SOLO 2022Stampa

Claudio Baglioni a S.Valentino a Torino

IL DIVINO CLAUDIO LIVE AL REGIO
A SAN VALENTINO BAGLIONI NEL “DODICI NOTE SOLO TOUR”

Ciao a tutti, mi chiamo Claudio e sono tre anni che non faccio un concerto».

Con queste parole, Baglioni ha aperto la prima data del Dodici Note Solo Tour sul palco del Teatro dell’Opera di Roma, lo scorso 24 gennaio.

Sessanta serate per voce, pianoforte e altri strumenti, che porteranno il musicista romano sui palchi dei teatri lirici e di tradizione più prestigiosi d’Italia.

Un primo abbraccio, intimo e diretto, con il pubblico, in attesa che con l’estate torni la stagione dei grandi concerti e il tour “Dodici note: concerto per voce, solisti, orchestra e coro”.

Lunedì 14 febbraio Claudio Baglioni salirà sul palco del Teatro Regio e muovendosi tra tre pianoforti accompagnerà il pubblico in un viaggio lungo 50 anni di musica.

La sua musica, il suo viaggio. Che è viaggio comune, condiviso, collettivo scandito da canzoni che sono entrate nella vita di tutti. Da “Solo” a “Dodici note”, passando per “Strada facendo”, “E tu”, “La vita è adesso”. E sul palco torinese, nel giorno di San Valentino, avrà un sapore ancora più speciale ascoltare un brano senza tempo, come “Questo piccolo grande amore”, per piano e voce.

Uno show lungo e intenso, in cui Baglioni non si risparmia, era troppa la voglia di tornare a incontrare il pubblico.

Quasi trenta canzoni, con l’artista che si muove sul palco, tra pianoforte, tastiera e clavinova. Passione e felicità. In fondo, l’obiettivo che si pone con questo tour solista è di quelli impegnativi:

“Rianimare le nostre vite con la musica, dopo il lungo, difficile e doloroso silenzio imposto dalla pandemia. E rendere il futuro una casa bella, luminosa, aperta e finalmente degna di essere abitata”.

Seppure la scelta dal solo tour si sposi perfettamente con il desiderio di riallacciare un rapporto quasi personale con ogni persona del pubblico, non è una novità per Claudio Baglioni.

E anche l’incontro con i grandi teatri ha radici profonde. Nel 1986, l’artista diede vita ad Assolo: tre ore di musica nelle quali, grazie all’utilizzo di tecnologie che permettevano di collegare computer e strumenti musicali, Claudio Baglioni, attraverso un pianoforte digitale e una “chitarra-midi”, suonava tastiere, campionatori, batterie e percussioni elettroniche, bassi elettrici, chitarre e sequencer.

Nel 2000 è la volta di “Acustico: sogno di una notte di note”, che attraversa luoghi simbolo della cultura e della storia d’Italia, dal Teatro Greco di Taormina, alla Valle dei Templi di Agrigento.

Nei teatri lirici, Baglioni entra nel 2001con il tour InCanto tra pianoforte e voce, al Teatro dell’Opera di Roma risale la registrazione dell’opera-concerto “In questa storia che è la mia”, tratta dall’omonimo e ultimo album di inediti, rilasciato nel 2020.

Nel solco di questi illustri precedenti, nasce Dodici Note Solo, per riascoltare, finalmente dal vivo, grandi canzoni che appartengono alla storia della musica italiana. Quegli stessi successi che, lo scorso 14 gennaio, sono stati raccolti nel triplo vinile: “Tutti qui collezione 2021 Vol. 2”.
Titolo perfetto, una chiamata a raccolta dei brani che hanno segnato una carriera, ma anche del pubblico, che può tornare nei teatri, a vivere la musica dal vivo.

E’ previsto il “tutto esaurito”

HOME PAGE DODICI NOTE SOLO


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button