Dodici NoteIn evidenzaStampa

Claudio Baglioni vi chiede rispetto

Per chi ci segue da anni, sa che chi scrive non ha alcun problema ad esporsi prendendo posizione e mettendoci nome e faccia per dire la sua.

Quello accaduto ieri sera va al di là del semplice “pubblico caloroso e partecipe”.

Chi vi scrive si è visto scavalcare, mentre era comodomente seduto, nel tempio della cultura e dello spettacolo più bello del mondo IL TEATRO DI SAN CARLO a Napoli.

UNA COSA ASSURDA E VERGOGNOSA

NON E’ POSSIBILE interrompere un concerto per catapultarsi sotto un palco come una mandria di bufali
NON E’ POSSIBILE impedire al proprio idolo per puro egoismo e smania di protagonismo di continuare il proprio spettacolo che è stato cosi minuziosamente preparato e studiato
NON E’ POSSIBILE andare contro la volontà del proprio idolo cercando di sovrastare altri spettatori che correttamente restano al proprio posto
NON E’ POSSIBILE costringere la security ad usare tutta la loro forza e di conseguenza disturbare sia altri spettatori che il cantante stesso

Questo vi sembra una cosa logica?

Non vi vergognate neanche un pò?

E visto che non siamo amici di nessuno, non possiamo non vedere colpe anche negli organizzatori che non hanno previsto che potesse succedere una cosa del genere.

Per realizzare lo splendido spettacolo in scena a Caracalla, sono a libro paga almeno 122 persone che ci allietano sul palco con la loro arte, aggiungerne altre 6 in più per dare supporto a Sandrone nel contenere il pubblico (come tra l’altro già accadeva anni fa nei palazzetti) sarebbe stato troppo?

Tony Assante – Amministratore di doremifasol.org e saltasullavita.com

 

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

44 Commenti

  1. Buonasera, sono Antonio un Fan( termine riduttivo) del Maestro Claudio Baglioni da 30 anni!! Ho letto critiche ingiuste rivolte al Maestro da parte di persone che, forse, non conoscono la SUA Grande Storia ed i suoi Veri Valori Umani Culturali Musicali….che da Sempre regala alla gente come in pochi fanno in questo mondo!! Volevo dire a coloro che parlano senza sapere le cose, che il Maestro ogni sera, terminato un concerto/evento, Unico ed Emozionante, in un teatro, si trasferisce subito in un’altra città dove, nel pieno della notte regala Vero Affetto alla gente che lo attende fuori dall’albergo dove riposerà poche ore per poi regalarci una nuova emozione in un nuovo teatro!! Inoltre,ogni sera, prima e dopo il concerto,all’esterno dei teatri regala Affetto e Simpatia a noi che lo Amiamo!! Inoltre vorrei ricordare a coloro che si lamentano del Maestro che non gradisce persone sotto al palco, dovreste sapere che il Grande Claudio mette il palco al centro.. negli stadi, nei palazzetti, Negli anfiteatri( vedi L’Arena di Verona) per evitare ressa di gente sotto al palco. Ma non sapete neanche questo. Però….. sparlate!!…. Se poi per qualcuno acquistare un biglietto per un evento, vuol dire acquistare anche il diritto di non rispettare la volontà del Maestro ed il suo lavoro, oltre a non rispettare coloro che sono al proprio posto educatamente….. Allora ecco che siamo difronte ad uno dei tanti motivi che mette in questo mondo sempre più prepotenza ed egoismo e sempre meno Valori come Educazione e Rispetto! Vi consiglio di andare da Vasco Rossi perché lì non c’è bisogno di certi Valori!!!! Infine suggerisco a chi è privo di competenza musicale( io non sono un maestro) che la Leggenda Baglioni canta l’ultima nota dei suoi spettacoli Kolossal come la prima. Spettacoli unici che durano circa 4(quattro) ore, senza fermarsi nemmeno per una breve pausa,deliziandoci ed emozionandoci con la sua Superlativa Voce e le sue Vere POESIE!!! Anche in questo caso suggerisco a coloro che criticano con cattiveria gratuita, di andare da Vasco Rossi o qualcun’ altro a Vostro piacimento poiché, non avreste bisogno di Cultura Musicale perché lì troverete soltanto Rumore e frastuono oltre che assenza di Poesia!! Rispettate il Maestro, Rispettate il Mito, Rispettate la sua Poesia, Rispettate la sua persona ricca di Valori, Rispettate…..Claudio Baglioni!!!

