Home / In evidenza / Video – Claudio Baglioni in PINO E’

Video – Claudio Baglioni in PINO E’

A tre anni dalla scomparsa di Pino Daniele, alcuni tra i più grandi artisti della musica italiana e amici del cantautore partenopeo gli rendono omaggio in una serata evento live. Sul palco dello Stadio San Paolo di Napoli salgono Jovanotti, Eros Ramazzotti, Giorgia, Claudio Baglioni, Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia e molti altri, accompagnati dalle parole e dai ricordi di attori e amici come Pierfrancesco Favino, Alessandro Siani, Vincenzo Salemme, Giorgio Panariello. Un grande evento, ricco di buona musica e di grandi voci, per ricordare e celebrare Pino Daniele, l’uomo in blues.

Puntata INTEGRALE

Tutti per Pino Daniele: da Jovanotti a Eros, Baglioni e De Gregori
L’interpretazione dei brani più famosi, il rap di Cherubino e le emozioni con l’amico Eros Ramazzotti. Oltre 50 artisti hanno voluto ricordare il cantautore scomparso

NAPOLI Pino è. E per una notte va bene usare il presente. Pino Daniele è sul palco dello stadio s. Paolo, nella sua Napoli. C’è la sua musica riletta da amici e colleghi (oggi esce anche la raccolta Le corde dell’anima, con 4 cd e un libretto di 40 pagine con foto e racconti) . Ci sono anche la sua voce e la sua chitarra nei duetti virtuali. C’è lui sul megaschermo, subito, in apertura, che canta «Yes I Know My Way» mentre la sua band suona dal vivo. Boato. L’effetto è straniante. Arriva Jova e ci attacca un rap scritto per un «guaglione fratello» dal «cuore grande e malato» che sapeva raccontare Napoli come qualcosa «più che pizza e mandolini». Categoria amici: il tour a tre con Eros Ramazzotti nel 1994 non fu solo unione di forze e di canzoni. «Odiava i funerali da vivo. E per me lui è vivo. Mi mancano solo gli sms, l’artista c’è sempre», dice Lorenzo nei camerini. Altro amico, Antonacci. Prima da solo e poi con Alessandra Amoroso. «È una festa e non un tributo, è il concerto di Pino che ha smistato una sua parte in ciascuno di noi», raccontava nel pomeriggio. Sarà lui a concludere la lunga notte accompagnando, senza microfono, uno fra tanti (45 mila, sold out solo sfiorato), i cori su «Napul è».

Giuliano Sangiorgi è uno che di serate che ne ha condivise con Pino. «Sono qui per fuggire da un pensiero triste. La morte di Pino è stato l’ultimo anello di un anno terribile: la morte di mio padre, quella di Lucio Dalla e la sua. Lucio era le canzoni e lui la chitarra, il suo re7+ rappresentava quel vorrei essere allegro ma… Per il disco cui stava lavorando negli ultimi mesi mi aveva chiesto un testo dicendomi “sento che hai l’anima dello stesso colore mio”» ricorda con gli occhi lucidi e le dita a cercare quell’accordo. Duetta con Emma (e anche con Fiorella Mannoia che non sbaglia nulla nella serata, Ranieri, Marco D’Amore). Pino le diede la prima patente di credibilità. «C’era una serata in cui i giovani dovevano essere accompagnati da un big. Alle 5 di pomeriggio nessuno mi aveva ancora scelta, venivo da Amici… Lui accettò. E mi regalò un paio di guanti che conservo come una reliquia». La serata prosegue con Giorgia («Questo immenso») che con quella voce cosa le vuoi dire: «Era un musicista puro e ispirato, attento a quello che accadeva intorno. Era anche un amico che mi incoraggiava nell’arte e nella vita».

Altro momento ad alta amicizia con Eros Ramazzotti («O Scarrafone» e «A testa in giù») raggiunto su e «A me me piace ‘o blues» da Jova. «Avevamo un rapporto fraterno. Era testardo, non mollava mai, scriveva da Dio e rimarrà per sempre con le canzoni». De Gregori napoletanizza la sua «Generale» (la facevano assieme nel tour con Ron e Mannoia) con la complicità di Enzo Avitabile e più avanti con la moglie Chicca farà «Anema e core».

Nessuno alla conduzione, evitata la fiera delle banalità che si ripete quando si parla di musica in tv. «Per non interrompere le emozioni» spiega Angelo Teodoli, direttore di Rai1 che tramette in diretta (assieme alla maggioranza delle radio nazionali). Sono i cantanti a passarsi il palco oppure a fare da raccordo ci sono brevi interventi e video di comici e attori (e qui a volte si scivola sulla retorica), da Siani, Salemme, Favino. Brignano si orende fischi quando prova a paragonare Roma (dove vive Pino) e Napoli. Ci sono anche Baglioni, Elisa, Nannini, Tiromancino, Vanoni, Venditti, Renga, Grandi, Il Volo, Biondi, De Sio, Turci, J-Ax, Senese, Gragnianiello e Clementino. Prevale l’ingresso in punta di piedi nel repertorio di Pino.

Parola agli organizzatori. «Abbiamo iniziato a pensare a questo concerto a pranzo nel giorno del funerale di Pino. L’idea è stata rimandata , è sedimentata, è arrivato il momento giusto», racconta Ferdinando Salzano di Friends & Partner. «L’adesione degli artisti è arrivata a valanga: abbiamo selezionato quelli a lui più legati», aggiunge Maurizio Salvadori di Trident.

I proventi del concerto andranno a sostenere due onlus intitolate a Pino, a Open che combatte i tumori dei bambini e Save the children impegnata in progetti educativi.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.