Home / Stampa / 40 anni dopo ad Agordo

40 anni dopo ad Agordo

«Sono felice di essere ritornato ad Agordo dopo molti anni. Quarant’anni fa non avrei mai pensato di cantare in questo paese dove ho vissuto anche parte della mia vita».
Questo il regalo di Natale che Claudio Baglioni ha fatto ai suoi fans nella elegante ed enorme sala mensa della Luxottica di Agordo. Il regalo più grande lo ha fatto però Luxottica Group ai suoi tanti dipendenti: una cena da capodanno con i cuochi Luxottica che di apprezzamenti ne ottengono non solo nella serata della festa di Natale, ma anche tutti gli altri giorni lavorativi e l’altro regalone, un concerto con colui che ha scritto la colonna sonora di tanti amori dagli anni Settanta ad oggi.

Quarant’anni di emozioni in musica sfociati in altrettanti di storie vissute. Davanti al palco c’erano genitori e figli, da “Questo piccolo grande amore” ad una versione acustica da pelle d’oca di “Ad Agordo è così”.

Per la prima volta nella vita cantata ufficialmente davanti a tanta gente sotto all’Agner, di fronte al Col di Foglia, vicino al bar Centrale ed alla Pizzeria da Meto, negli anni Settanta c’era Silvio in quella pizzeria e Baglioni lo ha pure ricordato. Tanti angoli di Agordo cantati in una canzone che ha fatto conoscere il capoluogo di vallata ovunque. Perché qui, Baglioni, trovò l’amore che portò all’altare. Introducendola Baglioni ha detto che non la cantava da tempo, ma la versione acustica che ne è uscita sarà difficilmente dimenticata.

«Bellissimo. Stupendo. Meraviglioso. Che regalo di Natale – dice Orietta che di Claudio Baglioni ne ha fatto una bandiera – L’ho visto anche a Sedico nel 1986, sempre nei Dvd, ma averlo qui, nel mio paese dove sono cresciuta ascoltandolo, nel posto in cui lavoro, non ha prezzo. Ho saputo da mio marito che sarebbe venuto per Natale, all’inizio non gli avevo nemmeno creduto. Ad Agordo la voce “arriva Baglioni per la cena” si sente ogni anno, una leggenda metropolitana. Ma la leggenda si è trasformata in favola».

Vai alla Home Page dell’evento

Mirko Mezzacasa

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


1 Commento

  1. Mai stato ad Agordo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.