Home / Stampa / Conversation with Claudio Baglioni

Conversation with Claudio Baglioni

Claudio Baglioni at Casa Italiana Zerilli-Marimo’ was a great success. A full house of Americans and Italians welcomed the artist on the night before his final concert of his ‘One World – Un solo mondo’ world tour. The concert will take place tonight, Friday 17, at the Angel Orensanz Foundation (172 Norfolk St.). Baglioni answered many questions by Letizia Airos (director of i-Italy.org), Mario Platero (Il Sole 24 Ore) and writer Tiziana Rinaldi Castro.

There were many topics of discussion, from tomorrow’s performance – a solo concert (“Un assolo mondo”, the singer joked). He explained that he is giving his group of musicians a break, after traveling across five continents, a valuable “professional and personal” experience.

The trip was also an excuse for developing one of his dearest topics, “a way to reach out to the larger Italian nation spread around the world, stimulating a culture of dialogue against the culture of fear’. These sentences also reflect Baglioni’s strife in the O’Scia’ project, that unites artists from all around the world in Lampedusa: “A beautiful land which is also a desperate goal for many people”. Baglioni defined the project (which up until now saw the participation of over 300 artists and is supported by many important international organizations, such as the Red Cross and Amnesty International, as well as many NGOs), “a chance for art and life to meet to stimulate and develop respect among people”.

He also mentioned the upcoming 150th anniversary of Italy’s unification, and the artist explained he has felt a stronger tie to Italians abroad than those in the homeland: “I sincerely hope that 2011 will be the opportunity to underline our unity by including this enormous country of millions of Italians that live abroad and belong to us.”

Baglioni also dialogued with the public about his musical production, analizing the structure of his creative process. “I don’t want to reveal the magicians trick, but I am terrorized by words. If I could avoid putting words to my music I would be happy”, as a way of saying that the linguistic composition is the more complex and concentrates more on the search for musicality of the words than on the structure of the context.

Before ending the event, which lasted about two hours, Baglioni anticipated his intention of playing some songs by other authors at the Orensanz. “I love to play other people’s music – he commented – years ago I had the opportunity of singing ‘The Sound of Silence’ with Garfunkel and it was a wonderful experience”. The evening ended with a heartfelt applause of his fans.

Traduzione online by google:

Claudio Baglioni alla Casa Italiana Zerilli-Marimo è stato un grande successo. Una location piena di americani e di italiani ha accolto con favore l’artista, la notte prima del suo concerto finale del suo ‘One World – Un Mondo’. Il concerto avrà luogo questa sera, Venerdì 17, alla Angel Orensanz Foundation (172 Norfolk St.). Baglioni ha risposto a molte domande da Letizia Airos (direttore di I-Italy.org), Mario Platero (Il Sole 24 Ore) e della scrittrice Tiziana Rinaldi Castro.

Ci sono stati molti argomenti di discussione, dalla performance di domani – un concerto da solista (“Un Assolo mondo”, ha scherzato il cantante). Ha spiegato che lui sta dando il suo gruppo di musicisti di una pausa, dopo un viaggio attraverso i cinque continenti, una preziosa esperienza “professionale e personale”.

Il viaggio è stato anche un pretesto per lo sviluppo di uno dei suoi più cari argomenti, “un modo per raggiungere la nazione più grande italiano diffuso in tutto il mondo, stimolando una cultura del dialogo contro la cultura della paura ‘. Queste frasi rispecchiano anche le lotte Baglioni nel progetto O’scià ‘, che riunisce artisti provenienti da tutto il mondo a Lampedusa:. “Una bella terra che è anche un obiettivo disperata per molte persone”, Baglioni ha definito il progetto (che fino ad ora ha visto la partecipazione di oltre 300 artisti e si sostenuta da importanti organizzazioni internazionali come la Croce Rossa e Amnesty International, così come numerose ONG), “una chance per l’arte e la vita di riunirsi per stimolare e sviluppare il rispetto tra i popoli”.

Ha ricordato anche l’anniversario prossimo 150 anni dell’unità d’Italia, e l’artista ha spiegato che ha sentito un legame più forte per gli italiani all’estero che quelli in patria: “Mi auguro vivamente che il 2011 sarà l’occasione per sottolineare la nostra unità, includendo questo enorme paese di milioni di italiani che vivono all’estero e ci appartiene. “

Baglioni ha anche dialogato con il pubblico circa la sua produzione musicale, analizzando la struttura del suo processo creativo. “Non voglio rivelare il trucco maghi, ma sono terrorizzati dalle parole. Se potessi evitare di mettere le parole alla mia musica sarei felice”, come un modo per dire che la composizione linguistica è la più complessa e si concentra di più sulla ricerca di musicalità delle parole che sulla struttura del contesto.

Prima di concludere l’evento, durato circa due ore, Baglioni anticipato la sua intenzione di suonare alcune canzoni di altri autori a Orensanz. “Mi piace suonare la musica di altre persone – ha commentato – anni fa ho avuto l’opportunità di cantare ‘The Sound of Silence’ con Garfunkel ed è stata una bellissima esperienza”. La serata si è conclusa con un applauso sincero dei suoi tifosi.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] – Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*