    1. Ed è questo il guaio, il tuo e nostro Claudio non sa più come dirvi che finito lo spettacolo, magari dopo 3 ore e 40 ininterrotte, l’ultima cosa che vorrebbe è ritrovare sotto l’hotel o fuori gente che vuole farsi la foto o l’autografo di rito. Invece no, non viene ascoltato. Se sei così attento al Maestro, quindi da allievo dovresti ascoltarlo e magari, goderti lo spettacolo e poi, dritto a casa.

  2. Credo che Claudio abbia avuto ragione ad arrabbiarsi.Poteva succedere un disastro: quei sedili e soprattutto quella impalcatura secondo me non erano assolutamente adatti per chi si gode il concerto solamente urlando e ballando .Non ho visto molta solidità francamente…una massa di persone accalcata solo in un punto poteva provocare un disastro , se non altro per il peso concentrato solo un un punto.Qualcuno ci ha pensato??? Credo si no.Allora è ovvio che chi sta sul palco ai arrabbi.Quello non era un pubblico da sala concerti e questo chi ha organizzato aveva il ddovere di pensarci.

    1. Il pubblico deve sapere come comportarsi.
      L’organizzazione non può dover pensare alla stupidità della gente.

    2. La sera precedente il pubblico è corso sotto il palco dopo il medley al pianoforte e nessuno ha detto niente.
      Come mai ?

  3. Nessuno si e’accorto della furbata di interrompere proprio sulla nota che non sa più intonare come una volta.. Grande

    1. Claudio non arriva a queste bassezze, ha le sue coriste che lo supportano e a Caracalla anche uno coro con la C maiuscola!
      Io c’ero il 3 di giugno e non su è interrotto, il commento è squallido, tu non sei un estimatore di quest’uomo che a 71 anni fa 3 ore e più di concerto, senza pausa e senza bere un goccio d’acqua con un caldo infernale
      Vai a sentire ultimo, due ore e 20 anni

    2. Ma cosa dice ho assistito al concerto al Lirico di Milano le assicuro che non ha alcun problema con nessuna nota, è un grande artista e professionista.

  4. Da sempre tra chi segue Claudio ci sono delle persone nelle prime file che pensano di avere diritti acquisiti più degli altri ,ridono commentano come se fossero depositari di verità che solo loro conoscono. Sono sempre nelle prime file,vanno ad incontrare Claudio quando arriva all’aeroporto nelle città,lo aspettano alla fine dei concerti sia all’uscita dei vari teatri che all’albergo. Durante i concerti aspettano solo il momento che gli venga fatto un segnale dalla sicurezza di Claudio per potere avvicinarsi sotto il palco in genere 10 minuti prima dalla fine del concerto. Queste persone non si sono mai chieste se fosse giusto ,se qualcuno che aveva pagato come loro preferisce rimanere seduto e godersi il concerto fino alla fine.Io penso che da parte di Claudio ci sia stata una benovolenza che nel tempo si sia strasformata da alcuni in prevaricazione pensando che a loro sia dovuto tutto.Alle terme di Caracalla per esempio da sempre è l’opera lirica ad essere protagonista e chi sa anche poco dell’opera lirica sa che ci sono regole di comportamento ben precise che tutti conoscono e rispettano.Al di là di tutto ciò educazione, rispetto verso Claudio,la sicurezza, di tutti quelli che lavorano con lui e anche di chi a pagato un biglietto e desidera seguire il concerto fine alla fine nel modo migliore dovrebbe essere tutelata.Credo che si sia andati ben oltre la normale vivacità e partecipazione affettuosa nei suoi confronti forse è arrivato il momento di mettere qualche paletto in più a chi da sempre è convinto di poter fare quello che vuole nei concerti Mary-Maria.

    1. Giustissimo….ma ti sei chiesta come mai quelli della prima fila siano sempre gli/le stesse persone?? E’ inutile che si facciano falsi moralismi…..i colpevoli non sono i fan….

