In evidenzaO'SciàStampa

Comunicato Fondazione O’Scià per AVRAI

Il Corpo della Gendarmeria Vaticana e La Fondazione O’Scia’ insieme per
AVRAI
CLAUDIO BAGLIONI
in un concerto speciale di beneficenza
per i bambini di Bangui e della Valle del Tronto
SABATO 17 DICEMBRE ORE 20.30
AULA PAOLO VI
CITTÀ DEL VATICANO

Hotels consigliati nei pressi

Acquista i biglietti online cliccando qui

In occasione del 200° anniversario della Gendarmeria Vaticana, il Comandante del Corpo Dott. Domenico Giani ha annunciato il progetto AVRAI di Claudio Baglioni, il concerto-evento che si terrà eccezionalmente il 17 dicembre 2016 nell’Aula Paolo VI.
La manifestazione avrà due importanti fini benefici: il primo, nato la scorsa primavera su indicazione di Papa Francesco, si identifica in un programma di aiuti all’ospedale di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, colpita da anni da una intestina guerra civile placatasi con la storica visita di Papa Francesco che ha portato all’elezione di un Presidente e ad una pace che si prospetta duratura. Gli aiuti saranno destinati per la formazione di medici, la scuola di specializzazione in pediatria e la costruzione dei padiglioni attraverso l’Ospedale Bambin Gesù. Il secondo, a seguito del sisma del 24 agosto che ha colpito le zone della Valle del Tronto, si rivolge, con un prospetto di soccorso a quelle popolazioni.
“Andiamo avanti, sempre c’è un futuro. Guardare sempre avanti. Avanti, coraggio, e aiutarsi gli uni e gli altri. Si cammina meglio insieme, da soli non si va. Avanti!”. Queste le parole del Santo Padre quando martedì 4 ottobre ha raggiunto, a sorpresa, la città di Amatrice e, da lì, le altre zone interessate dal terremoto, per incontrarne gli abitanti così duramente colpiti.
Il progetto AVRAI parte, su indicazione di Sua Santità, dal cuore dell’Africa e arriva nel cuore d’Italia per costruire attività e opere a favore del mondo dei bambini tutti. Distanti e vicini. In un abbraccio partecipe e solidale che va da chi vive da sempre condizioni difficili a chi le sta vivendo in questo momento.
Per agevolare il pubblico nella richiesta di informazioni e per le donazioni, oltre a una sezione nel sito news.va, è stato predisposto un call center dedicato +39 3356485882, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle ore 16.00 e un info point sito all’Ufficio Mobile delle Poste Vaticane in Piazza San Pietro.

L’OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESÙ PER BANGUI

Nel cuore dell’Africa, con una superficie di 623.000 km² e una popolazione dei 4,9 milioni di persone, la Repubblica Centrafricana è uno dei paesi più poveri del mondo, nonostante la ricchezza di risorse naturali del suo sottosuolo.

Dal 2013 ha vissuto una crisi umanitaria profonda. Tensioni di carattere etnico e religioso hanno portato disordine e instabilità nel paese e le popolazioni locali sono state vittime di violenze ed abusi. I combattimenti hanno causato morti, feriti, spostamenti di persone, saccheggi, distruzione di case e strutture sanitarie, traumi psicologici. Si stima che nel corso del 2016, 2.3 milioni di persone avranno bisogno di aiuti umanitari, di cui 1.2 milioni di bambini. La situazione rimane particolarmente grave per molti bambini nel paese: 139 bambini su 1000 muoiono sotto i 5 anni e 880 donne su 100.000 muoiono per cause correlate alla gravidanza. Più di 1.2 milioni di persone stanno affrontando livelli di insicurezza alimentare e si stima che 39.000 bambini sotto i 5 anni soffriranno di malnutrizione grave acuta. Si contano più di 450.000 sfollati all’interno del paese, di cui 48.000 nella capitale, Bangui. A questi, si aggiungono più di 463.500 centrafricani che hanno chiesto rifugio nei paesi vicini.

È proprio in questa terra, martoriata dalle violenze e dalla povertà, che Papa Francesco ha concluso il Suo Viaggio Apostolico in Africa, lo scorso novembre, dando inizio al Giubileo della Misericordia, con l’apertura della Porta della Cattedrale di Bangui, diventata la “capitale spirituale del mondo” e, portando parole di speranza al paese verso per un percorso di riconciliazione, perdono, amore e pace. In quell’occasione, l’assistenza sanitaria è stata individuata dal Santo Padre come ambito concreto di intervento per la Chiesa, con la richiesta specifica di mettere l’ospedale pediatrico della capitale nelle condizioni di poter curare efficacemente i bambini.

Nel solco tracciato dal Papa, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha risposto alla richiesta di aiuto di un popolo, impegnandosi a sostenere l’unico Ospedale Pediatrico della Repubblica Centrafricana, in collaborazione con l’Università di Bangui e le autorità locali.

Molti sono i bisogni riscontrati in loco. In particolare sono segnalate carenze di tipo strutturale e tecnologico, per cui si ravvisa l’urgenza della ristrutturazione e riorganizzazione di reparti pediatrici, dei servizi nonché l’acquisto e l’installazione delle necessarie apparecchiature. Farmaci e terapie nutrizionali sono, allo stato attuale, insufficienti per rispondere alle richieste di assistenza e di aiuto. Fondamentale anche la riqualificazione professionale del personale, in ambito clinico e manageriale, nonché il sostegno alla Facoltà di Medicina dell’Università di Bangui per la ricerca e per la formazione in ambito pediatrico degli studenti e gli specializzandi.

Nel maggio 2016 sono stati avviati alcuni interventi urgenti per consentire un dignitoso funzionamento dell’Ospedale di Bangui e la continuità delle cure: acquisto di un generatore e di un trasformatore di corrente, attivazione della rete fognaria, rinnovamento della lavanderia, ristrutturazione dell’aula biblioteca dell’Ateneo per formazione a distanza. Si è proceduto quindi all’assunzione di 16 medici generici.

Gli interventi attualmente previsti puntano a migliorare le condizioni strutturali del complesso pediatrico, l’organizzazione dei servizi, le competenze del personale locale e le conoscenze in ambito pediatrico degli studenti di medicina, degli specializzandi e degli stessi insegnanti universitari. Sono previsti in particolare:

  • La ristrutturazione di 3 reparti per pazienti affetti da malattie croniche e bambini malnutriti, compresa la dotazione degli arredi e delle attrezzature necessarie
  • Il sovvenzionamento di 20 borse di studio per 20 specializzandi
  • Il contributo all’acquisto di medicinali
  • La formazione a distanza sulle specificità pediatriche per il personale sanitario, gli studenti di medicina e gli specializzandi
  • Stage di perfezionamento in Italia per neo-specializzati e professori della Facoltà di Medicina di Bangui

Hotels consigliati nei pressi

Acquista i biglietti online cliccando qui



Booking.com


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button