In evidenzaResoconti

La voce e le parole in Claudio Baglioni

Sandro De Bonis per doremifasol.org

All’inizio c’è la voce, tutto parte da qui, la voce è l’origine che si dona, l’erompere della vita che viene; è l’irruzione che apre la prima scena; è parola che crea, che rivela e che avvera. La parola prima si trova sempre posizionata nel dire, per questo è in opera, atto in esercizio, espressione che dice, La prima voce è meraviglia; è potenza e bellezza.

Nella musica di Claudio Baglioni risuona l’eco di una parola originaria, lampo che stupisce e rapisce, simbolo di una parola che unisce; parola che segue e crea alleanza, voce e parola che dicono la vita che avvolge e coinvolge.
Claudio con la sua voce ci ricorda che siamo voci in cammino, voci pensanti e appassionate, voci che lottano e corrono, voci che attendono e amano la vita.

La voce è il segno umano per eccellenza. La voce è sorta quando l’uomo ha guardato per la prima volta cielo, da allora le parole sono sacre e articolate, proferite e profetiche, declamate e cantate, innalzate e rilasciate e rilanciate. Le parole sono vibrazioni che scaldano e illuminano, designano e convocano, per questo le parole hanno bisogno dell’altro per essere dette assieme. La parola sta sempre nel dire, come parola da declinare e da coniugare, parola aperta e lanciata e che ritorna come risonanza. Per questo, la musica di Claudio diventa la parola che accenta e accende la nostra vita; parola che riconosciamo e assumiamo; la parola è eros e attrazione, assonanza si accorda con le nostre attese, La parola è luce sonora che illumina; è potente energia che comunica; è onda ammaliante che investe che fa sentire dentro un brivido grandioso.

La voce di Claudio è attraversata dal vibrare originario, traccia del suono della prima parola che continuamente si dice nelle immagine reali delle sue canzoni. Voce ed in-canto che sento e si scrive nel mio sentimento, per questo le sue parole diventano la mia voce.

La voce mi fa capire che la sonorità è l’anima delle parole; le parole si muovono e si intrecciano, il loro destino è essere in consonanza, per questo nelle parole è presente la musicalità della prima parola.

La voce di Claudio incarna la sonorità della vita, nelle sue diverse tonalità, alte da toccare il cielo e profonde da toccare i cuori. Voce come in-canto della vita, intrigante mistero di una voce che incrocia le nostre.

Per questo, siamo riflesso della musicalità della vita, siamo note; siamo segno in-musica; siamo esistenti senzienti, siamo sensibilità e senso; siamo energia sonora; siamo respiro e fiato; attori e spettatori di un magico spettacolo che Claudio ci fa sentire con la sua arte in dono. La musica ci fa capire e sentire che siamo immersi nella sonorità del mondo, che siamo intreccio di più voci, per questo siamo percezione ed emozione; siamo respiro e filamento. Siamo vibrazione fisica ed emotiva; siamo timbro e identità, siamo ritmo e movimento nel tempo; siamo melodia e organizzazione; siamo intervallo e pausa, siamo armonia che costruisce; siamo segni che rilanciano la musicalità della vita. Siamo musica dentro le nostre parole, siamo musica sempre.

Ascoltare la musica di Claudio è fare esperienza della mia sonorità, del mio esistere legato alle sonorità di tutte le vite, ai diversi toni e note che colorano la vita, ognuno con la propria intonazione, ognuno con la musica che batte dentro. Per questo sono sostanza sonora, ogni mio movimento è marcato dal segno della prima parola, dal quel vibrare che sento nel battito del mio cuore. Tutto questo vive in me, tutto rimbalza e si rinnova in modo nuovo.

Rivivo questo ogni volta che ascolto Claudio, ogni volta è la prima volta, l’inizio di uno straordinario viaggio, dove scopro un mondo nuovo, un modo di abitare il mondo. La musica è un affascinate cammino, un’entusiasmante corsa fatta con il battito del cuore e con il sorriso dei sogni, corsa che diventa suono e voce, fiato e poesia, mistero che sento che mi lega al brivido della prima parola.

Sandro De Bonis

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button