Home / Baglioni Notebook / 01\12\2015 Nota di Claudio Baglioni

01\12\2015 Nota di Claudio Baglioni

Il treno correva a 300 chilometri l’ora.Il cavo teso su in alto ondulava da destra a sinistra come la corda quando si gioca a saltare.

Un interminabile filo che teneva in equilibrio un’equipe di pensieri funamboli.

Qualcuno meno abile a proseguire cadeva sulla rete di sicurezza e scivolava confondendosi sotto nel grigio brumoso di un lungo crepuscolo.

Nessuno di loro cadendo si faceva del male.

Mano mano sparivano tutti senza alcuna importanza o rilievo così come eran venuti lasciati indietro come qualcosa che fugge in senso contrario.

Quasi niente resiste sulla via della velocità.

E la frenesia è un vento che fa poche fermate.

Non come un vecchissimo treno che chiamavano già “accelerato” ma che era molto più lento di un rapido di un diretto o di un direttissimo.

Lui sbuffante e paziente portava con sé le persone e le cronache loro e le scaricava un po’ ovunque.

Ma non aveva l’impegno di esser veloce. 

Di metterci il meno possibile.

Di arrivare ancor prima di prima.

Di bruciare distanze e secondi come un centometrista ossessivo.

Così come un cuore strippato anche la testa deve allenarsi  per correre al massimo dell’andatura.

La mente è il posto più grande che si conosca.

E ieri volavo a 300 chilometri all’ora per fare più cose senza saper cosa fare.

Qualcuno si muove già ora più svelto del suono e in futuro magari più della luce e persino del tempo.

Quel tempo che iersera è mancato per dirti Stai bene Notte bella Sogni d’oro.

In questo mondo che viene e che va e che batte su un riff sincopato e impazzito non esiste una posta più celere  che dirtelo piano all’orecchio.

Max Sott

Uno dei tanti Amici che condivide la propria passione CON-VOI!

Potrebbe interessarti anche:

 


4 commenti

  1. SÌ VIVE TROPPO IN FRETTA CHE SPESSO SI PERDE DI VISTA LA VITA SIAMO DESTINATI A RINCORRERE IL TEMPO CHE CI SFUGGE E CI RINCORRE QUANDO LE COSE LE PERSONE PIÙ IMPORTANTI SONO POCHE SEMPLICI LINEARI PALESI COSÌ CHIARE CHE A VOLTE LA FRENESIA DI QUESTA VITA ASSURDA LE OSCURA. MANTENERE IL RITMO DEL TEMPO CHE SCORRE CON I BATTITI DEL NOSTRO CUORE E AVVOLGERE DI AMORE SINCERO I FARI LE LUCI IMPORTANTI CHE CI ILLUMINANO LA STRADA FORSE QUESTO CI AIUTA A VIVERE PIÙ LENTAMENTE . VIAGGIANDO SPESSO IN TRENO HO SEMPRE FISSATO QUASI IPNOTIZZATA I CAVI DE TRENI I FILI INTRECCIATI CHE SI RINCORRONO SÌ LASCIANO SÌ MANGIANO SPARISCONO QUASI E POI RITORNANO E NELLA MIA IMMAGINAZIONE PRIMA DI RAGAZZA POI DI DONNA LA NETTA SENSAZIONE CHE QUELLA VISIONE FOSSE LA RAPPRESENTAZIONE DEL TEMPO CHE PASSA E SCORRE INESORABILE. TROVO INCREDIBILE QUANTO LE MENTI E I CUORI NEL MONDO POSSANO ESSERE TUTTI LEGATI FRA LORO CON I PENSIERI E CON LE STESSE CORDE CON LE STESSE EMOZIONI CON LE STESSE VISIONI. UN ABBRACCIO FORTE . PATTY

  2. En este mundo en que vivimos tan acelerados,de un sitio para otro con prisas,nos olvidamos de las pequeños cosa y decir más !te quiero ! al oido a la persona/as que estan contigo.Ciao a tutti!!! (algun dia escribe algo en castellano Claudio si le estos comentarios……)

  3. IL TEMPO PIU’ VELOCE DEL TEMPO
    RITMI INSOSTENIBILI CHE FANNO PERDERE LE SENSAZIONI PIU’ SEMPLICI
    NON CI RESTA CHE SUSSURARLE LE BELLE PAROLE CHE CI VENGONO DAL CUORE
    E TU CLAUDIO CE LE SUSSURRI OGNI GIORNO……………..

  4. Ciao Claudio,

    a te, Sogni d’oro.

    Ti abbraccio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.