Home / Baglioni Notebook / 04\01\2016 Nota di Claudio Baglioni

04\01\2016 Nota di Claudio Baglioni

È vero che al posto di panaché
si dice anche bicicletta e ciclista.
Ma io non sono un ciclista provetto
e non ho una bicicletta in garage.
Mio padre per un banale incidente
di quand’ero bambino e smanioso
in cui diedi fuoco a un triciclo di legno
per darmi una punizione esemplare
non me ne comprò mai nessuna.
Così quella bevanda a cui alcuni
danno il nome del velocipede
per me è un demi-panaché.
Lo imparai da un buffo disegno di bar
e sotto le didascalie con le traduzioni
sul libro di lingua francese alle medie.
Non pretendo che birra e gazzosa
(o gazosa o gassosa è lo stesso)
sia una miscela tanto eccellente.
Infatti più tardi la pizza alla marinara
l’ho mangiata con la birra soltanto.
Però ancora oggi metterle insieme
è come trovarmi vicino a mio padre
che sorsa la bionda schiumosa
e io piccoletto con la bottiglietta
di acqua, zucchero e acido citrico.
Perché anch’io mi potessi sentire
un bevitore al pari dei grandi
me ne ordinava una al barista
calcando la voce
in una specie di scioglilingua:
“ragazzo, una gazzosa al ragazzino”.
In un modo assai simile
mi piace scrivere e leggere qui
in queste pagine messe su insieme.
Per associazione di storie e di idee.
Per combinazioni comunicanti.
Anni fa si definivano affinità elettive.
Si parlava di anime scelte.
E chi sa interpretare riesce a trovarci
domande e risposte
senza doverle mai fare
o costringersi a darle.
Senza il bisogno d’impoverire il discorso.
Perché le parole cercano fatti e visioni
come il cuore emozioni

Dal FB ufficiale di Claudio Baglioni

redazione

La redazione di doremifasol.org e saltasullavita.com è composta da tanti amici ed appassionati della musica di Claudio Baglioni. Un grazie a loro per il lavoro e l'aiuto apportato a questo portale - Per scrivere alla redazione usare wop@doremifasol.org - Capo Redattrice e coordinatrice: Sabrina Panfili [Roma]

Potrebbe interessarti anche:

 



10 commenti

  1. A parte che sono passati anni e non sarebbe il caso farle oggi ma nella mia cultura non esiste fare le condoglianze al massimo si sta vicini nel dolore raccontando fatti divertenti cioè si distoglie almeno per un po dal dolore chi a avuto un lutto

  2. I ricordi hanno un effetto riposante..non si corre affannosi verso chissà che..ci si ferma a pensare e ti appaiono le immagini nitide dei ricordi di bambino..o bambina..di cose normali..di vita normale..dove un papà o una mamma dicevano..facevano cose alle quali non davamo allora nessuna importanza..e ora nei ricordi diventano essenziali..perché non ci sono più e noi vorremmo con tutto il cuore riaverli qui a rivivere quei momenti insieme..e ora sapremmo apprezzare e sapremmo dire ciò che non abbiamo forse mai detto loro..perché era scontato..era detto nei gesti ma mai con le parole..ora quelle parole meravigliose vorremmo dirle urlarle..e chissà se la dove sono magari le sentono e sorridono..ai nostri ricordi. Baci Cla!

  3. A parte le note di prima se fosse stato quello di stasera il bichiere riuscito a bere sarebbe stato interessante ma la vita è una ruota che si derma sempre su paesaggi diversi

  4. Anna cercignani

    A me la birra non piaceva fino ad un anno fa, poi mi marito mi ha fatto assaggiare la pana che e mi è piaciuta. Siamo andati in i Inghilterra, da mia sorella e abbiamo. Scoperto che li si chiama “shandy”. Adesso la birra, talvolta la bevo anche senza gazzosa… Ogni odore, ma anche ogni sapore, è un ricordo, è proprio vero! Buona serata, Claudio

  5. francesca berghi

    ciao Claudio anche io sono senza padre, in realtà il mio non l’ho praticamente mai conosciuto, è poi defunto quando avevo solo quattro anni e mezzo. Capisco il ricordo importante che lascia un padre nella nostra vita. Mi piacerebbe tanto incontrarti di persona, chissà!!!!

  6. Quando parli di tuo padre mi trasmetti sempre tante emozioni perché anche io penso sempre al mio caro babbo………che purtroppo ho perso quando avevo diciotto anni…..ma che porto SEMPRE nel mio cuore e che comunque mi ha accompagnato in tutta la mia vita. Grazie Claudio!!!

  7. Quale meraviglioso abbandono notturno ai ricordi, ai tuoi ricordi che evocano un po i miei.
    eventi che sembravanoo dovere ripetersi e che poi si sono interotti cosi, solo perché il tempo è passato.
    grazie infinite a te Claudio, dai tanto di te e non sarò mai grata abbastanza, con bene immenso , ciao

  8. pensavo ai RICORDI……………………………stufa a kerosene……………TV in bianco e nero………….emozioni a non finire……………….

  9. Provo una grande commozione, che quasi non trovo parole per esprimere questo mio stato d’animo.Niente e’ un caso nella nostra vita, c’è sempre un perché. Penso che rileggero’ volentieri Goethe. Non puoi immaginare che emozione ho provato leggendo i tuoi pensieri di stasera. Prima di dormire ci sarà nella mia mente una preghiera per i nostri papa’. Ciao Claudio ti voglio bene .Patricia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.