Home / Baglioni Notebook / 25\02\2016 Nota di Claudio Baglioni

25\02\2016 Nota di Claudio Baglioni

  
All’improvviso una smisurata bandiera ha coperto il parterre dell’arena.

Grande di senso e di sentimento

e fatta di tanti minuscoli quadri

tenuti all’altezza dei cuori.

Non c’erano picche di guerra e battaglia

ma fiori di campo sbocciati ad un tratto.

Un gioco di carte fantastico e magico

che non è illusione ma altra realtà.

Una bandiera di tutti i colori e nessuno.

Per chi non dovrà mai più esser rubato.

Per chi ha conosciuto il poeta ed il mare

che è in ognuno di noi.

Per chi non vuole ridurlo al silenzio

e continua a cantare con voce di onde.

Per chi spera che il paradiso promesso

sia una spiaggia di cui non si vede la fine

per correrci insieme sbuffati di vento.

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 



3 commenti

  1. Che bella coreografia….sono state bravissime …..peccato non esserci stata…ma io ci sarò a Firenze ed anche se non riuscirò ad avvicinarti sarò quasi vicino a te per immagazzinare tutte le bellissime sensazioni che riesci sempre a trasmettermi ed i colori di quella bandiera …li avrò tutti dentro di me….-1…un forte abbraccio.

  2. che meraviglia!che meraviglia davvero! Un vero peccato non exserci, non avere potuto assaporare questo gusto comune, questo desiderio che cresce e che ci vede abbracciati, cosi a cuore aperto ma forti ci un ideale magico. Claudio caro buo a continuazione nel tuo viaggio io continuo ad abbracciartj con tutto il mio amore

  3. È la nostra bandiera!. Le vie dei colori che stiamo percorrendo insieme…il poeta e il mare dentro noi che non smetteranno di far sentire il loro canto. Sono stupefatta e incredula, dall’ultima tua frase perché è la precisa, netta descrizione di un mio sogno di alcuni anni fa. Sognai che ero in Paradiso con mio figlio, che non potendo parlare in questa vita terrena, lì in quel luogo meraviglioso avevo la gioia di sentire la sua bellissima e per me nuova voce, lui si poteva esprimere e parlava, raccontava e ridevamo insieme tenendoci per mano passeggiando su questa spiaggia infinita a “scimitarra” come tu scrissi una volta….I colori erano sgargianti, si sentivano le onde infrangersi sulla battigia e io vedevo noi due da lontano, le nostre orme vicine che si formavano e sparivano e musica, tanta musica tra gli alberi e i fiori…e poi le corse, correvamo dentro il mare senza angoscia, senza dolore… nel vento….Eravamo finalmente felicii, tutto era leggero, semplice, incredibilmente chiaro e perfetto. Tutto era svelato. Forse il paradiso promesso è la vera realtà, e questa vita solo illusione… nessuno ci potrà più rubare niente e nessuno e il silenzio sarà cantare con le onde…La tua vicinanza fa bene alla mia anima, affinità di sentimenti e di percorsi che non mi so spiegare, e forse non voglio nemmeno spiegazioni. Siamo governati da eventi imperscrutabili e misteriosi con significati, ora, incomprensibili. E io mi dico sempre” lascia che sia tutto cosi”….Ti mando l’abbraccio grande che non sono riuscita a darti ad Assago perché non ti ho potuto incontrare… ma ti incontro lo stesso fra le tue parole. Ciao Claudio. Non smettere di trasmettere poeta del mare e grande Capitano di vascello… Notte serena….☆Patricia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.