Home / In evidenza / Disco d’Oro per ConVoi

Disco d’Oro per ConVoi

888837907224Riportiamo un articolo segnalatoci da Lucy, un’amica di Doremifasol.

Certificazioni FIMI: Disco d’Oro per “ConVoi” di Claudio Baglioni. Platino per Mika nei singoli

Arrivano anche questa settimana le nuove certificazioni FIMI-GfK, relative alla Week 47/2013, con dati di vendita fino al 24 novembre.

Tra gli album, Claudio Baglioni ottiene il Disco d’Oro (oltre 30.000 copie) con il nuovo disco ConVoi, rilasciato il 22 ottobre scorso

Oro anche per Lightning Bolt dei Pearl Jam, pubblicato lo scorso 11 ottobre.

Per quanto concerne i singoli, nessun italiano in questa settimana: conquistano il Disco di Platino (oltre 30.000 copie vendute) Mika con Stardust – in vetta alla Top Ten Singoli –, Empire Of The Sun con Alive, Passenger con Let Her Go.

Fonte

Anche il sito della Fimi riporta la certificazione del disco d’Oro per il superamento delle 30 mila copie vendute di ConVoi:

Fimi

 

COMPACT DISC:

HOME PAGE CD

redazione

La redazione di doremifasol.org e saltasullavita.com è composta da tanti amici ed appassionati della musica di Claudio Baglioni. Un grazie a loro per il lavoro e l'aiuto apportato a questo portale - Per scrivere alla redazione usare wop@doremifasol.org - Capo Redattrice e coordinatrice: Sabrina Panfili [Roma]

Potrebbe interessarti anche:

 



55 commenti

  1. Sicuramente questo album rappresenta un’evoluzione musicale senza precedenti nella storia della musica italiana, poi può capitare che non piaccia proprio a tutti, ma bisogna rendere merito a Baglioni di aver fatto un lavoro a dir poco egregio che farà la Storia.

  2. Io ritengo che sebbene da un punto di vista delle vendite questo album sia proprio una fetecchia, che nel tempo, magari nei decenni, sarà ricordato come uno dei migliori che Baglioni abbia mai prodotto.

  3. Al di là della soggettività del gusto personale, io credo che questo disco è molto bello. Chi dice che è brutto non tiene sentimento nel petto.

  4. qualcuno di voi qui ha offeso quelli che come me non capiscono i testi di Claudio Baglioni, che per me è un grande, ma io continuerò ad acquistare i suoi cd anche se per me incompresibili testualmente
    antonella (disabile)

  5. Volevo aggiungere qualcosa sul versante “testi”: su questo, pur non disprezzandoli in assoluto, e non mettetemi in bocca che con questa critica preferisco quelli di Marco Carta, sono sulla stessa linea di Pasquale e degli altri critici.
    Il ricorso alle figure retoriche, pur denotando studio e attenzione certamente superiore alla media nazionale, non dà la stessa diretta emozione e immediatezza, la stessa immedesimazione di prose più semplici ma ben scritte.
    I testi di Claudio da Strada Facendo ad Oltre, con il picco secondo me ne La Vita è Adesso, non avevano bisogno degli artifici retorici per essere splendidi.
    Raccontava storie commovendo e colpendo nel profondo ad ogni strofa, cito “I Vecchi”, o “Tutto il Calcio..”, oppure “Mille giorni di te e di me”!
    Poi da Io Sono Qui ha cominciato a scrivere in quel modo, e va bene, erano piacevoli…faceva parte del cambiamento anche musicale a cui Claudio ha sempre fatto ricorso da un album all’altro!
    Il problema è che doveva fermarsi a quell’album, continuare anche nei successivi 3 a scrivere in quel modo, a mio avviso, fa apparire quella scrittura un po’ fine a sè stessa, stucchevole, usando le figure retoriche anche come riempitivo dei testi, come sottolineava qualcuno!
    Ripeto, nessuno qui credo voglia demolire Claudio Baglioni e la sua splendida carriera: tra vent’anni, quando spero ci sarà ancora, ma quando spero altrettanto si sarà ritirato dalle scene con un gran finale, ne parleremo tutti come di quello che ha costruito la musica italiana d’autore assieme a pochi altri; ma queste che facciamo non sono cattiverie gratuite, sono critiche d’affetto perchè vorremmo che mantenesse sempre i grandi livelli a cui ci ha abituato…

    • La vita è adesso e Oltre sono pieni di figure retoriche…Oltre è a tratti criptico.

      • Oltre è , se permettete una figura ossimorica, ” apertamente criptico”, ma tanto dall’essere scorrevole e fruibile se ci si presta attenzione! In effetti in quell’album aveva cominciato ad andare in quella direzione ma non in modo sparato come da Io Sono Qui in avanti. Invece ne La Vita è Adesso non ricordo ricorsi a quel tipo di scrittura ossessiva, pur se più ricercato rispetto a Strada Facendo. Ovviamente “bentornato a questo sole…quando allaga letti e cuori..” è una figura retorica ma certamente meno forzata e fine a sé stessa delle tante degli ultimi 2 album, non concordi?

