Home / Resoconti / Il fiato di O’Scià non è poi così corto

Il fiato di O’Scià non è poi così corto

Dopo aver suscitato le invidie e la disapprovazione di qualche giornalista di basso profilo, come era accaduto per la neonata manifestazione Lampedusa Sùsiti svoltasi ai primi di Giugno 2011, questa volta O’ Scià stuzzica le penne velenose di un noto critico e giornalista musicale, Mario Luzzatto Fegiz, il quale dall’alto delle pagine della sua prestigiosa rubrica del settimanale Style del Corriere della Sera, si scaglia contro la nota manifestazione.
Nel velenoso articolo, Luzzatto Fegiz, depreca in maniera evidente il lavoro della Fondazione O’ Scià che da ben nove anni organizza la manifestazione in capo a Claudio Baglioni e alla compagna Rossella Barattolo, senza risparmiare qualche più celato affondo nei confronti di chi interviene a questa manifestazione.
Occorre dunque, ancora una volta, meditare sul senso di questo evento.
O’ Scià non è una vacanza organizzata, un viaggio di gruppo  in comitiva.
Non è un tour, non è un concerto, né uno spettacolo.
Non è una parata di stelle, fulgide o cadenti o scadenti che siano.
Non è nemmeno autocelebrazione. Né celebrazione.
Non è politica. Non è una festa di paese o un raduno di fans.
E’ effettivamente un punto di incontro, un vertice.
Forse non tra capi di stato o esperti di migrazioni o di grandi politici.
Ma di persone con una loro opinione, con una loro idea.
Persone che danno fattivamente una mano.
A chi ha fattivamente bisogno. All’isola per esempio.
O’Scià raduna 15.000 persone ogni anno, rappresentando probabilmente l’unica fonte di sussistenza vera e propria dell’isola e l’unico modo di parlarne in maniera un po’ più gioiosa di quella che sentiamo quasi tutte le sere nei telegiornali.
Qualcosa di meglio di quel boccone di cena amaro che certe immagini ci fanno mandare giù.
Luzzatto Fegiz prosegue poi con una vana discussione sui luoghi della musica, tralasciando il fatto che il più grande indice di gradimento sono i numeri delle persone che partecipano ad uno spettacolo.
15.000 persone che per cinque sere assistono ad uno spettacolo non sono certo
poco e questo significa che la formula musicale e sociale piace.
Nove anni non sono certo uno scherzo. Evidentemente il fiato di O’Scià, non è poi così corto.

Francesco Mosconi in esclusiva per doremifasol.org

redazione

La redazione di doremifasol.org e saltasullavita.com è composta da tanti amici ed appassionati della musica di Claudio Baglioni. Un grazie a loro per il lavoro e l'aiuto apportato a questo portale - Per scrivere alla redazione usare wop@doremifasol.org - Capo Redattrice e coordinatrice: Sabrina Panfili [Roma]

Potrebbe interessarti anche:

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.