  5. Già, ‘rispetto’. Questo sconosciuto… dei giorni nostri…
    Ma davvero siamo arrivati a tanto?
    Premetto che non ero presente al San Carlo né a Caracalla e non posso testimoniare su quanto successo, ma qualcosa ho visto e… Io pensavo a qualche spintone per raggiungere il sottopalco a fine concerto, e non sarebbe stata certo una novità. Ma qui si è trattato di una totale mancanza di, appunto, rispetto, nei confronti, ovviamente di chiunque sta facendo del suo meglio per regalarci spettacolo ed emozioni, ma soprattutto di un signore di 71 anni, nonché dell’artista che tutti (me per prima) ci vantiamo di amare… e che, mettiamocelo bene in testa, non è il giullare del re e tantomeno un parente stretto per cui… dalle confidenze è un attimo oltrepassare il limite e queste non sono che le conseguenze…
    Inoltre, sapendo bene quanto Claudio disdegni ogni forma di invadenza, non si dovrebbe arrivare a che debba essere lui a dirci di restare ognuno al proprio posto o di limitare al minimo foto e filmati, ma… facciamo parte di una società sempre più malata di protagonismo per cui, si fa finta di niente. E poi lo stimiamo da una vita… a parole…
    E non si tiri fuori la storia che da due anni e mezzo non si va ad un concerto, perché anche quella non giustifica la maleducazione di un certo pubblico…
    Vedremo adesso cosa succederà, e mi dispiace perché a farne le spese sarà come al solito la brava gente, ma è necessaria una presa di posizione definitiva, soprattutto per la serenità del nostro immenso Mago, che aspetto a Verona, molto presto…

  6. Non è certo la prima volta e di sicuro non sarà l’ultima. Mandrie impazzite di gente che spinge e a volte addirittura butta a terra.
    Claudio non ha piacere e si sa ma niente non si rispetta quello che vuole lui e non si rispetta nemmeno il luogo. Le terme di Caracalla non sono luogo consono alle corse sotto il palco, bisognerebbe mantenere un certo decoro.

  7. Buonasera a tutti.
    Leggo e, condivido in toto, le parole di Tony Assante. E’ una questione di rispetto!!!
    Non ero a Caracalla, ieri sera, ma andrò la prossima settimana.
    Per aver assistito a tanti concerti di Claudio, riconosco la dinamica di quanto successo.
    A un certo punto dello spettacolo, qualcuno (sempre gli stessi?) decide di assieparsi sotto il palco, in virtù di chissà quale diritto di appartenenza privilegiato che sovrasta quello conferito dal biglietto! Devono essere lì sotto per vedere Claudio o farsi vedere da Claudio?
    Sempre la stessa assurda scena! Chi educatamente è seduto al proprio posto, nelle prime file o dovunque nel luogo dell’evento, si trova di fronte una bolgia infernale di persone spuntate da chissà dove che si sbracciano, si scalmanano, inseguono una stretta di mano, interrompono o rendono meno agevole un’esibizione, piazzandosi prepotentemente davanti agli altri ed impedendo a tutti di fruire, paritariamente, dello spettacolo!!!
    Ciascuno di noi ha fatto un sacrificio per essere lì, compatibile con i propri mezzi e scelte. Ma siamo tutti il suo pubblico, non c’è qualcuno più fan di un altro.
    Qualcuno ha scritto che” I concerti sono così, la gente spende molto soldi (che fanno ricco il cantante) per andare a divertirsi e perché no, vedere il più possibilmente vicino il proprio beniamino”.
    Ecco, io non sono d’accordo. Per me, ad esempio, un concerto è partecipare ad un rito collettivo, immergermi in un’atmosfera di musica e parole, unire la mia voce alle altre, in un ambiente raccolto o in una location insolita in mezzo a mirabolanti trovate sceniche. Condividere il momento con gli sconosciuti che mi circondano. Far sentire la mia partecipazione all’artista, cantando con lui, provando a restituire con un applauso quello che mi sta dando. Costruirmi un bagaglio di bellissimi ricordi. Punto
    “Per vedere da vicino il proprio beniamino” posso scegliere se spendere i soldi di un biglietto in prima fila o, più semplicemente, portarmi un binocolo!!! Mai e poi mai pretendere di sovrastare gli altri.
    Diciamola tutta, con sincerità, la troppa vicinanza, il vedere da vicino, spoetizza molto l’evento. Si cerca la persona e si lascia da parte l’artista. Non fa per me. Non penso che Claudio possa mai ricordarsi se gli ho toccato un braccio mentre cantava mentre io rischio di ricordarmi quanto fosse stravolto!
    E sono, assolutamente, sicura, perdonate la sicumera, che non sia il modo adatto per fargli sentire l’affetto del pubblico.
    Se ieri sera è apparso infastidito, non basta questo a fugare ogni dubbio?
    Che altro serve? La security può porre riparo nell’immediato ma dipende da noi.
    Troviamo il modo di appoggiare la richiesta di Claudio.
    Non siamo tutti uguali. Non dobbiamo essere confusi con una manciata di maleducati.
    Evitiamo di farli sentire furbi e privilegiati. Di invidiarli. Facciamoli sentire per quello che sono: un gruppo di persone che non ha un’educazione sociale. Come si diceva una volta: che non sa stare al mondo!
    Chiudo ricollegandomi a quanto detto da Tony Assante sull’organizzazione.
    Sabato sera ero tra i 50.000,00 spettatori al concerto di Elton John a San Siro a Milano.
    Una serata magica in cui tutti si sono divertiti, ballando, cantando, vivendo appieno l’evento.
    Prima dell’inizio del concerto sui maxischermi ai lati del palco, a intervalli regolari è apparsa questa scritta che riporto testualmente.:
    “Elton John encourages all his guests to stand & dance in front of their seats.
    Please keep the aisles clear but express yourself!”
    Basta questo? Non so ma l’altra sera ha funzionato!!!

