SOLO BISStampa

Claudio Baglioni – Scaletta Pavia 22/02/2023

Il Tour DODICI NOTE SOLO BIS di Claudio Baglioni ha fatto tappa questa sera al Teatro Fraschini di Pavia.

Concerto numero 142 da quando è partito il Tour DODICI NOTE SOLO

Teatro SOLD OUT e con pubblico caloroso e partecipe.

Per non togliere la sorpresa a chi vorrà essere presente alle prossime date e gustarsi lo spettacolo senza SPOILER, chiudiamo la scaletta in una tendina.

A voi la scelta se leggerla o meno

Scaletta Pavia 22/02/2023
  • Ore 21:00 Sale sul palco Claudio Baglioni
  • Ore 21:01 Io sono qui – pianoforte

Claudio saluta, scherza con il pubblico.

Questo concerto è singolare almeno per 3 motivi:

  1. per il numero dei musicisti e cantanti è 1
  2. perché il concerto assolo solitamente ha un repertorio singolare, è come una prova d’attore, come quando qualcuno si mette al centro del palco e sostiene tutta la rappresentazione, nel caso di un concerto c’è la possibilità di ascoltare canzoni conosciute esibite come sono nate, prima che prendessero i vestiti degli arrangiamenti
  3. è un concerto che non era previsto, non era nei programmi, ma dato da una smania incredibile data dalla pandemia

Pensava di farne alcuni, non molti, ma poi “ci ha preso gusto”.

Le sale semicircolari disadorne dei teatri gli ricordano sempre le sale degli alcolisti anonimi.

“ciao a tutti, sono Claudio e non canto e non suono da… ieri! Non ce la faccio, è una dipendenza che non riesco a curare.”

Durante le pause tra i grandi concerti estivi e questi nei teatri i suoi musicisti si sono impiegati presso altri suoi colleghi – “credo con minori soddisfazioni” – alcuni sono a casa a riposo, uno in una casa di riposo!

Io invece questo riposo lo sto rimandando e sono qui… da solo!

  • Ore 21:13 Solo – tastiera

Durante la canzone una persona del pubblico ha continuato a tenere la luce del cellulare accesa , nonostante le proteste del pubblico, che addirittura lo ha fischiato. Quando si è deciso a spegnerla dal pubblico si è alzato un applauso. Claudio ha continuato a cantare, vistosamente infastidito ma portando a termine il pezzo con gran mestiere e sangue freddo.

Spiega che nel tour nei teatri precedente, 21 anni fa, c’era un pianoforte grancoda.

“Ma voi non c’eravate, perché siete tutti GIOVANI, a parte qualcuno che non indicherò.”

Claudio spiega di arruffianarsi il pubblico

21 anni prima c’era il grancoda ma all’inizio di questo tour ha trovato 3 pianoforti!

“L’avranno segato in 3 parti! Ma mi hanno assicurato che non è stato fatto del male a nessun pianoforte a coda!”

Il pianoforte – con suono di terra – che rappresenta il passato, tastiera – il piano elettrico con suono d’acqua – che rappresenta il presente e la clavinova che rappresenta il futuro.

“Specialmente in un teatro così come questo, davanti a voi, un musicista e un cantante devono pensare di proporsi con i propri arnesi del mestiere:

<un cuore e dieci dita>”

  • Ore 21:21 Dieci dita – clavinova

La canzone che segue racconta un momento dell suo estremo passato, un giorno di agosto del 1950 “in quel mese – sembrano le sacre scritture – i miei genitori andarono in vacanza in un’isola del Mediterraneo – Ischia – dove sostennero di aver “fatto i fanghi” e venne concepito questo “popo di capolavoro”.

  • Ore 21:33 Io dal mare

Claudio racconta quanto è difficile definire il presente e che l’uomo da sempre ha la smania di cristallizzare, intrappolare il presente e dopo le arti figurative grazie alla tecnologia l’uomo è riuscito a fermare il presente in un fermo immagine.