  6. Ma negli ultimi 20 anni quanti album memorabili sono stati pubblicati in Italia? L’ultimo, a mio parere, è stato Anime Salve di De Andrè.
    Pretendere ancora capolavori da Baglioni mi sembra eccessivo. Anzi con mia sorpresa Con Voi presenta canzoni di indubbio valore. L’unico limite dell’album è che vi sono brani che presentano ritornelli assolutamente non cantabili ( In cammino-L’ultima cosa che farò’) e che gli arrangiamenti in altri sono troppo simili a quelli di Sono Io ( molto deludente). Però gli anni della gioventu, una storia vera, in un’altra vita , dieci dita e come un eterno addio mi piacciono molto.

  7. io penso una cosa non si può prevedere quante vendite avrà il disco, è poi sinceramente dopo più di 40 anni di canzoni di musica che claudio ci ha regalato sempre con grande emozione adesso quello che mi rende felice è vedere un baglioni di nuovo motivato da un progetto per me fantastico con un album che secondo me è di di altissima qualità…..per me accanirsi cosi tanto contro un cantante che ancora oggi è il migliore per me, godiamoci questi momenti che potrebbero essere gli ultimi che questo anno porterà un altro album altri live ma poi?…sarà forse un finale di storia di un cantante musicista autore che ha fatto la storia è questo lo sarà persempre io lo ringrazio per tutto quello che ha fatto l’emozioni che mi ha regalato attraverso la sua grande voce, nei concerti,nelle canzoni….smettiamola di polemizzare lui rimarrà sempre un artista fantastico.

    • Hai detto giusro Riccardo, molti pensano che a qualunque età una persona debba essere sempre uguale e immortale, il tempo passa inesorabile e cambia il modo di vedere e vivere le cose della vita; del resto Claudio ha sempre detto questo nelle sue canzoni e chi non riesce a cogliere questo vuol dire che non ha mai ascoltato con interesse il suo repertorio.
      Comunque ripeto fino alla noia, ditemi quali cantanti possono considerarsi superiori a Claudio che è da considerarsi un signore in tutto, ben oltre la sua professionalità.
      Io sono quasi coetaneo di Claudio, ho vissuto in gioventù alla fine degli anni sessanta e primi settanta,
      l’epoca della rivoluzione culturale e musicale di quegli anni, alla domenica si andava a ballare al ritmo dei complessi inglesi e americani molto noti all’epoca, bravi ma un casino assordante che veniva scambiato per arte musicale, quel tipo di musica mai ha fatto breccia in me stesso, che non sono tipo da facili entusiasmi; poi, come per incanto, nel 1972 è apparso Claudio che ha portato oltre a una musica diversa, quella voglia di sentirsi giovani anche senza fare del casino inutile, a me ha fatto vivere la gioventù con sogni semplici e incondizionati dall’inutile gazzarra che anche allora regnava.
      Adesso Claudio è un uomo di 62 anni che riesce ancora a dire qualcosa a chi ha voglia di ascoltarlo con prefondità, lasciando perdere tutto il materialismo e le assurdità lette su di lui.

  8. Buondì i gusti personali sono appunto tali e indiscutibilmente soggettivi e inattaccabili. Il successo attuale è il metro unico per decretare se un artista continua ad arrivare al pubblico allargato (non solo a noi irriducibili). Come appurarlo? Semplicemente togliendoci i paraocchi e mettere sulla bilancia, passaggi radio, posizione di classifica e popolarità appunto allargata tra amici e conoscenti che ascoltano anche altre voci.
    Poi è come discutere sul sesso degli angeli, non è detto che il più passato nelle radio, in cima alle classifiche per settimane è il cantante che ha sfornato un opera d’arte, ma questo lascia il tempo che trova. Poi posso tranquillamente affermare che me ne frego delle classifiche, dei passaggi radio ma da persona obbiettiva non posso valutarne nel tempo, le condizioni di questi parametri e trarne delle considerazioni.

  9. Questo album secondo me è una botta assurda, non sono d’accordo con Pasquale, anzi ritengo come mia personale opinione che è uno dei migliori album pubblicati in Italia negli ultimi 5 anni. I testi sono molto profondi, con figure retoriche introdotte con maestria nei punti giusti. Giudizio assolutamente positivo. Alla fine raggiungerà quanto meno le 500.000 mila copie. D’altronde non possiamo fare una colpa a Baglioni se dilaga l’ignoranza musicale e la gente non comprende i suoi messaggi.

