’album natalizio di Claudio…ti va se lo ascoltiamo insieme la prima volta?”
    L’amico dista molto poco da casa mia e quindi l’ho raggiunto dopo mezz’ora.
    Mette il cd nel lettore e ci sediamo sul bordo del letto in religioso silenzio.
    Passano circa 15 minuti e un timido sbadiglio arriva sul mio volto…cosa che tra l’altro non tarda ad arrivare anche al mio amico.
    Dopo una mezz’oretta gli sbadigli e le faccie sconsolate si moltiplicavano.
    Dopo un’oretta non ne potevamo più, la noia era totale e non vedevamo l’ora che finisse il cd.
    Alla fine del disco la mia unica gioia era suella decisione (già presa prima dell’uscita dell’album) di non comprare assolutamente questo disco e il mio amico invece era molto arrabbiato della spesa effettuata.
    Tutti e due siamo della comune idea che il prossimo doppio cd è bene che sia un qualcosa di veramente valido, perchè se continua con queste lagne la sua carriera si rovina definitivamente nel Maggio 2013.

    1. mamma mia !! secondo te tutte le persone la pensano cosi?? non credo proprio che la carriera di claudio si possa rovinare a maggio e chiamare questo lavoro lagna ……….. sono solo tuoi pareri .. ma c’è tanta altra gente che ammira ancora claudio .. altrimenti non avrebbe fatto i sold out a dieci dita …. il lavoro è fatto bene e musicato bene oggettivamente .. parlano i nomi delle orchestre e dell’arrangiatore e del cantante che non sono sprovveduti ….e tanto si sa che claudio non è un incapace ed ogni suo lavoro è fatto bene … tutte le altre cose sono opinioni .. e tante volte a dir la verita infondate ….

      1. Ciao Flavio, mi e’ piaciuto tanto il tuo commento. Sono daccordo con te, non so come si possa pensare che la carriera di Claudio volga al termine per un album che a momenti non e’ stato neanche ascoltato. E’ inaudito, scommetto che Gabriele e il suo amico avevano gia’ sonno altro che sbadigliavano ascoltando Claudio!! Un saluto e grazie ancora Claudio.

        1. ciao anna 🙂 è solo quello che penso ….l’ho detto anche su un’altra pagina che purtroppo non si trova più una via di mezzo … ci sono i buonisti a cui va bene ogni cosa e i cattivisti che subito vedono il peggio in qualcosa … per me bisogna vedere attentamente le cose prima di dare un giudizio che anche se deve essere negativo non deve essere pessimistico ….ripeto non so come si fa a dubitare delle potenzialità di claudio solo perchè in questi anni non ha fatto un album interamente inedito … da ricordarsi poi che in questi anni ha scritto tantissimi inediti che sono bellissimi ….non credo che gabriele e l’amico avessere sonno … capisco che non possano aver apprezzato .. ma questo non vuol dire che l’opera sia scarsa ….. certo claudio può fare ben altro … ma alla fine lui è padrone della sua carriera e quindi se ha voluto fare altre cose avra avuto i suoi motivi .. che non credo che siano commerciali come pensa altra gente perchè in fin dei conti i cd inediti sono gratuiti??!! non credo …. QPGA in gran parte conteneva cose inedite quindi ……la gente prende di malocchio QPGA solo perchè la vede come operazione commerciale ma non è cosi …. purtroppo hanno sempre come punto di riferimento oltre per valutare claudio … per quanto oltre sia raffinato e maestoso non è giusto prenderlo come parametro di misurazione con gli altri album … senza contare poi che dopo oltre gli album inediti che ha fatto sono stati grandiosi … e c’è gente purtoppo che dice che la discesa di claudio sia cominciata dopo oltre …. dico solo questo BAZZECOLE ! claudio dopo oltre ha fatto inedtiti straordinari e continuato a cantare in modo perfetto e se ogni tanto ha steccato … beh errare umano est è claudio è umano non è dio!

      2. sold out… il problema è quello, prima riempiva gli stadi, edesso gli auditorium. Perchè ha perso tutto questo pubblico??? Secondo te perche?

          1. perchè quanto pubblico ha perso poi?? se non fa più concerti negli stadi è perchè vuole cantare in altri posti …posti più intimi e meno fracassosi degli stadi … infatti anche ”tutti qui” è stato l’ultimo tour nei palasport … credo che c abbia pensato che ha raggiunto una maturità x la quale non può mettersi a cantare in uno stadio … certo va a finire che il prossimo tour potrebbe essere in uno stadio e buon per lui se sia cosi …

              1. sappiamo benissimo che i concerti di claudio sono sempre stati eventi di massa ……. e poi cosi grave per un’artista del suo calibro poter fare uno spettacolo dove lo stadio non è pieno al cento per cento?? tour a seguire ripeto che non mi sono sembrati fiaschi e un pò sono stati fatti anche in palasport …. non c’entra niente per me che uno riempie solo perchè lo fa all’auditorium ..chissà quanta gente che vuole vederlo non riuscirà ad acquistare i biglietti ……. poi questo album natalizio a voi non piace eppure ha ricevuto molte critiche positive ……è vero non venderà più milioni di dischi ma purtroppo la gente non è riuscita a capire alcuni lavori inediti dopo oltre … e tu seu tra questi pasquale perchè gli album successivi a oltre non si possono considerare solo scarsi di oltre …. claudio ha sempre scritto e parecchie canzoni che non ha incluso negli album le ha sempre riutilizzate in seguito e questo gia prima di oltre!! basti pensare che mille giorni di te e di me era gia stata fatta ai tempi de la vita è adesso e doveva essere inclusa nell’album ..poi è andata a finire in oltre con ulteriori modifiche ……se poi claudio ultimamente è sempre presente ho visto un video dove spiega le sue ragioni … beh in parole povere ha capito che sbagliava a stare molto lontano dal pubblico perchè questo alla fine è un mestiere che fa per stare a contatto con il pubblico e questo lo fa essere felice gli piace stare in mezzo alla gente e credo che se lo meriti dopo una carriera colossale come la sua .

                1. Ciao Flavio… vai un pò a vedere che posizione ha raggiunto il grande disco “un piccolo natale in più” dopo sole 7 settimane…. Classifica FIMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button