Home / Stampa / Quando Lucio Battisti insultava Claudio Baglioni

Quando Lucio Battisti insultava Claudio Baglioni

Adriano Pappalardo, La Confessione: “Battisti? T’insultava così: ‘Canti come Baglioni’”
Adriano Pappalardo intervistato da Peter Gomez rivela anche che per Lucio Battisti la voce di Mina non trasmetteva alcuna emozione.

Adriano Pappalardo, Costantino Vitagliano e Roberto D’Agostino si raccontano a Peter Gomez Lunedì 28 maggio alle 21:25 sul NOVE

A La Confessione in onda lunedì 28 maggio eccezionalmente in prima serata alle 21:25 sul NOVE di Discovery Italia, Adriano Pappalardo racconta a Peter Gomez la sua vita nel mondo dello spettacolo e svela lati inediti di Lucio Battisti. “Di Lucio Battisti ho letto che aveva rapporti difficili con molti suoi colleghi, non sopportava Baglioni” chiede il giornalista. L’autore di Ricominciamo sfoglia l’album dei ricordi: “Lui per offenderti non diceva: ‘Guarda che canti male, guarda che stai stonando’. Lui mi guardava e diceva: ‘Arifamola va, perché me sembri Claudio Baglioni così, per favore!’”. “Cosa diceva di Mina che è stata interprete di tante canzoni?” chiede il conduttore. Pappalardo di fronte al mito della ‘Tigre di Cremona’, esita: “Sinceramente, tranne alcune canzoni che le ha azzeccate… in alcune canzoni Battisti diceva: ‘Un po’ trombone… e io dicevo…”. Interviene Gomez:. “È Mina…”. Il cantautore chiosa: “Sì, perché giustamente diceva che la voce era tanta, ma l’emozione non c’era”.

Poi il discorso vira sui talent. “Cosa pensa di X Factor e dei talent?”, chiede il cronista. L’ex vincitore dell’Isola dei famosi sembra proprio non apprezzarli: “Io chiuderei questa saracinesca di X Factor e li manderei a fare un po’ di gavetta come si usa fare, perché io sono venuto dalla gavetta”. Il giornalista vuole un commento su una delle star della giuria di X Factor: “Di un cantante come Fedez lei cosa pensa?”. Pappalardo è lapidario: “Io appena vedo Fedez in tv cambio subito programma, mi perdoni”.

A seguire, altre due interviste inedite a Costantino Vitagliano e Roberto D’Agostino.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

5 commenti

  1. Mio fratello Alberto suonava il sax da Dio. . Oltre alla chitarra e altri strumenti io innamorata di Claudio chissà cosa avrei dato per vederlo suonare con tutto l’amore che posso. .invece la vita ha voluto che oltre a gruppi jazz suonasse un un gruppo che faceva le cover di Lucio Battisti. Con la sorella persa per Baglioni è una cosa inaccettabile. . Adesso lui non c’è più un tumore al polmone l”ha portato via e mi piace pensare che le sue note i di Battisti o di Baglioni riempiono il cielo di note

  2. Scusate nn resisto senza nulla togliere alle straordinarie canzoni (Battisti) certo e facile GIUDICARE lui diceva queste paroline su CLAUDIO….ma…..invece LUI che uomo che a un certo punto della sua Carriera mette CICCIA E SI RITIRA DALLE SCENE CHE UOMO(,perché si vergognava di apparire) MA DAI…ognuno e facile GIUDICARE guardatevi la propria gobba CLAUDIO NEANCHE NE HA È BELLISSIMO SEMPRE PIENO DI IDEE FRASI POETICHE INSTANCABILE INEGUAGLIABILE PERCIÒ. FATEVENE UNA RAGIONE TUTTI….CLAUDIO E UNICO E NOI LO AMIAMO E AMEREMO PER SEMPRE escio’linvidia

  3. E’ risaputo che Battisti non avesse particolare simpatia per Claudio. L’ha raccontato Claudio stesso che avevano anche avuto alcune discussioni riguardo il modo di intendere la musica e anche riguardo la politica.
    Non bisogna dimenticare che negli anni precedenti al successo improvviso e incontenibile di Claudio, Battisti era sempre stato l’incontrastato “re delle classifiche”, poi arriva questo ragazzino sconosciuto e ti soffia il primato, surclassandoti. Ha raccontato Claudio che durante una cena con i vertici della RCA, questi avevano alzato i calici per brindare al N°1 della hit parade, Battisti si era alzato ,stava per ringraziare e quelli avevano fatto… il nome di Claudio! Pensate che umiliazione per Battisti. Comunque Claudio ha sempre detto che per lui era un mito. Anche per me, Battisti è uno dei miei preferiti , ma credo che comunque, senza Mogol non sarebbe stato quello che è diventato.
    Per non parlare dei live. Io quando lui ha iniziato non ero ancora nata e negli anni settanta ero piccolissima, ma non credo di avere mai visto un suo concerto live, ho visto solo sue partecipazioni televisive. Esiste qualcosa a riguardo? Sarei curiosa di vederlo !

  4. No comment…veramente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.