  10. Qui si parla di due cose diverse: una cosa è discutere sulla qualità del disco e sui suoi contenuti, di quanto siano poco vicini ai giovani d’oggi e alla musica che ascoltano. Io personalmente non sono interessato alla classifica perché non rispecchia la qualità di un disco e soprattutto non rispecchia i miei personali gusti. Tutti i commenti in tal senso sono giusti e sbagliati allo stesso tempo perchè molto personali. Un altro discorso è parlare delle vendite, numeri oggettivi comparati con altri numeri di altri artisti. Trovo un po’ ridicolo fare voli pindarici per dimostrare che il disco stia vendendo alla grande e che in futuro continuerà a farlo. In genere i dischi tendono a scendere con il tempo, ci può essere un’inversione di tendenza se esce un nuovo singolo che traina il disco verso l’alto. Ma sentendo le canzoni del cd non mi sembra che nessun brano sia in grado di compiere tale impresa. Quindi temo che la tendenza resterà questa. Poi certo sotto Natale i dischi si vendono di più, ma è bene ricordare che TUTTI i dischi si vendono di più non soltanto CON VOI, quindi non c’è alcun motivo logico che faccia risalire il disco sotto le feste. Il livello di successo di un disco si valuta in base al confronto del successo di altri dischi venduti nello stesso periodo storico. E ci sono già 20 dischi più venduti di CONVOI dopo sole 5 settimane. Poi, è inutile confrontare le vendite con il passato perchè sappiamo tutti che i cd si vendono sempre meno.

    Poi vorrei fare una mia considerazione sulle canzoni del disco: personalmente i pezzi meglio riusciti sono Con Voi e Gli anni della gioventù. Sono quelli che mi arrivano e penso di sapere il perchè. Sono gli unici brani in cui aveva qualcosa da dire, da raccontare, e in questo Baglioni è il numero uno. I testi delle altre canzoni mi sembrano ‘riempitivi’, piene di concetti già detti e ridetti (come le interviste che fa), e giochi di parole che anche se, per alcuni, hanno un significato profondo io trovo che siano sterili e incomprensibili. Le canzoni del passato che tutti noi amiamo sono canzoni in cui lui aveva qualcosa da dire, una storia da raccontare, un messaggio ben definito da descrivere. Per questo ci emozionavano.
    Adesso vi saluto, metterò i miei auricolari e non per sentire Vasco, Liga o chissà chi, ma per sentire il nostro claudio in “Tutto il calcio minuto per minuto.”
    Ciao e grazie per chi è riuscito a leggere fin qui.
    Mario
    ps.
    FORZA PASQUALE RESISTI!!

    • Mario, dimmi chi sono gli altri artisti che hanno sempre qualcosa di nuovo da dire; a me che sono un sognatore non viene in mente nessuno, e poi, noi cosa abbiamo da dire di nuovo; molto qualunquismo travestito da sentenza che sta bene solo a noi.
      Claudio è un personaggio unico e per fortuna sembra essere fuori dal tempo, ma non nel senso penoso come pensano quelli che hanno finito i sogni, ma fuori da questo tempo di bruttezza infinita e modernità reazionaria.
      Beati quelli che sognano ad occhi aperti, perchè vedranno cose che altri mai potranno vedere, come diceva una certo Edgar Allan Poe.

      • Sono completamente in linea con Mariano e poco con Mario.
        Inutile negare che ci sono brani che mi appartengono completamente e che mi emozionano e mi caricano in modo esagerato!
        Altri che non mi prendono perchè non mi ci ritrovo e solo per quello!
        Comunque mi affascinano molto perchè sono chiaramente frutto di lavoro accurato e
        minuzioso (a volte anche troppo!).
        Io adoro tutto di lui!
        E’ una bellissima persona e io sono orgogliosissima che sia da sempre il Mio CANTANTE!!!

      • Sulle canzoni più riuscite del disco sono parecchio concorde con Mario: ci aggiungo anche Una Storia Vera per un ideale podio…mentre per esempio In Un’Altra Vita, che ai primi ascolti mi aveva quasi folgorato, a lungo andare mi risulta abbastanza pesante…mentre Dieci Dita non l’ho mai amata troppo.
        Sul discorso di Mariano(e di Pasquale) del nuovo che avanza in effetti, e non credo di parlare da nostalgico ma obbiettivamente, sono pochi i cantautori anni ’70 che sono rimasti ad alti livelli, pochi per qualità e ancor di meno per vendite. Segno che è inevitabile perdere consensi dopo che sono 40 anni o più che si sta sulla breccia…
        Dalla, De Gregori, Guccini, Baglioni, Venditti…nessuno arriva (o arrivava) in cima alla classifica come succedeva in passato.
        Per non parlare di Battisti dopo la svolta elettronica.
        Io confidavo qualche anno fa su Grignani (per il “nuovo” Battisti o Baglioni) e su Silvestri (dalle parti di Dalla/De Gregori), però la scrittura dei due non si è mantenuta ai livelli promessi a mio avviso.
        Non mi conquistano Ferro e Antonacci (che non disprezzo) che invece hanno in proporzione ai tempi, il successo dei grandi del passato.
        Infine resistono Zucchero e Vasco, come grandi vecchi (pur però con una decina d’anni in meno di carriera rispetto ai sopracitati) sia per lo zoccolo duro resistente, sia perchè (almeno il primo) qualche pezzo magari di maniera, ma quasi sul livello dei vecchi successi, lo riescono a piazzare.
        Io, francamente,, concordo con Pasquale su molte delle critiche mosse a Claudio, però come detto bisognerebbe fare la tara con gli anni di carriera e rendersi conto tutti, prosciutti sugli occhi e non, che è una deriva inevitabile e godersi quel che resta, che perlomeno, non è pochissimo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.