Home / Capitani coraggiosi / Silvia D’Onghia ‪per #‎baglionimorandilive‬

Silvia D’Onghia ‪per #‎baglionimorandilive‬

Caro Claudio, caro Gianni,
il mio capitano coraggioso si chiama Bassam.
Bassam è nato in Italia 29 anni fa da genitori egiziani clandestini. Quasi recluso in casa fino ai 14 anni a studiare cultura araba, al liceo si è iscritto a una scuola pubblica, e lì è partita la sua sfida. Ha imparato l’italiano, ha studiato Manzoni e i nostri confini, ha osservato i nostri costumi e ha fatto suo il nostro stile di vita. Poi si è laureato, la triennale e la specialistica in diritto e cooperazione internazionale. Nel frattempo, ha combattuto la sua battaglia per ottenere la cittadinanza italiana, perché un’assurda legge vuole che debbano essere trascorsi 18 anni consecutivi sul territorio nazionale e invece lui per un anno, da bambino, era tornato in Egitto. Ha scritto a tutti i politici, dal sindaco della sua città al presidente del Consiglio. Non si è mai arreso fino a quando non c’è riuscito.
Oggi Bassam, dopo alcune esperienze internazionali, è un cooperante per la Croce Rossa italiana: ha vissuto le principali emergenze del Paese (l’Aquila, Lampedusa, ecc) e adesso è a Roma, per aiutare quei disperati che arrivano sulle nostre coste come i suoi genitori, 30 anni fa. Però ha un contratto precario, gli stipendi in arretrato e sta pensando di trasferirsi a Baghdad.
Se lo farà, perché quel contratto non sarà stato rinnovato, avremo perso un italiano importante. Un capitano coraggioso dei nostri giorni.

Silvia D’Onghia – Giornalista

silvia

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


1 Commento

  1. Benvenuto nel club!Sai quanti ragazzi e non più tanto ragazzi italiani e non hanno contratti precari che regolarmente non vengono rinnovati?E quanti vengono licenziati con sms?Il lavoro ormai è una vera “Guerra” e si combatte..o si scappa..Nulla di nuovo..Sono tutti CAPITANI CORAGGIOSI!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.