Questa tecnologia è arrivata anche nei teatri, ma a questo punto Claudio raccomanda al pubblico di non fare foto col flash poiché (lui le ha viste le foto!) appare come un fantasma, un ectoplasma.

“Ma io sono VIVO e SONO QUI!”

  • Ore 21:47 Fotografie – tastiera

Il futuro è il tempo dei patti, delle promesse.

Sarà che il piano digitale ha questi suoni quasi di fuoco, di un falò che idealmente facciamo nei giorni di vigilia, ma anche dei suoni d’aria: è lo spazio che abbiamo ancora avanti per pensare alle vicende che potranno venirci incontro.

“Quel che in una canzone mi ha fatto dire: io ti amerò sempre, con tutto l’amore che posso.”

  • Ore 21:53 Con tutto l’amore che posso

Claudio spiega che da sempre ricerca particolari e momenti in cui siamo stati bene per ricordarli (riportarli al cuore).

  • Ore 21:59 Gli anni più belli – pianoforte

Claudio racconta che il presente significa “regalo/dono” e per i musicisti il regalo che fa il mondo da subito è la musica che produce il mondo, la natura, l’universo o con i rumori per esempio la pioggia che batte sui vetri

  • Ore 22:05 Pioggia blu – tastiera

Claudio parla di quando farà l’ultimo concerto (e qui gioca coi dissensi del pubblico: NOOOOO GIAMMAI!) e si chiede come sarà e che canzoni farà e soprattutto cosa dirà, aggiunge che ha scritto una canzone che un po’ racchiude il senso del privilegio che ha avuto condividendo con noi il tempo che è la cosa più preziosa che si può donare e ci stringerà tutti in un abbraccio

  • Ore 22:16 Tutto in un abbraccio – clavinova

Claudio ringrazia il pubblico a braccia aperte e simula un abbraccio

“Grazie x questo abbraccio”

Poi racconta che forse ha iniziato a fare questo mestiere perché aveva bisogno raccontare la sua vita, un po’ come facciamo tutti, i propri problemi a qualche amico, molti si rivolgono ad un professionista: uno psicologo, psicoterapeuta, uno psichiatra, uno psicoanalista insomma uno psicoqualcosa – quando il caso è grave anche tutti e 4 – e pagano.

Lui fa la stessa cosa raccontando le sue problematiche “i buchi del cuore” nelle canzoni e lo pagano.

Torna serio e spiega come sia strano che un autore si ritrova a somigliare ai protagonisti t v di una canzone scritta anni prima

  • Ore 22:27 I vecchi – pianoforte

Se i teatri perdessero il soffitto e si potesse traguardare fuori…

  • Ore 22:34 Stai su – tastiera

Claudio invita il pubblico a canticchiare il ritornello a labbra socchiuse, in modo lascivo e sensuale, quasi erotico

  • Ore 22:43 Notti – tastiera

Claudio racconta come sia magico che con solo 12 note, come fossero mattoncini, si riesce a costruire tutta la musica che conosciamo e che sarà composta.

  • Ore 22:50 Dodici note – clavinova

Claudio dice che aveva pensato di fare a questo punto un intervallo ma… non lo farà, però potrebbe fare come in tv e mandare la pubblicità

  • Ore 23:00 E adesso la pubblicità – tastiera
  • Ore 23:07 Ora che ho te – pianoforte

Il futuro somiglia a un eterno andare, abbandonare il qui e muoverci verso l’ignoto che ci attrae e nel contempo pensare “io me ne andrei”

  • Ore 23:13 Io me ne andrei – clavinova (con l’aiuto del pubblico come contro coro)

Claudio spiega che ha voluto bissare il giro dei teatri per poter racchiudere in ogni teatro qualcosa di bello e stupefacente e far succedere cose impossibili

  • Ore 23:19 Acqua dalla luna – pianoforte

Ha raccontato tante volte la difficoltà di scegliere la scaletta, una vera e propria fatica perché non ci azzecchi mai e soprattutto perché lui ne ha scritte 350 (“ne conosco uno che ne ha scritte 6000 e tutte bruttissime!”).

