Home / Stampa / Appello a Claudio Baglioni da Fiorello

Appello a Claudio Baglioni da Fiorello

L’anteprima di oggi è un appello diretto a Claudio Baglioni (che il 16 maggio ha un compleanno da festeggiare) perché faccia felice il suo fan n° 23 Stefano Meloccaro intervenendo di persona nel programma. Per rafforzare la supplica, il “baglionatore” ufficiale dell’Edicola canta a modo suo il classico “I due liocorni” adattato al nuovo bestiario di Roma capitale. Sullo sfondo, l’imitatore più scarso del mondo volteggia nei candidi panni di Carla Fracci…

Il refrain fine anni ’70 di “YMCA” porta il buonumore nei primi istanti della trasmissione di Sky, alla faccia degli “competitor” in onda alla stessa ora sulle altre reti. Scambio di complimenti fra Fiorello e Meloccaro ed elogio del cartaceo che “fa bene alla socializzazione”. Con qualche anomalia: “Oggi non ci sono notizie italiane: il ciclone Obama ha cancellato tutto”, dice sconsolato il conduttore sfogliando la rassegna stampa che non parla d’altro che della visita a Milano del “Pezzo Duomo” e del suo esclusivo intervento a margine del summit sulla nutrizione. “Certo, che per 850 euro io mi sarei aspettato qualcosina di più: la ricetta segreta della Coca-Cola, tutto il repetorio di Lady Gaga, o almeno un duetto con Romina Power…”. Dice bene la vignetta stradale dell’Edicola: “C’è gente che paga 850 euro per ascoltare Obama. Quando poteva ascoltarlo gratis, per otto anni non lo ha mai fatto”. E’ il momento di un po’ di “yeke-yeke”…

Dopo la sigla di Jovanotti, Fiorello torna a parlare di Milano, “città più cara del mondo” per un weekend (“a questo punto, con 850 euro, invece che andare a sentire Obama mi faccio un aperitivo”), poi si lancia in una delle sue famose “intemerate” a proposito dell’appello fatto ieri in diretta dalla mamma di Cristian Provvisionato: rilanciato da un’agenzia, ma ignorato da tutti i quotidiani. “Mi chiedo come mike – dice lo showman con la voce di Bongiorno – quando si trattava di liberare il giornalista Del Grande erano lì tutti pronti con l’hashtag e invece oggi…”.

A “svelenire” c’è ora il provvidenziale collegamento iPad con l’ex allenatore del Leicester Claudio Ranieri, “un uomo che ha vinto ovunque e ha fatto miracoli e una cosa che nessuno aveva mai fatto prima…”, inizia Meloccaro. “Si è fatto la Regina d’Inghilterra” (!!), chiude a sorpresa Fiorello. E a Ranieri: “Com’è andata questa storia?”. L’intervista prosegue con altre domande altrettanto imbarazzanti, ma non per uno “svicolatore” di professione come il mister: “Claudio, tu avresti gestito Francesco Totti come sta facendo Spalletti?”. E lui: “In quel momento forse Totti meritava di entrare, però bisogna anche capire l’allenatore che deve sempre pensare alla squadra”.
La cantante di origine sarda Bianca Atzei canta al bar mangiando un panino. L’allenatore “playboy” Claudio Ranieri risponde su tutto nell’iPad. Edicola Fiore ti aspetta dal lunedì al venerdì, in diretta alle 7.30 e nella versione speciale serale rieditata alle 20.30, sempre su Sky Uno

Tra le poche news del giorno, incombe quella della “guerra dei rifiuti” che infiamma la politica e riempie di cumuli di monnezza le strade della capitale. “Peccato per i monumenti di Roma che disturbano un po’ l’armonia di questa street art”, commenta il conduttore, che giura “ho visto dei topi con la maglietta gialla e la scritta: puliamo Roma”. E’ uno sporco lavoro, ma “ognuno deve fare la sua parte”, aggiunge ricordando i suoi trascorsi nei villaggi, quando per dare il buon esempio “anche noi animatori dovevamo chinarci e raccogliere le cartacce”. Meloccaro annuisce, anche lui ha un passato di animatore: “i clienti di allora hanno tutti dei problemi psichici”, infierisce il partner. Ed ecco arrivato finalmente il momento di Bianca Atzei, in look “japo molto sashimi” che sottolinea la sua linea invidiabile, “850 gr di peso forma”. Nell’angolo Festival-bar canta in playback (“lo faccio sempre, ci sono abituata”) il successo sanremese “Ora esisti solo tu”, mentre Fiorello piange vistosamente replicando la performance del suo compagno Max Biaggi, in prima fila a febbraio nel pubblico dell’Ariston.

E si parla di techno-food: polpette di pollo? Le faremo senza il pollo. “Hai visto Claudio? Cosa facevano i tuoi?”, chiede Fiorello all’allenatore, i cui genitori “avevano una macelleria” e sull’argomento non può certo svicolare. Il “Kim Jong-Un” dell’Edicola se la prende con “l’omino con la tosse” (Fabione) che si è dimenticato di rialzare il volume della “macchinetta”. Poi si produce nel lamento di Amadori, il re dei polletti che a causa delle staminali non ne ha più nemmeno uno a cui tirare il collo… E dalla “pasta con la farina di grilli” sperimentata dagli studenti all’università di Palermo (“è il caso di dire 4 salti…”) si passa allo Speaker’s Corner con l’appello d’attore di Vinicio Marchioni che (30 secondi non gli bastano e continua a microfono spento svegliando il condominio) si sbraccia per portare al teatro Eliseo di Roma il pubblico del suo spettacolo-omaggio al poeta Dino Campana.

Per punzecchiare l’ospite in iPad gli edicolanti spulciano una notizia d’archivio su “il sosia di Claudio Ranieri: in una settimana a letto con 26 donne”. The Old Fox ha la battuta pronta: “Ero io truccato”. E sull’alimentazione dei calciatori sovrappeso può dire la sua insieme al medico di turno. “Hai mai allenato Cassano?”, gli chiede malizioso Fiorello. In chiusura (senza sigla) di puntata si riparla di cibo con l’intervista di Meloccaro al professor Migliaccio, il dietologo dei vip. “Sa qual è la differenza tra un vegano e un vegetariano? Che il vegetariano può mangiare il vegano”, si autorisponde il luminare. E sulle “fave di tonca” citate nel programma: “Bravissimi a parlarne, sono alla base di tutte le mie diete: puoi fare l’amatriciana, la carbonara, la pizza coi friarielli… poi alla fine ci grattuggi sopra una dose abbondante di fave di tonca e il gioco è fatto. Fanno così schifo da rendere ogni piatto immangiabile”. Per restare in tema e sfatare ogni pregiudizio sulla sua dieta, Bianca Atzei entra in studio mangiando di gusto un grosso panino. L’audio del suo nuovo singolo, ovviamente, è in playback…

Fonte articolo

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.