Home / Baglioni Notebook / 22\12\2015 Nota di Claudio Baglioni 

22\12\2015 Nota di Claudio Baglioni 

Puoi darmi un grammo d’aria fina?Scrivevo nel 1977.

Un cielo giallo oro filigranato

mi ci ha fatto pensare.

Dicevano dalla tv che era smog

e che c’è un limite al traffico.

Bisognerebbe pure abbassare

caldaie e riscaldamenti

per contenere l’inquinamento

entro livelli di tolleranza.

E siccome non piove o ne viene giù

poca e di rado

e così ancora sarà

– da com’è stato previsto –

aumenterà la presenza e anche il danno

delle polveri dette sottili.

Però la visione è fantastica.

Un quadro offuscato e caliginoso

sfumato sui bordi

tra le tinte più calde e accorate

di un lungo crepuscolo.

È strano come una cosa assai brutta.

possa invece far perfino più bello

uno sfondo in cui immergere gli occhi.

Che una storia che nasce cattiva

riesca a portare a qualcosa di buono

dove far galleggiare la mente.  

Che addirittura un dolore di ghiaccio

si sciolga in un lago tranquillo

per intingere il cuore.

A volte uno schizzo di fango

sa trasformarsi in un capolavoro.

Un anatroccolo in un algido cigno.

Da un male può crescere un bene.

Max Sott

Uno dei tanti Amici che condivide la propria passione CON-VOI!

Potrebbe interessarti anche:

 



3 commenti

  1. loretta caldarano

    puoi darmi un grammo di aria fina queste parole le hai pronunciate quando ti ho visto per la prima volta dal vero come si dice livorno palazzetto dello sport di via allende io dodici anni la mia amica e mia cugina tuttii stivati in una cinquecento gialla guidata da mio fratello alberto che si era sacrificato per accompagnarci al ns primo concerto eri su uno sgabello con la chitarra in mano pieno di capelli illuminato da un faretto rosso con quella timidezza e una BOCCA UNICA PUOI DARMI UN GRAMMO DI ARIA FINA E DA LI L HO AVUTA PER QUARANTA LUNGHI ANNI MA NON MI SONO PENTITA

  2. L’aria Fina come il posto che non c’è di strada facendo sono cose che dovrebbero eserci state femminile di stato e a proposito di stato io lo vedo come un istituzione che come un padre ci protegge. L’acqua scarseggia sempre di più in questo periodo ma arriverà la stagione delle piogge ..ma di acque incontaminate come si può vedere non ce ne ma noi siamo bravi a rinnovarci cercando di ricreare atmosfere ma purtroppo la terra ne a solo una

  3. Caro Claudio , tutto ciò che fa più male riesce a trasformarsi spesso in una grande opportunità di rinascita. Così è in Natura così capita a noi. Tutto però è diverso, anche l’aria fina è ormai rara, se non in alcuni luoghi più benedetti di altri. A Milano il paesaggio offuscato è sempre, da che io ricordi, il quadro delle nostre vite. Il male e il bene si contrappongono si scambiano si rincorrono in ogni era in ogni terra in ogni vita. Forse per vivere meglio, dato che a volte non abbiamo scelta, l’unico modo è guardare il mondo con occhi diversi e scoprire altri colori nelle nostre belle città, provare a togliere la polvere e vedere la lucentezza che comunque, esisterà sempre. E tu l’hai fatto. Con affetto, da una milanese che ama Roma. Un abbraccio, stai bene.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.