Home / Foto / Claudio Baglioni incanta Montreal

Claudio Baglioni incanta Montreal

Quasi 10 mila connazionali hanno riempito il Place Bell di Laval per le celebrazioni (anticipate) della festa nazionale che, sotto gli occhi del Primo Ministro quebecchese Philippe Couillard, sono culminate nel concerto-show dell’intramontabile artista romano

MONTRÉAL – Tutti sotto il palco a cantare a squarciagola e a ballare, trascinati dalla voce di Claudio Baglioni, per la prima volta ad una Festa della Repubblica all’estero: Console, Ambasciatore, parlamentari, consiglieri comunali, autorità e personalità. È finita così la festa della Repubblica italiana a Montréal: con le fredde regole del cerimoniale e la proverbiale discrezione diplomatica ‘andate a farsi benedire’. E tutti gli altri in scia, scatenati tra parterre e platea della moderna ‘Place Bell’ di Laval, in un’atmosfera resa ancora più tricolore da brand iconici come Lamborghini, Vespa, Ferrero, Pirelli e Mapei. Per un’unica, colorata, pista da ballo. Con i tricolori al vento e con il cuore in gola che si è messo a battere forte sulle melodie intramontabili di brani che hanno fatto la storia della musica italiana e che hanno acceso la passione, l’orgoglio ed il senso di appartenenza degli italiani di Montréal. Brani senza tempo come “Strada facendo”, “Avrai”, “Porta portese”, “Io me ne andrei”, “Amore bello”, “Sono io”, “E tu come stai”, “W l’Inghilterra”, “Adesso la pubblicità”. Prima del gran finale a ritmo di “Mille giorni di te e di me”, “Questo piccolo grande amore” e “Via”. Perché essere italiani è un tratto distintivo indelebile, un valore aggiunto, una marcia in più.

Soprattutto per chi ha scelto di rimettersi in gioco  all’estero. Così come ha ammesso lo stesso Primo Ministro del Québec, Philippe Couillard: “Vi saremo sempre riconoscenti per il vostro immenso contributo allo sviluppo del Québec: avete reso migliori le nostre vite grazie alle capacità imprenditoriali, il senso della famiglia, la cultura, la gioa di vivere, il vino e la gastronomia. Siete un modello di forza creativa e di inclusione: un bell’esempio di integrazione per gli immigrati di oggi”. Un messaggio di speranza, soprattutto in queste ore travagliate per il Belpaese. Un modello che la festa della Repubblica ha voluto esaltare mettendo in vetrina tratti caratteristici come raffinatezza, gusto, stile, eccellenza, propri del #Vivereallitaliana. Uno stile di vita che, da sempre, fa della gastronomia un suo simbolo-fondante: non potevano mancare, quindi, i chioschi con vino, pizze, panini, formaggi, salumi, cioccolato e caffè. Dopo Venditti, ecco Baglioni: un altro grande successo per il Console Generale d’Italia a Montréal, il dinamico e carismatico Marco Riccardo Rusconi, che, consapevole di aver organizzato “la più grande festa della Repubblica al mondo”, ha salutato il pubblico rilanciando il messaggio che il Presidente Mattarella ha rivolto agli Italo-canadesi in occasione del suo recente viaggio in Canada: “Oggi Roma e Ottawa sono più vicini grazie a voi” del Place Bell gremito tantissimi i personaggi che hanno arricchito il prestigioso parterre: oltre all’Ambasciatore d’Italia a Montréal, Claudio Taffuri, ricordiamo Martin Coiteux, Ministro provinciale della Pubblica Sicurezza; Carlos J. Leitão, Ministro provinciale delle Finanze; Francine Charbonneau, Ministro responsabile degli Anziani; Francesco D’Arelli, direttore dell’Istituto italiano di cultura di Montréal; i deputati provinciali Marc Tanguay e Rita De Santis; il deputato federale Nicola Di Iorio; la consigliera Rosannie Filato, in rappresentanza della Sindaca Valérie Plante; i consiglieri comunali di Montréal Dominic Perri, Mario Battista e Francesco Miele; i consiglieri comunali di Laval David De Cotis e Paolo Galati; Giuseppe Borsellino con la consorte Elina; l’On. Basilio Giordano con la consorte Nina, Pat Buttino del CLDV, Elio Arcobelli, presidente della Fondazione Santa Cabrini; ecc.

Prima del concerto di Baglioni e dei discorsi istituzionali, annunciati di volta in volta dall’umorista Joe Cacchione con l’attrice Cristina Rosato, sono saliti sul palco: Luisa Miniaci, coordinatrice della Sezione del Québec della Fondazione per la policistica renale, esempio di dedizione e solidarietà; il Prof. Andrea Lodi, titolare della cattedra di ricerca di eccellenza canadese nei big data applicati ai processi decisionali presso il Politecnico di Montreal; Sebastian Sylwan, partner creativo di Felix e Paul Studios, azienda leader nel campo della realtà cinematografica virtuale.

Tre esempi di eccellenza in tre campi strategici e altamente simbolici come solidarietà, scienza e tecnologia. Interventi intervallati da quattro esibizioni musicali: il gruppo Juke Box, il cantautore Gianni Bodo, il duo femminileDolceamare e la soprano Giorgia Fumanti. Quindi spazio ad un dibattito dal titolo ‘Montréal, un’isola italiana fuori dall’Italia’ sul futuro della comunità italiana in Canada: sotto i riflettori le parlamentari italiane elette all’estero Francesca La Marca e Francesca Alderisi; la Presidente del Comitato degli Italiani all’Estero di Montreal, Giovanna Giordano; il Presidente del Congresso italo-canadese del Quebec, Antonio Sciascia; ed il Presidente della storica “Casa d’Italia” di Montreal, Gino Berretta.

Poi la musica e la poesia di Baglioni hanno preso il sopravvento: un inno appassionato all’Italia, che resta il “Piccolo Grande Amore” di tutti quanti noi italo-canadesi.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

2 commenti

  1. La cosa che meno apprezzo dei fan è la scarsa obiettività nei riguardi del proprio idolo… premesso che un idolo di natura umana è di per se una scelta fallimentare, dire che il concerto di Montreal sia stato un successo, è paragonare il Baglioni di oggi a quello di 10 anni fa, e questo non è possibile. È stato un totale fallimento, a livello strumentale i musicisti sono stati poco presenti, le coriste paralizzate ed algide, Baglioni l’ombra di se stesso. Chi c’era ed ha il dono dell’udito e della vista’ potrà testimoniare. Baglioni dovrebbe seguire l’insegnamento di altri grandi artisti italiani, che ci hanno regalato momenti straordinari nel pieno del loro vigore artistico e fisico, ed hanno deciso con gran gusto di scendere da un palco nel tempo delle foglie verdi e non di autunno inoltrato…

  2. Non si”rubano” le opere d’arte!!! Vi piacerebbe che Claudio fosse cittadino onorario di Montreal!! Invece sono tanti a contenderselo anche in Italia. Perché è unico sensibile intelligente riesce a dare corpo alle emozioni . . un po’ l_inside out di noi altri. . Giù le mani da Baglioni. . . cosa tocca lui diventa oro. . Come oro è la sua voce particolare come oro è il suo carattere dolce ma decisione un po’ da numero uno. . Ma lui non se “la tira” anche se potrebbe permettersel. . Auguroni e bacioni a Baglioni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.