SOLO 2022Stampa

Claudio Baglioni voce sola all’Opera

"Il mio recital a ritroso nel tempo"

Lunedì serata di apertura del tour ‘Dodici note solo’

Un pianoforte, un piano elettrico, un clavinova: sul palco soltanto tre tastiere e quindici fari da set cinematografico. È la scena essenziale voluta da Claudio Baglioni al Teatro dell’Opera di Roma per dar corpo alle sue canzoni, 24 brani e tre bis con Avrai, E tu e La vita è adesso, per aprire lunedì 24 gennaio il tour di 60 date nei più importanti teatri di tradizione italiani. E prima che Baglioni torni nella Capitale per i 12 concerti di questa estate, con solisti, cori e orchestra alle Terme di Caracalla, dal 3 al 17 giugno. “Ho preso un pianoforte e l’ho diviso in tre per realizzare un’orchestrazione fatta di stati d’animo e riverberazioni. Questo format di Dodici note solo precede idealmente il Dodici note tutti a Caracalla, con orchestra, la band, il coro”.

Il concerto a piena capienza al teatro Costanzi, mille e 500 spettatori, ha anche un valore fortemente simbolico di ripartenza per la musica, dopo due anni di difficoltà tra lockdown e distanziamenti. Baglioni suona pescando da tutto il suo repertorio, dai primi successi come Amore bello e Questo piccolo grande amore fino a Strada facendo, a Tu come stai e a una versione molto swing di Un po’ di più, fino alle più recenti Gli anni più belli e Uomo di varie età. Per chiudere con Mille giorni di te e di me prima dei tre bis chiesti a forza di applausi e urla di gioia dal pubblico. “Avverto una tensione che mi si porta via – confessa Baglioni prima dello spettacolo – non è la prima esperienza al Teatro dell’Opera, all’inizio dell’anno scorso ero qui per fare una delle cose migliori in 50 anni di carriera, ovvero prendere Questa storia che è la mia e, a teatro chiuso per il lockdown, farne un trattamento, un’operina a porte chiuse con l’orchestra, il coro e il corpo di ballo. E qui ho anche tenuto in epoche passate anche tre concerti da solo”.

Baglioni definisce il recital solitario “un recital a mani nude, in cui devo mettere d’accordo musicista e cantante”. La scelta dei tre strumenti “è come un percorso a ritroso nel tempo, diviso tra ieri, oggi e domani, una scaletta per muovermi a cerchio e in senso antiorario, per vincere sul tempo, risalendo nel calendario riattaccando uno a uno i fogli che erano stati staccati. Con le sonorità del pianoforte per il passato che non si modifica, lapidario; il piano elettrico per il presente che fluttua e si muove come aria e acqua; e poi il futuro, l’avvenire con il clavinova più colorato e con i suoni aggiunti. Gli strumenti che mi danno l’orientamento che mi serve anche per fare una scaletta, faccio sempre più fatica a farne una, ho ormai un repertorio che non può durare un’eternità ma deve rimanere tra i 27 e i 30 pezzi. Ma con la libertà di poterla cambiare ogni sera. Un giro d’italia che ho voluto con tutti debutti, uno show per città: vorrei che restasse tra i ricordi, credo proprio che sia per me l’ultima esperienza di questo tipo”.

Carlo Moretti per Repubblica

HOME PAGE DODICI NOTE SOLO

Il popolo evergreen dI Claudio Baglioni


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button