ResocontiStampa

Lo sguardo di meraviglia nell’arte di Claudio Baglioni

Sandro De Bonis per doremifasol.org

La musica richiama al ritmo della vita, al legame che tiene assieme tutte le voci, come infinito intreccio di volti e suoni. La musica fa sentire che tutto ciò che esiste si esprime come ritmo, questo vuol dire che l’esistenza dell’umano si modula come sequenza e ritorni di battiti, come un continuo ripartire e ritornare, movimento che non si presenta mai allo stesso modo.

Sentire la vita è essere dentro la musica, essere immersi nella musica, questo spiega, allora come ogni nostra azione presenta un ritmo musicale, ogni nostro dire si esprime come parola musicale.

L’artista è figura musicale; è colui che rivela la verità della parola come intreccio che le lega continuamente con le altre, gioco che mostra la relazione dell’uno e del molteplice, dell’identità e della differenza, di tutti con ognuno.

L’opera dell’artista ci restituisce al meraviglioso, ci fa comprendere che il nostro essere è sempre un con-essere, che l’abitare nel mondo a che fare con gli altri, che la vita si compie come incontro con la meraviglia.

La musica di Claudio è segno della parola ritmica, parola musicale che tiene assieme la sua parola con le nostre, parola che giunge fino a noi e ci fa dire, nel nostro dire la forza infinita del dire la vita.

La parola musicale di Claudio rimanda al ritmo della parola, al suo perenne oscillare tra il tempo della memoria e il tempo presente, movimento  che è proprio della vita.

La meraviglia ci colpisce e ci rapisce, ci toglie la parola perchè limitante al nostro piccolo orizzonte, per aprirci alla grande parola del mondo che contiene tutte le parole, per questo la susa voce giunge a noi come nostra voce.

L’arte è parola sonora che mostra il nostro essere in relazione, parola che fa sentire il nostro convenire assieme, allora, ascoltare musica è avvicinarsi alla verità della nostra vita.

La musica pone al centro il ritmo che, come afferma il filosofo C. Sini “è il circolo del ritorno”, azione che prevede la ripetizione dell’evento che però non è mai il ritorno dell’uguale, così come i giorni si susseguono con ritmica regolarità, essi non si presentano mai identici, ogni giorno ci regala la sorpresa di un mondo nuovo e di un nuovo battito del cuore, così è anche la musica. Quando ascoltiamo un brano l’effetto che suscita non è mai uguale a quello che si è provato nei precedenti ascolti, perchè le percezioni e l’emozioni che esso determina sono sempre nuove e diverse. Ogni volta è un nuovo incontro, qui il movimento della musica si identifica con quello della vita.

Meraviglia a che fare con lo sguardo, come spettacolo da ammirare che ci piace e ci esalta e che sollecita sempre all’azione, a mettersi in cammino. Allora incontrare Claudio è incontrare l’emozione della prima volta, dove ogni volta è una nuova volta, evento che ri-produce una meraviglia. Non si tratta, però, di rivivere nostalgia di incontro accaduto in passato.

Ecco perchè l’incontro la musica di Claudio non è l’evento che ripete il ricordo della prima volta, ma ogni volta si presenta come un’unica volta, per questo l’ascolto è sempre l’esperienza di un primo ascolto, perché l’onda di emozione che ti fa visita e ti invade ogni volta è sempre nuova. L’ascolto non è, quindi, il ritorno (ricordo) della prima volta, ma inaugura di nuovo quella prima volta come unica volta, fatto che accade anche se conosciamo a memoria il brano.

La vita è la musica, come musica è vita, entrambe esprimono uno stesso movimento, un’identica emozione, uno stesso svolgimento ed una stesso battito del cuore.

La musica di Claudio ci mostra che ogni giorno è un giorno nuovo, luogo  dove viviamo l’attesa di un incontro con la meraviglia…

Sandro De Bonis per doremifasol.org

Courtesy Photo Claudia Nappi


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button