Home / Comunicazioni / ConVoi Platino e QPGA Oro

ConVoi Platino e QPGA Oro

ConVoi è stato certificato DISCO DI PLATINO dalla FIMI, ma la cosa più sorprendente è la certificazione di QPGA Oro nei download digitali. Di seguito due screenshots che ci testimoniano quanto detto pocanzi.

convoiplatino

qpgaoro

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


18 commenti

  1. I brani di CON VOI sono troppo lunghi, tuttavia la vena creativa del nostro risulta pressoché intatta, alcuni pezzi dell’album sono veramente buoni. Purtroppo c’è anche da dire che le radio hanno un po’ abbandonato Claudio, ma uno che sta dieci anni senza produrre niente di vermente nuovo, è già un miracolo che sia entrato nella top 10.

  2. Oddio Venditti ha dominato gli anni 80 con album come Cuore, Venditti e Segreti ed In questo mondo di ladri ( con Ricordati di me) per cui a livello di popolarità era molto vicino a Baglioni. Concordo con Pasquale sulla produzione post Io sono qui, anche se nell’ultimo album ci sono brani che mi piacciono. E’ anche vero che la qualità di una produzione è data soprattutto dallo staff che ti circonda e Baglioni negli anni passati si è attorniato sempre di fior di collaboratori ( Vangelis, Toto Torquati, Rodolfo Bianchi, Geoff Westley, Pasquale Minieri, Celso Valli, Elio Vittorini) .

  3. salvatore livio

    Preciso alcune cose dette nei commenti: primo che le certificazioni fimi esistono dal 2009 poi che il riferimento a qpga è al singolo e non al cd naturalmente il singolo e l’album qpga da 72 al 2008 ha venduto tantissimo si stimano 18 milioni di copie ma qui hanno preso in considerazionie il brano scaricato negli ultimi 4/5 anni cioè da quando fimi certifica poi riguardi a con voi disco di platino ha venduto 51mila copie considerando che precedentemente sono già stati venduti i singoli uno alla volta quindi il cd non è risultato inedito del tutto (infatti rivedranno qualcosa prima del priossimo album) infine riguardo ai paragoni con gli altri artisti intanto preciso che ligabue che ha stravenduto è arrivato a 269mila copie e non 500mila come ha detto marco quindi il rapporto è 1 a 5 e non 1 a 10 gli altri sono li infatti zero con amo 1 è arrivato a 85mila copie con amo 2 uscito nello stesso periodo di con voi ha venduto 42mila copie 10 mila meno di claudio elisa è a 80 mila ,giorgia 75mila poi ci sono i rapper killa che debuttò al primo posto davanti a claudio è fermo a 45mila per cui non vedo grandi numeri purtroppo si vende meno e claudio se avesse venduto l’album senza aver venduto i singoli nei mesi precedenti avrebbe venduto adesso intorno agli 80mila copie. Concludo dicendo che i numeri di vasco ligabue ferro jovanotti , modà ramazzotti pausini negramaro antonacci non li fà più non perchè non è più bravo ma perchè ha perso la fascia di fan dai 18 ai 35 per questioni anagrafiche.

    • Baglioni non ha perso pubblico per questioni anagrafiche(vasco ha solo 1 anno in meno), ma perchè per 10 anni non ha prodotto materiale inedito degno della sua fama……..poi, bisogna considerare che l’ultimo album( non essendo un prodotto commerciale a causa della lunga durata di ogni brano) è stato praticamente ignorato dalle radio, perciò penso che non potevamo aspettarci niente di straordinario in termini di vendite!…..ps: non scordate che i brani, al momento dell’uscita del disco erano già stati tutti pubblicati, perciò chiunque ha potuto scaricarsi tramite youtube o altri siti l’intero album prima dell’uscita ufficiale!!

    • Salvatore sei il nostro ministro dell’economia (dei dischi)!!! Sei preciso e puntuale coi dati, ma, non offenderti, metti qualche virgola nei tuoi post che li si legge meglio… 😉
      Comunque, Ligabue, come scritto in un post sotto, ha raggiunto a fine gennaio il quinto platino, con un altro mese a disposizione penso abbia passato quota 300 mila.
      Concordo con la tua previsione degli 80 mila dischi(e più), se Claudio non avesse pubblicato online i singoli prima.
      E i numeri effettivamente sono magri per quasi tutti, non c’è dubbio.
      Per Gio78: credo ci siano entrambe le cause; Vasco è una mosca bianca, nel senso che un sessantenne che abbia il consenso degli adolescenti è cosa rara in assoluto. Per gli altri, da Venditti a De Gregori, le copie vengono vendute grazie allo zoccolo duro e maturo. Però è vera la tua considerazione, troppi live e ristampe hanno annacquato la curiosità di alcuni per il nuovo lavoro!

      • Il nostro metro di giudizio è proprio Vasco che, insieme a Baglioni, si divideva il grosso pubblico da stadio negli anni ’80 e ’90. Non paragoniamoci a Venditti e De Gregori perché avevano una popolarità minore seppur importante.
        L’unico motivo per cui Baglioni ha perso circa il 90 per cento di pubblico è la sua immagine svenduta in tutto e per tutto sia musicalmente che come immagine in senso stretto. Mi riferisco al periodo successivo a “Io Sono Qui”, una serie infinita di Live e controlive e una produzione discografica mediocre e a cadenze decennale.

