Home / Stampa / In duemila ieri al PalaTrento per applaudire Baglioni

In duemila ieri al PalaTrento per applaudire Baglioni

Claudio Baglioni è uno che sul palco non ha mai voluto risparmiarsi, con scalette monstre che regalano puntualmente ai suoi fan tantissime emozioni. Non ha fatto eccezione il concerto di ieri sera a Trento: tre ore tre di show in cui, pezzo dopo pezzo, ha snocciolato tutti i suoi maggiori successi per la gioia della sua gente. Per lui al Palatrento sono arrivati in duemila, un pubblico assai meno numeroso del suo ultimo live quassù, ma comunque caldo e pronto ad emozionarsi e ad accompagnare ad una sola voce le canzoni.

Il cantautore romano ha dimostrato ancora una volta la voglia di incontrare quel pubblico che lo segue dall’inizio degli anni 70 e ha fatto dei suoi pezzi la colonna sonora di una vita. Per il «ConVoi Retour» l’artista ha studiato una set list di 35 brani che abbracciano la lunga carriera, segnata da una vena romantica spesso sofferta e dalla voglia di raccontarsi.
Sono le 21 in punto quando Baglioni appare al fianco destro del palco lasciando celata dietro un velo la band che attacca con «Notte di note». È l’inizio di un lungo viaggio che porta subito alle forme di «E tu come stai» e «Con tutto l’amore che posso», che alzano la temperatura del Palatrento.

Baglioni appare in ottima forma supportato da una band di tredici polistrumentisti, fra cui anche il batterista e percussionista di Trento Stefano Pisetta, con cui mostra di avere un grande affiatamento. Nella prima parte dello spettacolo si ascoltano, anche in forma di medley, «Domani mai», «Quante volte», «Sono io», «Amori in corso» e una particolare versione di «Poster» eseguita con un cantato a cappella.

Il flusso di suggestioni melodiche porta verso «Amore bello», «Io me ne andrei», «Cuore di aliante» e «Noi no», spesso accompagnate in coro da un pubblico conquistato da un’esibizione perfetta in ogni dettaglio. Prima della fine c’è ancora spazio per altri classici, come «E tu», «Porta Portese», «Avrai», «Sabato pomeriggio» e l’epocale “Questo piccolo grande amore”. Ma non è ancora finita perché Baglioni, prima di salutare Trento, ha tutta l’energia delle sue 63 primavere da consumare in «Strada facendo», «La vita è adesso» e «Con voi».

Fonte articoloTutto ConVoiReTour Trento

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


2 commenti

  1. Ciao scusate sono ancora io…non so cosa sia successo ma il mio commento precedente non è stato pubblicato per intero.. 🙄
    Volevo dire ancora che sono veramente entususiasta di questo retour, che trova a mio avviso i suoi momenti più emozionanti e scenografici nelle versioni di “Noi No” e “Gagarin”, che mi fanno sognare..
    Scusate per l’interruzione, buon viaggio della vita a tutti e non smettiamo di trasmettere perchè IL SOGNO E’ SEMPRE 😉
    Lucy

  2. Buonasera a tutti☺, scusate ma l’articolo mi ha innescato una domanda spontanea: dove sono i Medley nella scaletta di questo Con voi Retour? Io ho avuto la fortuna di assistere a Novara in prima fila a questo meraviglioso spettacolo ma non ricordo nessun Medley, le canzoni nominate sono state eseguite tutte intere, e se non ricordo male era stato proprio Claudio.a dire che non voleva Medley per non spezzare il.ritmo.. E’.cambiato qualcosa per caso? Ripeto, la mia è semplice curiosità, non.ho intenzione di scatenare nessuna polemica. Questo retour è ancora più bello del tour primaverile, a mio avviso, con gioielli come “Andiamo a casa”, “Amori.in corso” e “Notti” con arrangiamenti così trascinanti che fatichi a stare seduto sulla sedia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.