Home / Stampa / 50 anni di canzoni in 10 Dita

50 anni di canzoni in 10 Dita

Auditorium, Baglioni in concerto
“50 anni di canzoni per tutte le emozioni della vita”

di FELICE LIPERI

Da domani a venerdì tre concerti nella sala Santa Cecilia per il tour “Dieci Dita”

“Dieci Dita” per presentare tutte le canzoni che regalano emozioni. Claudio Baglioni torna da domani sera a venerdì sera al Parco della Musica con una serie di concertiincontri tra artista e pubblico. Appuntamenti diversi uno dall’altro: senza copione, senza scaletta, senza nessuno dei classici rituali dei concerti. Si può immaginare una varietà di spunti per il progetto “Dieci dita”… “Il più forte motivo ispiratore è la leggerezza confessa Baglioni da non confondersi con la banalità. La leggerezza è la virtù dell’equilibrio e della capacità di mantenere il senso delle proporzioni e dare il giusto peso alle cose”.

Le sue canzoni sembrano più il risultato di improvvisazione che di idee precostituite. “Le canzoni non nascono mai da idee precostituite, perché quando mi siedo al piano o prendo la chitarra so da dove parto, ma non so mai né se, né dove arrivo. È questa, in fondo, la differenza più grande tra un artista e un artigiano: che nessun artista sa prima come sarà il suo lavoro. Tutto quello che sappiamo è che l’ispirazione esiste, ma ti deve trovare al lavoro. La parte più difficile di questo strano mestiere, infatti, è quella di non lasciarsi scappare le buone idee (che non bussano mai due volte alla porta) e cercare di rispettarne il più possibile natura e identità”.

Claudio Baglioni ha sempre emozionato il pubblico più che intrattenerlo. “Diciamo che la mia ambizione è quella di accompagnarlo facendolo emozionare. Emozione è una parola molto sottovalutata e, spesso, banalizzata, come fosse una condizione della quale quasi vergognarsi. Invece il suo significato autentico, è importante. Significa “smuovere”, “scuotere”, “mettere in movimento”.

Tutti concetti che hanno a che fare con l’idea di non rimanere apatici, distaccati o disinteressati. Molte sue canzoni sono state reinterpretate, con cover spesso apprezzabili. “Quasi tutte apprezzabili, anche perché è sempre interessante scoprire cosa gli altri amano di te e in che modo vedono certi passaggi melodici o certe linee di testo. Le canzoni, soprattutto quelle particolarmente fortunate, a un certo punto smettono di essere di chi le scrive e diventano, in un certo senso, patrimonio comune (per questo, nel mondo anglosassone, li chiamano “standard”) ed è emozionante sentire che hai dato vita a qualcosa che va oltre i tuoi pensieri,
le tue sensazioni, le tue paure.

“La vita è adesso” è stato, forse, il suo più grande successo. “È un invito a non sprecare nulla, ma a godere di ogni cosa, bella o brutta, gioiosa o dolorosa che sia, fino in fondo, perché ogni cosa ha qualcosa di importante da dare e da insegnare. Marquez ha scritto che “la vita è la cosa migliore che sia stata inventata”: ha ragione, anche se, spesso, ci fa soffrire”.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 



1 Commento

  1. Claudio = emozione sempre e comunque ! Basta usare il Cuore e ascoltare le tue opere e non solo “sentirle” grazie di aver fatto tutto questo Con Noi per Noi !!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.