Home / Stampa / Sanremo giovani, Fiorella Mannoia in giuria

Sanremo giovani, Fiorella Mannoia in giuria

Sanremo – Ci sarà anche Fiorella Mannoia nella giuria di Sanremo Giovani, guidata da Luca Barbarossa. Insieme alla Mannoia anche Annalisa, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu.

Ospiti della manifestazione (in onda su Rai1 giovedì 20 e venerdì 21 dicembre), fortemente voluta dal direttore artistico Claudio Baglioni, dalla quale usciranno due vincitori che andranno direttamente in gara a febbraio tra i big, ci saranno Rocco Papaleo nella prima serata e Marco Giallini ed Edoardo Leo nella seconda.

Baglioni: «Il festival di Sanremo è il Colosseo della musica»
«Il festival di Sanremo è il Colosseo della musica, ma non solo nel senso dell’arena degli spettacoli e delle sfide. Non c’è manifestazione più conosciuta e seguita in Italia. E lo stesso vale in tante altre parti del mondo dove vanta una fama che lo fa essere uno degli eventi e dei nomi davvero internazionali del nostro Paese». È il messaggio inviato da Claudio Baglioni ai 24 ragazzi che sono in procinto di sfidarsi a Sanremo Giovani, per conquistare due pass per il Teatro Ariston a febbraio.

Sei di loro, i primi tre di ogni serata, avranno la possibilità di esibirsi in un tour che toccherà Tunisi, Tokyo, Sydney, Buenos Aires, Toronto, Barcellona e Bruxelles, negli istituti di cultura e nelle rappresentanze diplomatiche italiane. «Quasi 50 anni fa, all’inizio della mia carriera – scrive Baglioni – mi trovai a fare un giro di concerti in Polonia e Cecoslovacchia. Suonavo e cantavo con cinque musicisti miei coetanei. Qui, a parte amici e parenti, non ci conosceva nessuno. Là ottenemmo un grande successo. Ci chiamavano i Sanremo Six. I Sei di Sanremo. E sei saranno i partecipanti a Sanremo Giovani Mondo. Un tour in sette capitali dei cinque continenti. Dall’estero partì la mia avventura. Fate buon viaggio, ragazzi. Che la musica sia con voi».

Baudo: scherzo con Rovazzi perché lui è il nuovo che avanza
«Quando faccio una battuta nei tuoi confronti non è irriverenza, ma stima. Ti prendo in giro perché ti voglio bene e mi sei simpatico, una forza importante del nuovo che avanza». Lo ha dichiarato Pippo Baudo rivolgendosi al co-conduttore di Sanremo Giovani, Fabio Rovazzi. E la battuta non si fa attendere: «Con Fabio, fisicamente non siamo un numero, ma un articolo: l’articolo `il´ – dice Baudo – Comunque funzioniamo lo stesso e la differenza altimetrica è anche comica e divertente».

Teresa De Santis: il Festival è un asset fondamentale per la Rai
«Un buongiorno a tutti e un abbraccio a Pippo Baudo che è parte della storia della Rai e parte importantissima nella storia di Sanremo. Ne hai condotti tanti e hai inventato tu il Dopofestival. Il prossimo anno festeggeremo con grande gioia e onore i tuoi sessant’anni di carriera». Così la neo direttrice di Rai1, Teresa De Santis, in collegamento da Roma, ha voluto portare il proprio saluto al Casinò di Sanremo, durante la conferenza stampa di presentazione di Sanremo Giovani, il talent musicale che andrà in onda il 20 e 21 dicembre, in prima serata su Rai1. «Il Festival di Sanremo – ha poi aggiunto – è un asset fondamentale per Rai1 e la Rai».

Claudio Fasulo, vice direttore di Rai1: inseguivamo Mannoia da tempo
«Quella di Sanremo Giovani sarà una giuria televisiva, non solo elemento di spettacolo, ma anche parte fondamentale del voto». Lo ha annunciato il vice direttore di Rai1, Claudio Fasulo. «Sarà guidata da Luca Barbarossa, avremo Annalisa, grande protagonista di Sanremo; Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu e un personaggio che il mondo della musica sta inseguendo da tempo, in questo ruolo così speciale: Fiorella Mannoia – ha detto Fasulo – È il caso di dire wow, visto che ha accettato l’invito del nostro direttore artistico».

Baudo: oggi è sempre più difficile per un giovane affermarsi
Secondo Baudo, storico talent scout che nel corso degli anni ha scoperto e lanciato tanti artisti divenuti famosi su scala internazionale, il mondo della musica è diventato più complicato rispetto al passato: «Oggi è più difficile affermarsi. Una volta i giovani venivano soltanto qui a Sanremo. Ora con tutti questi talent, troppi, questi ragazzi dimostrano grande coraggio perché si mettono sempre in gioco. Sono fortunato perché attraverso Sanremo ho scoperto nomi come Carmen Consoli, Andrea Bocelli, Gerardina Trovato e tanti altri». Il presentatore ha spiegato come funzionava in passato la selezione dei giovani artisti: «Purtroppo, la vita degli artisti oggi è fatta di ripetuti tentativi. Una volta per portare i giovani a Sanremo andavamo a pescare i personaggi nuovi nelle periferie italiane. C’erano cantanti che venivano nel mio ufficio con prodotti già finiti e io li aggiustavo un pò, magari aggiungendo qualche ritornello». E ha concluso: «Il mondo è cambiato e con migliaia di televisioni in tutta Italia, è difficile trovare nuovi talenti».

Fonte news

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 



1 Commento

  1. E noi fans di Claudio cosa possiamo fare per “dare” il nostro contributo a tutto questo? Concretamente poco, solo seguirlo con tutta la nostra anima, il cuore la mente e……anche quando si spegnaranno i riflettori su Sanremo, noi “semplici” fans saremmo sempre presenti per Claudio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.