  8. Buonasera, siamo alle solite da anni mi scontro quando separo l’immensa gratitudine e stima e voglia di seguirlo dal 1978, nell’attività artistica, insomma l’essere orgogliosamente baglionano e l’aspetto NO FANS grazie.
    Il pagare un biglietto a volte pure salato, non da il diritto di usufruire del “leoncino da foto”. Paghi un biglietto in 30 fila? te ne stai in 30 fila, altrimenti manchi di rispetto a chi ha speso magari qualche soldino in più per seguirlo dalla terza o prima fila. Se tu con l’ormone liquido, lo devi vedere a me togli la visuale del posto che mi sono prenotato e pagato.
    Rispetto educazione anche nel vedere il nostro cantante preferito.
    Non si tratta di autorizzare o meno a secondo l’umore dell’artista, xci sono regole anche di ordine pubblico e sicurezza.

  9. E ve ne siate accorti solo adesso? Oppure ve ne accorgete solo nel momento in cui venite scavalcati voi e non solo chi poi viene apostrofato come mummia da ossessionate scalmanate ??? Meglio tardi che mai, dice il proverbio… Comunque, finché non sarà Claudio e l’organizzazione stessa a bloccare le solite sgallettate di turno e a vietare seriamente quel finale patetico e vergognoso, tutto continuerà come prima.

  10. Il fatto che una persona possa permettersi il prezzo di un biglietto di uno spettacolo(qualsiasi) non lo qualifica automaticamente come persona civile. Detto cio’ alla luce di questi ripetuti eventi l’organizzazione deve provvedere, se non vuole che si ripetano, a rafforzare il servizio d’ordine. Tutto qua.

  11. Beh, io da fans di Baglioni essendo stato a tanti concerti posso dire che solo Baglioni se la tira così.
    In ogni concerto c’è gente che balla, urla e a volte (purtroppo) spintona.
    Ricordo che nel 1995 durante la tournée di “io sono qui” un caro amico che lavorava nella sicurezza (che lo vedeva ogni sera) mi disse che a lui dava noia la gente che gli andava addosso e che fosse lui a decidere quando lo doveva fare (ricordo che era proprio lui che si avvicinava quando voleva alla gente e guai se la gente faceva il contrario in altri momenti).
    I concerti sono così, la gente spende molto soldi (che fanno ricco il cantante) per andare a divertirsi e perché no, vedere il più possibilmente vicino il proprio beniamino.
    Poi una cosa che non capisco è perché nelle prime due date di Caracalla la gente ha potuto avvicinarsi mentre ieri no.
    Non va bene che in base all’umore del cantante e alle date il pubblico possa più o meno avvicinarsi.
    Ricordo comunque una frase del grande David Bowie che in un’intervista disse che “il successo è bello perché ti puoi permettere di andare in posti da privilegiato (hotel, viaggi e ristoranti) ma che per il resto sia una spina nel culo”.
    Questo è il sapore dell’essere famoso, sennò se vuoi la gente lontana fai come Battisti e Mina e ne stai alla larga.

