Home / Baglioni Notebook / Il vento della musica ci fa prendere il largo

Il vento della musica ci fa prendere il largo

Cresce l’attesa per il concerto di Claudio Baglioni al Modigliani Forum. Intanto lui si racconta in esclusiva ai nostri lettori

Nessuna strada è come il mare. Non mi riferisco solo al fascino (senza eguali) o al mistero (che da millenni continua a rapire l’uomo), né al fatto che niente altro sulla terra trasmetta, come lui, l’idea dell’infinito. Mi riferisco al fatto che il mare è l’unica strada al mondo che non ha fine e che porta chiunque ovunque. Imboccandola si può arrivare dappertutto; conoscere tutto e tutti. E Livorno il mare non ce l’ha davanti: ce l’ha dentro. Una città nata sul mare e per il mare, il cui porto – per molto tempo porto franco – l’ha resa casa di incontri straordinari. Voi, che la conoscete molto meglio di me, lo sapete molto più di me.

Eppure – oltre a un’Accademia che insegna il mare e che il mondo ci invidia, o al Mercatino americano, il cui spirito ricorda un po’ una Porta Portese a stelle e strisce – una delle cose che mi ha sempre affascinato di questa città è il fatto che i segni di questi incontri straordinari siano, ancora oggi, visibili ovunque: ville, palazzi, chiese, cimiteri legati ai nomi delle grandi comunità straniere che hanno reso Livorno la città cosmopolita che è. E i cantieri, ovviamente, dove l’uomo ha imparato a mettere sella e briglie al mare, per cavalcarlo ben oltre la linea curva dell’orizzonte. E un cantiere l’abbiamo aperto anche noi, per varare un vascello a bordo del quale fare rotta verso un futuro che somigli un po’ di più alla parte migliore di noi. Per questo i concerti del ConVoiTour non sono ambientati su un palco tradizionale, ma, appunto, al centro di un cantiere. Un cantiere nel quale si costruiscono navi particolari: scafi d’armonia e vele di melodia, che prendono il largo gonfiandosi al vento della musica. Non il solito palco, dunque, ma uno spazio scenico che cambia, evolvendo continuamente, e che solo nel finale si rivela simbolo di quella ricostruzione ideale e morale della quale tutti sentiamo un gran bisogno e che non è più possibile rimandare.

L’idea è che la musica si faccia scintilla e ci dia la scossa per liberarci dall’asfissiante apatia di questo presente, per trasformarsi, subito dopo, nell’energia necessaria a prendere il largo. Per questo nel ConVoiTour la musica torna protagonista e riconquista, prepotentemente, il centro della scena. E’ lei la padrona di casa. Ed è lei l’effetto speciale più grande di uno show nel quale ogni cosa – luci di taglio teatrale e cinematografico, piccoli gesti simbolici ed effetti scenici “analogici” – nasce per sottolinearne intensità, magia ed energia.

Tre ore di concerto senza interruzioni, con una scaletta di 33 brani che si fondono uno nell’altro, eseguiti da un super-gruppo di tredici polistrumentisti, con arrangiamenti, sonorità e interpretazioni dall’anima molto più rock che pop. “Tutta un’altra musica!”, ha scritto un writer su uno dei teli che abbiamo scelto per rivestire il nostro cantiere.

E’ vero: siamo qui per dar vita ad un concerto come non se ne sentono da tempo, consapevoli che la musica deve ritrovare il posto che le spetta dentro di noi, perché: migliore lei, migliori noi. Ed è bello che, per una sera almeno, il cantiere di ConVoi si affianchi a quelli di una città che il mare l’ha domato. Perché la ricostruzione, come la navigazione, non può essere un fatto individuale, ma un’esperienza collettiva, nella quale ognuno è chiamato a fare la propria parte, mettendo in gioco idee, valori, esperienze, energie… in una parola: se stesso. Esattamente come accade in mare, infatti, il futuro è una rotta che va disegnata e seguita insieme, perché è una traversata per marinai coraggiosi.

Claudio Baglioni per IL TIRRENO

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


1 Commento

  1. loretta caldarano

    visto che ti piace tanto la citta’ di livorno pensa che qui e’ nata e vive la tua prima fans era il lontano ’76 quando vidi il tuo primo concerto al palazzetto in via allende avevo dodici anni e rimasi folgorata è lui l’ uomo della mia vita pensai e in un certo senso lo sei stato davvero nel mio cuore per 4o anni io ed i miei occhi scuri siamo diventati grandi insieme adesso mi merito di essere la tua seconda moglie minimo e prendere il largo in mare sulla barca dell amore infinito

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.