Home / In evidenza / “Baglioni a fuoco”. Un tapiro al papà di Striscia

“Baglioni a fuoco”. Un tapiro al papà di Striscia

Su Il Giornale, Alessandro Sallusti replica con il suo editoriale ad Antonio Ricci:

Prendere sul serio Antonio Ricci, padre padrone di Striscia la notizia, del Gabibbo e per anni compagno di merende di Beppe Grillo, sarebbe un po’ come credere alla Befana.

Ma questa settimana al primo posto dei «Nuovi mostri» (la rubrica cult di Striscia) vedrei comunque bene lui, il fondatore. Che come tutti i dissacratori – categoria a noi simpatica – quando si prendono sul serio cadono nel ridicolo, perdono la verve e diventano patetici. L’altro giorno, presentando i nuovi conduttori del programma, Antonio Ricci ha detto di «aver voluto dare fuoco a Claudio Baglioni con una Molotov», perché anni fa, «con la sua maglietta fina» piaceva tanto «ai fascisti di La Russa e Gasparri» mentre lui era sulla sponda opposta, quella di Paoli, Guccini e De Andrè (cioè era comunista).

E che oggi Baglioni non lo brucia solo per evitare i fumi tossici del botulino che gli riempie la faccia.

Come noto, Claudio Baglioni, il grande Claudio Baglioni, da martedì condurrà il Festival di Sanremo, salutare pausa di una noiosa campagna elettorale, e quello di Ricci non è certo un benvenuto. Dicono che Ricci sia cattivo, veramente cattivo, al punto che nessuno osa criticarlo temendo la sua vendetta. Io penso che non sia cattivo. Come tutti i comunisti è sicuramente più furbo che cattivo, tanto è vero che La locomotiva di Guccini, colonna sonora della sua giovinezza rivoluzionaria, l’ha dirottata sì, ma non sul binario che porta al martirio. Ha preferito quello che porta ad Arcore, dove a Mediaset ha trovato, nel mondo cantato da Baglioni, successo e ricchezza. È vero, Ricci ha dentro di sé qualcosa di rivoluzionario (Striscia ne è la prova) ma è come se Fidel Castro avesse scelto di invecchiare nello staff della Casa Bianca. Claudio Baglioni è sicuramente più coerente, bravo e, cosa insopportabile per il compagno genovese Ricci, ricco. Baglioni ha cantato alla grande l’amore, che per quanto ne dica l’invidioso Ricci, non è di destra né di sinistra. Guccini ci ha fatto due maroni così su sciagure e su ideologie che si sono dimostrate noiose, pericolose e fallimentari, tanto che financo Ricci se ne è dato a gambe levate.

Un consiglio non richiesto: caro Ricci, goditi Sanremo, ascolta Baglioni che è un grande e rilassati.

Che il Tapiro, se tu non fossi un despota e i tuoi collaboratori uomini liberi, sarebbe in agguato anche per te.

Fonte il Giornale

redazione

La redazione di doremifasol.org e saltasullavita.com è composta da tanti amici ed appassionati della musica di Claudio Baglioni. Un grazie a loro per il lavoro e l'aiuto apportato a questo portale - Per scrivere alla redazione usare wop@doremifasol.org - Capo Redattrice e coordinatrice: Sabrina Panfili [Roma]

2 commenti

  1. Ma voi pensate davvero che Ricci sia un comunista? Da anni e anni viene pagato da Mediasiet, regno di Berlusconi…probabilmente come tanti compagni e camerati hanno dimenticato i loro ideali giovanili per gonfiarsi il portafoglio. Quindi lasciate perdere, queste sue stupide parole verranno dimenticate come la maggior parte dei servizi del suo giornale satirico, che tanto fanno scalpore subito poi non fa niente nessuno e vengono completamente dimenticati. Forse sarà solo una vendetta per avergli rubato per qualche serata la Hunzicher… 😀

  2. È meglio nn perdere tempo prezioso con certe persone ….dico solo questo ….tanto chi fa del male al prossimo (anche con le parole) gli si ritorcera’ su se stesso…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.