Home / Stampa / Ed io tra di voi

Ed io tra di voi

baglioni

Repubblica (Milano) – 3 gennaio 2014

Ed io tra di voi.
Baglioni: con pianoforte e chitarra vi racconto la mia storia in musica

di Luigi Bolognini

DALLA canzone Porta Portese in poi, Claudio Baglioni è logicamente associato alla sua città, Roma. Eppure ha un legame con Milano fortissimo: il record di presenze a San Siro (81mila nel 1998) e concerti comunque sempre pienissimi, come quelli agli Arcimboldi dello scorso gennaio e i tre che iniziano oggi sempre al teatro della Bicocca. «Non solo. Pochi sanno che da qui è partita la mia avventura di musicista. Feci un provino alla Ricordi che non ero neppure maggiorenne. Un disastro totale che mi lasciò una voglia di rivincita e riscatto così forte che fu la molla per far partire tutto. Milano è la città del fare, il posto ideale per dare concretezza a progetti e idee. E anche l’ultimo disco, ConVoi, è stato interamente lavorato a pochi passi da qui».

Porterà ConVoi al Forum il 6 e 7 maggio. Ma ora parliamo del progetto di oggi, Dieci Dita, lo stesso del 2013.
«Come allora sarò solo sul palco con piano e chitarra: autore, interprete/esecutore e narratore. Però ho cercato di rendere ancor più evidente la dimensione di incontro ravvicinato. E non intendo solo il dialogo con gli aneddoti sulla mia storia o la mia discesa in platea per cantare in mezzo al pubblico. Ci sarà un inedito e divertente momento di dediche a braccio in cui cercherò compagni di palco così temerari da interpretare con me alcune canzoni che cambiano ogni sera».

Certo, per lei la scaletta è difficile, col repertorio che ha.
«Molto. Ho scritto centinaia di canzoni, e molte ben oltre i canonici tre minuti di durata dei brani pop. Per cui pur se i miei concerti non durano mai meno di tre ore (e Dieci Dita non fa eccezione), è fisicamente impossibile eseguire più di 25-30 canzoni. Io cerco di venire incontro a tutti, ma a fine serata spesso qualcuno mi dice che non ho fatto questa o quella canzone. E io mi sento così in colpa che mi verrebbe quasi voglia di fargliela lì su due piedi. Ma è meglio lasciarsi con il desiderio di ritrovarsi, più che con l’idea di essersi detto e dato tutto».

Lei da 10 anni è architetto. Da tecnico ci descrive gli Arcimboldi?
«Uno spazio di grande atmosfera, che unisce il pregio di una struttura moderna e innovativa con l’atmosfera di un teatro di tradizione. Uno spazio ideale per serate nelle quali si vuole puntare tutto sulla qualità, l’intensità e la profondità delle emozioni. La canzone è una forma d’arte piccola e breve che spesso tendiamo ad ascoltare distrattamente, in sottofondo, mentre siamo impegnati a fare altro. È un errore. Dobbiamo assaporarla, gustarla e comprenderla meglio. Come un bicchiere di vino: un conto è buttarlo giù distrattamente, tutt’altro è annusarlo, lasciarlo riposare qualche secondo nel palato e berlo, cogliendone al meglio le qualità. Gli Arcimboldi aiutano a gustare le canzoni come se fossero un buon vino».

E San Siro? Ci tornerà, prima o poi?
«La voglia dei grandi spazi non passa mai. Ho fatto due tour straordinari nei grandi stadi, nel 1998 e nel 2003, sono stato il primo a utilizzare il terreno di gioco come spazio-palco e a disporre il pubblico su tutte le gradinate intorno a me. Il richiamo di quelle esperienze è fortissimo e nella pentola delle idee c’è sempre qualcosa che bolle a riguardo. Ma adesso penso a Dieci Dita e ConVoi».

Ci racconta già qualcosa dei concerti di ConVoi?
«Sarà un tour sorprendente, e siccome deve sorprendere non anticipo nulla. Dico solo che sarà un concerto-concerto, nella grande tradizione dei live anni ‘70 e che la musica tornerà di prepotenza a occupare il centro della scena, con tutta la carica di energia e di capacità di caricare, emozionare e far sognare che solo la musica ha. Sarà lei il cuore dello show e il vero effetto speciale: musica, parole, suoni, interpretazioni si riprenderanno il posto che gli spetta. Ne parleremo a primavera».

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.