Home / In evidenza / Scaletta Milano 03\01\2014

Scaletta Milano 03\01\2014

Prima data a Milano per DIECI DITA di Claudio Baglioni. Pubblico numeroso e un Baglioni in gran forma canora. Presente Rocco Tanica tra il pubblico.

  • Ore 21.07 Claudio sale sul palco sulle note di Cantique de Noel, accolto da un bellissimo  e caloroso applauso
  • Ore 21.08 Solo – pianoforte
  • Ore 21.17 Claudio fa la scena del primo violino con una spettatrice sul palco, utilizza la sua sedia per salirci in piedi e canta: una Casetta in Canadà, raccontando quando la fece da bambino. Riceve in dono dal pubblico una maglietta. Al termine della canzone scende dalla sedia e la spolvera dicendo che lo ha visto fare già in televisione.
  • Ore 21.21 Una storia vera – chitarra
  • Ore 21.26 Claudio racconta di esser caduto dopo la mezzanotte del 31 Dicembre e ha rischiato di cambiare il nome in 5 dita
  • Ore 21.32 Claudio Baglioni dedica questi concerti a sua mamma, la signora Silvia, che ci ha lasciato da meno di un anno. Racconta un episodio di quando la madre finse di esser lui alla guida della sua porche per evitare che prendesse la multa il figlio.
  • Ore 21.33 Acqua dalla luna – chitarra
  • Ore 21.37 Dieci Dita – tastiera
  • Ore 21.43 Claudio racconta del suo primo debutto a Centocelle, al festival di San Felice da Cantalice ed intona Ogni Volta di Paul Anka
  • Ore 21.47 Fotografie – chitarra
  • Ore 21.52 E noi due là – tastiera
  • Ore 21.59 Ragazze dell’est –  pianoforte
  • Ore 22.05 Claudio racconta la sua esperienza in Polonia negli anni 70, e canta la famiglia dei gobbon
  • Ore 22.09 Gli anni della gioventù – tastiera
  • Ore 22.15 Claudio presenta i collaboratori
  • Ore 22.18 I vecchi – chitarra
  • Ore 22.24 Claudio racconta del suo primo provino alla casa discografica Ricordi di Milano.
  • Ore 22.29 Poster – pianoforte
  • Ore 22.36 Isole del sud – tastiera
  • Ore 22.41 Claudio presenta gli strumenti
  • Ore 22.44 Con tutto l’amore che posso – chitarra
  • Ore 22.47 In un’altra vita – tastiera . Standing ovation del pubblico in piedi dopo questa esecuzione.
  • Ore 22.55 Medley a cappella: Noi no, Domani mai, Vivi, Dagli il via, Io sono qui, Sono io, Cuore di Aliante
  • Ore 22.58 Sale sul palco Giovanni Baglioni
  • Ore 22.59 Giovanni Baglioni alla chitarra, accompagna Claudio Baglioni su E adesso la pubblicità. Battuta di Claudio che dice al figio “Giovanni per te Dieci Dita… CONTINUA”
  • Ore 23.06 Giovanni Baglioni suona un suo pezzo dal titolo: Toro seduto ascendente leone.
  • Ore 23.13 Giovanni Baglioni alla chitarra, accompagna Claudio Baglioni su Via
  • Ore 23.19 Giovanni Baglioni lascia il palco e Claudio Baglioni al pianoforte canta Avrai
  • Ore 23.28 Claudio Baglioni da il microfono alla nostra amica Silvia Tartaglia, seduta sul palco, chiedendole di  far cantare il pubblico presente sul palco: Signora Lia, W l’Inghilterra, , Porta Portese – chitarra
  • Ore 23.34 E tu – tastiera
  • Ore 23.38 Claudio Baglioni  in platea, tra il pubblico presente in sala, canta: Questo piccolo grande amore.
  • Ore 23.43 Medley pianoforte/tastiera: Amore bello, Sabato pomeriggio, E tu come stai, La vita è adesso
  • Ore 23.53 Strada facendo – chitarra
  • Ore 23.58 Mille giorni di te e di me – tastiera
  • Ore 00.02 Con voi – con base strumentale
  • Ore 00.08 Saluti finali sulle note di In Cammino

Grazie a Massimo, Antonella e Fanny da Milano per doremifasol.org e saltasullavita.com

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

1 Commento

  1. Buondì di ritorno dall’ Arcimboldi a Milano, cosa dire? Claudio non ha sbagliato nulla in questi anni e me ne sono accorto proprio ieri sera, parlo per me e forse vale un poco per quanti non sempre sono stati generosi con l’artista. Emozione, presenza scenica la stessa di sempre. Non sei tu Claudio che ti sei perso ma forse qualcuno di noi, che pretende dagli altri quello che non riesce a trovare in noi. Che dire di più. Scusa Claudio e grazie per avermi dato la possibilità di ritrovarTI/MI.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.