        • Rimango dell’idea però che sia Vasco l’eccezione, non Claudio, perché dopo i sessanta è fisiologico che ti abbandoni la fascia dei teenager, sia che tu faccia bene, che tu faccia male; che poi, non è che Vasco abbia avuto una produzione di qualità dopo gli anni 90. Aggiungo solo una cosa Pasquale: Venditti a cavallo dei 90, tra In Questo Mondo di Ladri e Benvenuti in Paradiso, ebbe un riscontro mediatico e di vendite all’altezza di Vasco o Baglioni, poi ha fatto cose improponibili. De Gregori, De André o Guccini hanno invece mantenuto qualità elevata ma come dicevi tu hanno da sempre avuto consensi minori di Baglioni!

  4. Altra questione: il “Questo Piccolo Grande Amore” che ha raggiunto il disco d’oro dovrebbe essere l’album originale del ’72, non la riedizione recente Q.P.G.A. (lo si evince dalla data di rilascio che appare nella tabella). Mi chiedo dunque: ma quello storico album, negli anni ’70, come può non avere raggiunto prima la quota modesta delle 30 mila copie vendute? In un’epoca in cui i dischi si vendevano sul serio e quello fu un best-seller a quanto mi risulta…

    • Gianni D'Ambra

      Come ti è stato detto, qui si tratta di certificazioni FIMI. QPGA avrà venduto – senza meno – più di un milione di copie.

  5. Perlomeno 50 mila copie raggiunte (perchè credo ora siano 50 e non 60 mila,giusto?)!!
    Io continuo a trovare comunque stranissimo che si vendano così pochi dischi almeno per i big storici: d’accordo il poter scaricare facilmente in maniera “illegale” pesa, ma credo che i fan della prima ora di Baglioni (ma anche di Springsteen, Pearl Jam, Zucchero per citarne alcuni di forti) almeno lo sforzo di comprare una decina di dischi all’anno lo facciano, indirizzando la spesa verso i propri “totem”!!
    Inoltre, come già ho scritto varie volte, fatico comunque a credere che ci sia questo scarto di copie tra Ligabue e Claudio. Perchè credo siamo a un decimo circa, 50 mila contro 500 mila!!
    Per gli appassionati di Liga la crisi non c’è?

    • sei sicuro che Mondovisione abbia venduto 500.00 copie?, ho fatto una breve ricerca e ho trovato che è attualmente al triplo platino quindi dovrebbero essere 180.000 copie o giù di lì, però può darsi che tu abbia ragione, se hai un attimo di tempo prova a controllare.

    • Gianni D'Ambra

      Liga è intorno alle 200 mila copie, posto che è uno dei cantanti del momento. Credo che soltanto Tiziano Ferro – e purtroppo Vasco – facciano di meglio. Conta pure la massiccia dose di promozione che per lui viene fatta. Fidati che a Claudio è andata fin troppo bene, se non sbaglio, ma dovrei andare a controllare, sia il primo che il secondo Amo di Renato Zero non sono stati platino, ma soltanto oro.

      • Dunque, Ligabue ha venduto 300 mila copie o giù di lì. Ero convinto di avere letto che era stato l’album più venduto del 2013 raggiungendo 8 platini, da lì presumevo che con l’anno nuovo avesse superato le 500 mila.
        Evidentemente avevo letto male o era una notizia farlocca: è stato sì l’album più venduto del 2013 ma con 4 platini, quindi 240 mila copie. Poi a fine gennaio ha raggiunto il quinto, per 290 mila copie totali (dal 2014 platino vuol dire 50 mila copie). Desumo insomma che con un altro mese abbia superato i 300 mila dischi.
        Numeri più “umani”, anche se lo scarto con Claudio di 1 a 6 resta netto.
        Concordo però con Salvatore che, fosse stato totalmente inedito, a questo punto si può ben supporre che avrebbe passato anche le 100 mila.

        • E’ vero. Però guardiamo anche ai passaggi in radio. Si può dire che il rapporto tra quelli di Ligabue e quelli di Baglioni è come minimo di 10 a 1? Indicativamente direi di sì, molto di più anzi. Ligabue ha di certo oggi un riscontro maggiore di Baglioni, ma questo fattore è determinante.

          • Sui passaggi in radio è però difficile fare un paragone, proprio per la particolare natura che ha avuto l’album CONVOI. Ligabue ha presentato un singolo e quello è passato in radio per circa 2 mesi. Poi ne ha scelto un secondo e questo è rimasto in rotazione per altri 2…mentre i singoli di Baglioni duravano 15 giorni, poi usciva il successivo e il precedente era già “vecchio”. Quando poi uscì l’album non c’erano singoli che potessero promuovere il disco, non singoli inediti voglio dire (eccezione parziale Una Storia Vera).
            Poi è vero che quella strana esclusiva di Radio Italia è stata penalizzante a mio avviso, non l’ho capita tuttora, mentre Ligabue o qualsiasi altro passano in tutte le radio, tra l’altro credo più ascoltate di Radio Italia. Credo che quella strategia debba essere rivista per il prossimo disco, se ci sarà…Infine la durata: possiamo dire quel che vogliamo (libertà artistica, struttura diversa dei brani) ma io fatico (eufemismo) a trovare altri dischi che abbiano tutte le canzoni sopra i 5 minuti, al massimo ce n’è una su 12 che dura 5-6 minuti, e questo vorrà pur dire qualcosa, anche dal punto di vista del gradimento generale..

  6. Ma se a Sanremo avesse cantato in Un’altra vita o gli Anni della gioventù , secondo me, avrebbe dato più impulso alle vendite dell’album.

  7. Premio meritatissimo!!

  8. Ma ci saranno comunque detrattori, complimenti a Claudio, che visto il periodo non è niente male ^^

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.