Il problema è uscire dal teatro atteso da comitati e delegazioni senza una casa: “però QUELLA non me l’hai fatta!”.

Una volta le farà tutte, ma non sarà questa la volta.

  • Ore 23:31 Quante Volte – tastiera
  • Ore 23:39 Amori in corso – clavinova

In tutto questo traffico di amori in corso ci sono quelli che hanno amato e si son scottati e sono malati di un morbo terribile ed allo stesso tempo bellissimo

  • Ore 23:45 Mal d’amore – pianoforte
  • Ore 23:50 Poster – tastiera

Suona per il pubblico, che nella seconda parte lo accompagna cantando.

Claudio racconta che ha scritto una canzone come un’autobiografia cantata che chiude il nuovo album e gli ricorda chi è e dove ha cercato di ricordare tutto il suo percorso ed ha capito che la vita è come una specie di giostra e il tempo è un’estrazione da scandire e stasera lo farà con il metronomo

  • Ore 00:00 Uomo di varie età – clavinova + metronomo
  • Ore 00:05 Avrai – pianoforte
  • Ore 00:11 Mille giorni di te e di me – clavinova

Il pubblico si avvicina al palco per cantare. Claudio nota che tra le persone presenti nel sottopalco ce ne sono alcune con le lucine blu di Milano (QUI il link di riferimento) e le ricambia con un sorriso sincero.

  • Ore 00:17 Medley Amore bello / Questo piccolo grande amore / E tu come stai? – pianoforte.

Il pubblico va sotto al palco

  • Ore 00:23 Sabato pomeriggio
  • Ore 00:25 E tu – tastiera
  • Ore 00:28 Strada facendo

Claudio ringrazia tutti coloro che lavorano con lui e che lo seguiranno in questo lungo giro e scherza dicendo che alla fine arriveranno a fare 50.000 km che è circa tutto il giro dell’equatore

  • Ore 00:32 La vita è adesso – clavinova

Il pubblico si alza in piedi per cantare

Ore 00:37 Claudio ringrazia e saluta battendosi il petto e lanciando il proprio cuore.

“Abbiate cura del vostro passato e abbiate voglia del vostro futuro. E tenete ancora un po’ di questo presente. E considerate che potrete dire… IO C’ERO!

Esce dal palco sulle note di Tieniammente.

Grazie a Simonetta e Giuseppe per lo splendido supporto da Pavia

Nota di doremifasol: Claudio, anche in questo concerto, si è lamentato dall’inizio alla fine per i flash e fari che arrivano sul palco e gli creano problemi, ma senza successo.

Invitiamo anche noi ad eliminare i flash dai vostri cellulari. E’ molto semplice

Eccovi una piccola guida su come fare:

Come disattivare i flash

Come disabilitare il flash su iPhone

Per iniziare, apri l’app Fotocamera.
Nella parte superiore dello schermo, fai clic sull’icona della cerniera.

Appariranno tre opzioni:

Auto: In questa modalità, il flash si attiva solo quando necessario.
ON: Il flash si accende sempre.
off: Il flash non si attiva affatto, anche nella completa oscurità.

Metti su OFF

Come disabilitare il flash su cellulari Android

Avvia la fotocamera del tuo Smartphone e poi cerca l’icona a forma di lampo. Fai tap con il dito su di essa ed è fatta.

Prova a fare una foto per vedere se hai ottenuto il risultato sperato.

Hai assistito a questo concerto? Perchè non condividi con tutti noi il tuo materiale? Puoi inviarlo alla mail wop@doremifasol.org

Grazie di essere qui 

ENTRA NELLA HOME PAGE DI DODICI NOTE SOLO BIS

 

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button