    1. Buona sera Gabriele, i tuoi interventi precedenti (durante la messa in onda delle tre puntate su canale 5) mi avevano fatto immaginare una persona iper critica nei confronti di quello che, per la maggioranza che frequenta questo sito, è un vero e proprio idolo. Oggi ne ho conferma, però sappi che il Maestro “non se la tira per niente”. E lui sì che potrebbe! L’ha dimostrato durante i 50 anni di carriera e ancora oggi, all’età di 71 anni, è uno dei pochissimi che si pone in modo EDUCATO e CORTESE con i suoi fans, e non solo. Sempre. Ricordati poi di giudicare per quello che vedi e senti tu. Ad esempio, io ho un amico di un mio amico che mi ha detto che Antonio Ricci… è un vero e proprio cafone. Però non vado a dirlo in giro.

      1. Ciao Salvatore, mi fa molto piacere risponderti.
        Allora, è vero che spesso sono critico con Baglioni, ma lo faccio solo perché negli anni passati l’ho amato così tanto musicalmente da irritarmi nel vederlo come si sia sminuito negli anni dal 2005 in poi.
        Metto in conto anche la tourneè Blu del 2001 dove mi fece incavolare una prima volta (e non poco) avendo pagato cari i biglietti in prima fila e vedendolo cantare per gran parte in playback.
        Purtroppo le due compilation “tutti qui” e “gli altri tutti qui” hanno smosso in lui un qualcosa che gli ha fatto credere di poter andare avanti solo con le canzoni già edite, facendo tourneè su tourneè, live su live, dvd su dvd, nuove compilation o album risuonati che lo hanno portato a stuccare e a smunire la propria carriera… fino al primo vero album di inediti che era “con voi” del 2013.
        Ecco, da lì ho notato come sia tornato un po’ più nei suoi passi … mi è piaciuto molto la conduzione del Sanremo (che io avrei fatto solo per un anno tralasciando il secondo dove effettivamente ha fatto un po’ peggio dell’anno precedente) e il festeggiamento del 50esimo anniversario.
        Ma quando ho visto la trasmissione di Uà su Canale 5 ho notato i vecchi fantasmi riaffiorare (solo canzoni vecchie, autocelebrazioni inutili con troppi ospiti, pubblico inesistente).
        Io ho sempre detto che Uà sarebbe stato meraviglioso se lo avesse fatto con pubblico vero (e inquadrato), in diretta e soprattutto se lo avesse fatto come i concerti fatti da solo questo inverno/primavera dove si è raccontato e cantava…senza fronzoli o ospitate inutili.
        Sul fatto che lui sia una persona disponibile, è vero, però questo suo essere personaggio pubblico a modo suo non ci sta con il fatto che la gente ad un concerto può anche avere il piacere nelle ultime tre o quattro canzoni ad avvicinarsi e fargli un po’ di festa sotto il palco.
        Non puoi pretendere di fare il personaggio famoso a modo tuo, se sei diventato quello che sei è sì grazie alla propria sensibilità ma soprattutto è grazie alle persone che ne hanno decretato il successo.
        A quelle persone al quale dice no con la testa se si avvicinano, lui deve solo rendere grazie, perché è vero che lui ha scritto canzoni meravigliose e fatto concerti unici, ma senza quella gente che si avvicina ai palchi …lui oggi non avrebbe la vita agiata che comunque ha.

