Home / Baglioni Notebook / 24/08/2016 Nota di Claudio Baglioni

24/08/2016 Nota di Claudio Baglioni

14089119_1179348352124709_4957110586240869831_n

Una notte attardata sui fogli di un libro
e ad un tratto le righe si sfocano
come sdoppiandosi sopra se stesse.
Anche il resto che è intorno si muove
tutto quanto nel medesimo senso
quasi che la stanza sia una carrozza
che trasla il suo viaggio in avanti.
Le cose fanno un beccheggio sinistro.
Non mi allarmo ma lo riconosco.
L’ho provato altre volte in passato.
Rimango così per qualche secondo
in quel mondo strambo che si deforma
senza più angoli retti e pareti a piombo.
Accendo il televisore e il telefono
per capire da lì se ci sono notizie.
Ancora non dicono nulla a riguardo.
Ma quasi subito mi viene da chiedere
dove sia stata la scossa più forte
e punto lo sguardo in quel verso
come se già lo avessi saputo.
Poi cominciano i primi comunicati.
Annunci stringati e approssimativi.
E in quelle ultim’ora sparate a colori
che strisciano lunghe giù in basso
come stelle filanti di una festa sbagliata
veder comparire i nomi di luoghi
che sono da tempo i dintorni del cuore.
Rieti Norcia Amatrice e altri altri ancora
di quell’arcana e immaginifica terra
al confine di quattro regioni del Centro.
L’Umbria, le Marche, il Lazio e l’Abruzzo.
Ho sempre pensato che là tra quei monti
ci fosse il mio Tibet e una pace ancestrale.
Oggi c’è tanta pena e tanto nuovo dolore.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


9 commenti

  1. Questa volta non l’ho sentito…ma mi è capitato in passato di sentire le scosse anche se non fortissime ed è veramente un momento di…paura…mi spiace perché essendo di notte le persone riposavano e quindi ci sono tanti morti…le cose materiali bene o male si rifanno, ma gli affetti più cari….no…mancano diverse famiglie e le creature……un pensiero a coloro che non ci sono più ed a chi resta…..spero che lo Stato faccia il suo dovere….

  2. In Italia ormai lo abbiamo provato un po tutti il terremoto e in molti sapiamo per un qualche motivo cosa vuol dire perdere la casa perdere il letto dove dormire senza riparo speriamo che non lasciano questa gente per strada per molto e che gli ridiamo al più presto la dignità che tanto esportiamo nella mia ingenuità vedo modi economici per poter accelerare i tempi di ricostruzione .un pensiero a chi non c’è la fatta

  3. Il dolore è grande…questa mattina ho voluto pensare che fosse di poca entità..cosi non è stato…ero a Roma quando accade l incredibile a l Aquila…e tremendo…un abbraccio fortissimo a te Claudio , un abbraccio a questa povera gente

  4. Dolore e paura cuando sentito la noticia ne la radio,me dispiace.Il mio piccolo cuore esta con il vostro grande cuore de italia.Buona sera e triste a tutti voi….

  5. Mariacristina mattera

    Una preghiera perché la terra non ritorni a tremare e per chi vive questa terribile tragedia!
    Claudio a te un abbraccio .

  6. A Roma si è sentita la scossa. Eccome. Tutti svegli a farci le tue stesse domande. A leggere le stesse strisce di parole passanti che svelano nomi di luoghi noti. A tremare ancora. Dentro e con le nostre case altre due volte durante una nottata lunga. Poi inizia la conta. Il cuore si stringe, la mente annaspa. C’è qualcuno di conosciuto che sta lì. A Roma si è tanti e tanti vengono da quei luoghi o vanno lì amandoli. Qualcuno non ce l’ha fatta. Lo conosci di vista ma provi un dolore profondo. Vicino. E allora ti chiedi cosa posso fare. E a te lo chiedo Claudio. Perchè? Non lo so. Perchè tu ci riunisci attorno a te. Perchè tu ami quei posti. E se avessi un’idea perchè i tuoi fan possano rendersi utili sono certa che saremmo tutti pronti. Un pensiero e una preghiera per chi è stato colpito

  7. Caro Claudio, questa mattina quando ho acceso la radio e ho sentito la terribile notizia del terremoto ho pensato subito a te…. Sapevo che eri a Roma e so che sei legato da un affetto profondo a quei luoghi, perché i tuoi genitori sono nati a poca distanza da quei paesi.
    Oggi fa male vedere le immagini in televisione… case crollate, interi paesi distrutti, la disperazione nei volti di chi ha perso i propri cari e la propria casa, l’angoscia e la paura che possano verificarsi altre scosse…
    Oggi si fa fatica a pensare ad altro… a non farsi travolgere dall’emozione, quando si sente che tra le vittime ci sono anche dei bambini…..
    Un abbraccio Claudio, ti sono vicina!

  8. Mi dispiace tanto Claudio.
    Per te…per tutte quelle brave persone…per quelle terre meravigliose che conosco e ho amato nei miei viaggi di spensierate vacanze percorrendo strade e paesi da fiaba…e rincorrere e trovare pace e cultura.
    Ti ho pensato stamattina presto e provavo preoccupazione e ansia, quando le notizie arrivavano come frecce nell’anima e gli occhi e la mente non riuscivano ad accettare ancora tanto dolore e devastazione… sentivo che le scosse erano state avvertite forti anche a Roma…. so che sono i tuoi dintorni del cuore e il mio cuore adesso ha una ferita in più. Spero ci si tenga tutti per mano con aiuti veri e preghiere…..vicina col pensiero…sempre.
    Ti voglio bene…un grande abbraccio.♡
    Patricia

  9. Paola Paladini

    Di nuovo dolore e paura…e un senso d’impotenza..la natura madre ma a volte matrigna…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.