FotoStampa

Scaletta Claudio Baglioni a Caserta 17/09/2022

Claudio Baglioni è stato protagonista di un concerto memorabile alla Reggia di Caserta (stasera si replica). Una serata indimenticabile. Grazie a Gaia per la scaletta e il dettaglio da Caserta:

Foto Gallery

  • 21.13 Salgono sul palco l’orchestra e il coro del teatro Giuseppe Verdi
  • 21.16 Peppe Iannicelli presenta la manifestazione “Un’estate da re”, lo spettacolo, il coro e l’orchestra, ringrazia il comune e la reggia di Caserta. Parla di come Claudio abbia provato fino alle 20.30 con grande gioia, invita il pubblico ad applaudire Westley
  • 21.21 Claudio sale sul palco e canta Io sono qui alla chitarra
  • 21.26 Claudio augura una buonasera al suo pubblico “perché sia una bella serata”, poi parla dell’ultima volta che è stato qui, 13 anni fa. Ringrazia tutti, Westley in primis, musicisti e cantanti.
  • 21.27 Dodici note
  • 21.33 Claudio dice come sarebbe bello pensare che anche stasera potremmo stupirci di stupore e meravigliarci di meraviglia e che ce la metteranno tutta perché questo avvenga
  • 21.34 Acqua dalla luna
  • 21.39 Racconta di come ha cercato di ritrovare l’atmosfera del passato, poi fa una battuta sulla pioggia che c’è stata poco prima dell’inizio del concerto, che sarebbe stata l’acqua dalla Luna. Riprende poi il discorso sul passato e su come sia bello rievocare gli anni più belli
  • 21.40 Come ti dirò
  • 21.45 Claudio definisce lo stare sul palco come un’avventura sempre nuova, in cui ogni volta è come partire dal via.
  • 21.45 Dagli il via
  • 21.52 Gli anni più belli
  • 21.56 Quante volte
  • 22.01 Claudio racconta come la sua estate sia stata sorprendente, e che anche se dopo tanti anni si rischia di fare il callo a questo mestiere, ha avuto l’opportunità di suonare in una nuova dimensione classica con diversi cori e orchestre, stasera in particolare con l’orchestra del teatro Giuseppe Verdi, con cui farà un brano che ama particolarmente – “perché l’ho scritto io”, ironizza
  • 22.03 Fammi andar via
  • 22.10 Fa una similitudine fra le note e le pause di una partitura e le tante persone che vivono
    tutti insieme e ciascuno la sua vita e i suoi amori in corso
  • 22.11 Amori in corso
  • 22.16 Parla di una malattia tremenda ma bellissima, senza rimedio né vaccino – “altro che pandemia” – a cui nessuno può scampare ma di cui non si può fare a meno
  • 22.17 Mal d’amore
  • 22.22 Racconta di come spesso gli capiti di pensare a quante canzoni ha scritto e di come sia difficile perché con la vecchiaia si perdono tre cose, uno la memoria, due le forze e tre la memoria – il pubblico ride.
    Racconta poi che tanti anni fa, ancora prima di conoscere Geoff, stava componendo una canzone, e che da quel momento sono passati più di 50 anni
  • 22.23 medley al piano Qpga – Amore bello – E tu-Sabato pomeriggio – E tu come stai
    Al termine del medley il pubblico omaggia l’artista con una standing ovation
  • 22.33 Mille giorni di te e di me
  • 22.39 La vita è adesso. Mentre comincia a piovigginare, parte del pubblico si avvicina al palco
  • 22.45 Claudio scherza su un presunto detto di teatri e concerti secondo il quale “quando si lascia il posto comincia a piovere”, e proprio per questo prega il pubblico di guadagnare nuovamente il proprio posto “come fanno le persone per bene”, anche per evitare di “farci parlare dietro”.
    Ringrazia orchestra e coro lirico del teatro Giuseppe Verdi di Salerno, diretti da G. Westley.
    Presenta la band e le sue vocaliste.
    Comincia a raccontare come sia stata davvero un’avventura da re e cavalieri con poco tempo per provare, ma poi si interrompe per far notare che ha smesso di piovere una volta che il pubblico ha preso posto (in realtà scende ancora qualche goccia, smetterà dopo pochi minuti).
    A questo punto Claudio annuncia che ora inizierà il concerto e che dopo tanti luoghi straordinari di questa estate (Caracalla etc) ora siamo in un altro luogo storico che, proprio come gli altri, per consolarci è più vecchio di noi.
    Claudio vuole fare un omaggio a questo posto insieme a Danilo Minotti, che ha curato le orchestrazioni dirette da Westley
  • 22.50 Reginella
  • 22.56 Racconta che poco più di 40 anni fa ha incontrato Geoff con cui lavorarono a questo progetto, che proprio Westley ha deciso di fare questa sera per intero per la prima volta. Ricorda inoltre come il sottotitolo dell’album fosse “una piccola storia che continua”, una storia che in effetti è continuata, visto che “siamo ancora qua”

ALBUM STRADA FACENDO LIVE

  • 22.57 Uno
  • 22.59 Via
  • 23.06 I vecchi
  • 23.12 Due
  • 23.14 Notti
  • 23.18 Le ragazze dell’est
  • 23.24 Claudio presenta nuovamente GW
  • 23.26 Strada facendo
  • 23.31 Tre
  • 23.32 Fotografie.

(Al termine della lunga parte finale strumentale il pubblico omaggia l’artista con una standing ovation(

  • 23.42 Ora che ho te
  • 23.47 Quattro
  • 23.49 Buona fortuna

FINE OMAGGIO A STRADA FACENDO

  • 23.53 Claudio, riconoscendo di aver esagerato con le sorprese questa sera, presenta “un musicista bravo, che si farà ancora di più”: Giovanni Baglioni, che intanto sale sul palco
  • 22.54 E adesso la pubblicità accompagnato da Giovanni
  • 22.59 Giovanni lascia il palco.

Claudio riflette su come sarà difficile ripetere una serata così… “infatti la faremo domani”.
Ringrazia tutti coloro che hanno lavorato tecnici, band, cantanti, coro, orchestra, Minotti e Geoff Westley autore sia degli arrangiamenti originali dell’album Strada facendo che di quelli di questa sera.
Parla poi di come, un anno dopo quell’album, fece un altro brano con Westley, quando stava
per venire al mondo il musicista appena sentito

  • 00.02 Avrai. Parte del pubblico avanza
  • 00.07 Presenta nuovamente Westley, orchestra, cantanti, band e coro, Giovanni e Danilo Minotti.
    Ringrazia e saluta il pubblico
  • 00.09 Claudio Baglioni Lascia il palco

Grazie a Gaia per la cronaca da Caserta


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button