    2. Non capisco cosa c’è di difficile nella descrizione lucida, fatta da Assante, su ciò che è accaduto ieri sera alla terza data del concerto Tutti in Piedi. Io c’ero e quello che ho visto è stato veramente sconcertante. E non è stata solo una mancanza di rispetto nei confronti del grande mago, ma anche e soprattutto nei confronti di chi come me fa grandi sacrifici economici per permettersi un posto nelle prime file e poi vedersi chiusa la vista da scalmanati maleducati. Baglioni non se la tira ahaha (ci manca solo quest’altra coglioneria detta su di lui), è solamente un artista dotato di stile e buon senso. Oltretutto, la serata era molto calda e umida, lo spazio tra palco e platea stretto, si è trattato anche di una questione di sicurezza.
      W Cucaio, W il grande Mago che anche ieri ci ha incantati!

    3. Sono più che d’accordo. Ieri sera non gli piacevano le persone che lo adoravano… l’abbiamo capito tutti, noi che c’eravamo….io arrivavo da Genova, CLA l’ho visto ovunque, e so bene che quando non ne ha voglia, non se ne parla proprio!!!…..a Montecarlo però, alla Salle des etoiles, la voglia l’ha avuta sempre, di accogliervi e di aspettarci alla fine del concerto,….. sarà un caso, per carità!!!!

  12. Mi associo.
    Chi paga il biglietto ( costoso, a cui si aggiungono spese di viaggio, hotel e disagi vari) ha diritto di godere dello spettacolo senza trovarsi davanti una muraglia umana che a dispregio di ogni regola del vivere civile si catapulta sotto il palco. Si notava come Claudio fosse molto infastidito e contrariato.
    Personalmente poi ho avuto nelle orecchie il battito di mani ritmato ( si fa per dire) di una spettatrice dietro di me che ha accompagnato ogni canzone anche quelle in cui c’entrava come il cavolo a merenda)…Mi sarebbe piaciuto godere dlla chitarra suonata da Giovanni ma…..

    1. Sono d’accordo con te,ora che tocchino gambe o altro ,quello no, però se alcuni di noi per una ventina di minuti arrivano sotto il palco per vederlo più da vicino perché magari siamo in alto,e per 2ore e 40 abbiamo visto poco,non mi sembra così grave. è sempre stato così…io ho visto 20 concerti e non si è mai lamentato….al secondo concerto di Caracalla, è vero siamo andate sotto il palco ma senza saltare addosso a nessuno, almeno io e le mie amiche, abbiamo sceso le scale e siamo arrivate lì…non facciamo tragedie…e non si arrabbi nemmeno lui…erano tre anni che lo aspettavamo…

      1. un conto è scendere sulle scale e sedersi sui gradini senza disturbare nessuno e lo avrei fatto anche io. sono d’accordo con te, che non c’è niente di male trovare un modo per vederlo da vicino. Baglioni stesso se vede che ci sono posti liberi davanti, invita ad avvicinarsi al palco.
        Ben altra cosa è scendere per avvicinarsi al palco, poi sostare in piedi sugli scalini coi cell schiaffati in alto per riprendere o fare foto…bè senti, anche io ho pagato il biglietto e se permetti anche io voglio godermi lo spettacolo.

        1. Sicuramente, tutti abbiamo pagato il biglietto,chi più chi meno,io purtroppo questa volta non ce l’ho fatta a prenderne uno nelle primissime file ,come faccio di solito, e allora le ultime tre canzoni le ho volute seguire da vicino,non per dargli la mano o per toccarlo,anche perché l’ho conosciuto,ci ho parlato,mi ha abbracciato,era solo per vedere meglio almeno alla fine,con educazione senza danneggiare nessuno…su tre ore di concerto ,venti minuti non sono così difficili da sopportare vedendo un po’ meno, cerchiamo di essere tutti un po’ tolleranti verso gli altri…

  13. Purtroppo la maleducazione non ha limiti ma poi per cosa per toccare la sua mano e poi….. Cosa fai non te la lavi più! Il rispetto deve essere la prima cosa in tutti i luoghi anche ai concerti dove uno paga un biglietto per stare avanti e poi essere assalito da un pubblico maleducato che non rispetta neanche il suo Idolo non ho parole. Detto ciò spero ci siano dei DVD degli ultimi concerti nei teatri e a Caracalla per chi come me non ha potuto assistere dal vivo al grande Claudio che seguo da più di 50anni.

