In evidenzaSOLO 2022Stampa

Claudio Baglioni delizia Fermo per tre ore

Claudio Baglioni delizia Fermo per tre ore con Dodici Note Solo

Puntuale come uno svizzero, fa i complimenti al Teatro dell’Aquila pubblicandone una foto sul suo profilo ufficiale. Svela il perché del suo viaggio nella musica traghettato dalle tastiere del pianoforte. Il pubblico affascinato: “Loquace, ironico, umano!”

E’ simile più ad un racconto in musica che ad un mero concerto l’esibizione di Claudio Baglioni in un Teatro dell’Aquila al completo. I biglietti sono andati a ruba già dal primo giorno di prevendita, in cui sono stati assediati sia i canali online che la biglietteria fisica in via Giuseppe Mazzini. Il cantautore romano si siede al suo sgabello alle 21 e dopo neanche un minuto dà inizio allo spettacolo, lasciando al folto pubblico giusto qualche istante per sistemarsi sulle poltroncine rosse ed assistere in rispettoso silenzio al viaggio nel tempo a bordo del suo strumento preferito, il pianoforte, che occupa il palco in tre versioni diverse: il passato, il presente ed il futuro.

Alle sue spalle una scenografia asciutta, essenziale ma efficace: un semplice, suggestivo ed elegante gioco di luci tutto incentrato su di lui.

La data fermana è la terza delle quattro tappe marchigiane, tutte in fila senza soluzione di continuità, a partire dal 31 gennaio al Teatro delle Muse di Ancona, passando per La Fenice di Senigallia e concludersi al Ventidio Basso di Ascoli Piceno. Per un totale di 50 date lungo la penisola che pare voglia espandersi ancora e giungere a 66 appuntamenti, praticamente 5 in meno degli anni dell’artista che, a quanto pare non sente la fatica, conducendo, tutto da solo, uno spettacolo di ben 180 minuti, in cui canta, suona, ma si racconta anche e ride di sé, scatenando l’ilarità dei presenti.

Viaggio, mare, amore, tempo… questi solo alcuni dei concetti lambiti dall’ex direttore artistico del Festival di Sanremo che apre lo show facendo i complimenti al teatro lirico cittadino, per la sua forma, per la sua accoglienza, per il suo calore e per la sua capacità di far sembrare i palchetti come i balconcini della borgata romana in cui è cresciuto e a cui sono affacciati i suoi vicini di casa ( e per celebrarne la bellezza ne pubblica una foto sul suo profilo Facebook durante le prove).

Ripercorre i suoi successi, lasciando pieno spazio alle voci dei suoi fans per intonare il ritornello di “Strada facendo” mentre lui li accompagna al tradizionale pianoforte a coda. E poi è tutto un susseguirsi di emozioni, tra note, aneddoti e confessioni, come quella inaspettata che Claudio Baglioni svela con estrema serenità: «In verità all’inizio io non credevo di aver talento per la musica, anzi, ma mi ero semplicemente convinto che mi sarebbe stata utile per attirare l’attenzione delle ragazze su di me, ecco la vera ragione per cui mi ci approcciai da ragazzo».

E menomale, vien da dire, che non si sia accontentato della conquista di qualche ammiccante e svenevole sguardo, ma si sia spinto ben più oltre verso grandi successi, anche internazionali e, più tardi, programmi in prima serata dall’altissimo audience (come Anima mia e le edizioni 2018 e 2019 del Festival della canzone italiana).

“Dodici Note Solo 2022” quindi si è rivelato un tour diverso dagli altri, narrativo, quasi intimo, e a confermarlo sono le parole del pubblico entusiasta all’uscita del teatro: «Che bello sentire la sua voce mentre si raccontava e ripercorreva la sua lunga carriera negli anni: loquace, ironico, umano».

Silvia Remoli per cronachefermane.it

HOME PAGE DODICI NOTE SOLO


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button