  14. Buongiorno a tutti sono un fan( a dir poco) del Maestro Claudio Baglioni da 30( trenta) anni. Spero che ci siano 2(due) DvD: uno con i concerti nei teatri, l’altro che racchiuda quelli di Caracalla!! A dire il vero, Non amo i social e non li ” frequento”( comunico solo tramite whatsapp…) ma mi piace questo sito perché serio e che permette a noi persone serie e fan del Maestro di comunicare tra noi!!

  15. A Caracalla spettacolo meraviglioso ma anche lì persone poco rispettose si sono precipitate sotto il palco verso la fine. Si è notato un po di disappunto da parte di Baglioni che ha leggermente fatto un no con la testa… come dargli torto!!! Sia per questioni di incolumità per tutti e soprattutto perché stiamo cercando di tornare alla normalità ma la prudenza è sempre d’obbligo…. l’educazione ancora di più

  16. Buongiorno a tutti, sono un fan( a dir poco) del Maestro e Poeta Claudio Baglioni da quando avevo 16 anni( il mese prossimo ne compirò 45…. E vorrei i Vostri auguri!!… Scherzo naturalmente!!) Spero tanto che ci possano essere 2(due) DVD: uno che racchiuda i concerti fatti nei teatri e l’altro quelli di Caracalla!! Per fortuna che esiste questo sito che permette, a noi innamorati del Maestro e persone serie, di comunicare e parlare tra noi!!!…. N.B. Claudio Baglioni è la Storia che tutti gli altri al massimo possono leggere

  17. Caro Claudio, è grazie a noi fan che tu hai avuto successo e tu ieri ci hai trattato in un modo indecente. Ieri tu sul palco ci hai tenuto alla larga da te. Non si fa così

    1. Si chiama educazione, quella che le persone ieri sera non hanno avuto, come dice la lettera qui sopra, è normale che bisogni comportarsi da bufali per arrivare sotto al palco per cosa poi? Farsi toccare una mano? No no no, non ci si comporta così ad un concerto.

    2. Ma ti sei resa conto della maleducazione, per non dire peggio, del tuo commento e quindi tua? Se tu sapessi cosa è la vergogna ti sarebbe di aiuto

    3. Prima di accusarlo ingiustamente vada a vedersi quel video della sera prima dove le sue affezionatissime fan gli mettono le manine fuori posto! Si è autorizzati anche a questo solo perché lo si segue da una vita?

  18. Io da quando vado ai concerti ( ed ormai sono diversi anni) ho sempre visto che nelle ultime canzoni il pubblico si avvicina al palco…..poi chiaramente fatto con una certa ignoranza da noia…..quello che non ho capito …possibile che in tutta la location ci fosse solo Sandrone? In genere ho visto anche a Lucca che il teatro era anche piccolo sono almeno sei osette quelli della sicurezza……per esempio anche a Lucca in fondo solo le prime file sono riuscite ad avvicinarsi proprio sotto il palco……..mah……….

  19. Visto impossibilità ad essere presenti vorrei sapere se Claudio x noi amici lontani ha pensato anche alla vendita di un video del concerto di caracalla io sarò la prima a comprarlo…grazie mille aspetto notizie

    1. Purtroppo non ho avuto la fortuna di assistere a questa bellissima occasione e spero che CLAUDIO …con la sua Sensibilità ..Raffinatezza..Umanità..
      Si ricordi di noi Fans …Grazie CLAUDIO ..TVB GIÒ 2015❤

  20. Personalmente penso che non è solo scorretto catapultarsi sotto il palco, ma anche alzarsi in piedi e ballare, cantare , impedendo a chi sta educatamente seduto di godere dello spettacolo.
    Ho partecipato a diversi concerti del nostro amato Claudio (lo seguo da qnd avevo 11 anni. Adesso ne ho 62) e la storia è sempre la stessa. Così come è sempre uguale la richiesta di Claudio di non usare i flash per fare le fotografie. Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Aggiungo che, spesso, nonostante volessi stare seduta al mio posto, sono stata costretta ad alzarmi perché non vedevo nulla a causa di coloro che “rispetto” è una parola astrusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button