Home / Baglioni Notebook / 03/06/2016 Nota di Claudio Baglioni 

03/06/2016 Nota di Claudio Baglioni 

Koukoukò Koukoukò Koukoukò.Il paffuto gabbiano inurbato

a cui ho dato il nomignolo Remo

per la settima volta di seguito

s’è arrampicato sul vento a ponente

poi da sospeso ha ruotato su sé

e si è lanciato planando spedito

verso le cime alberate e oscillanti

sopra la valle che è tutto il suo mare.

E ogni volta che ripartiva da capo

tirava fuori quel verso curioso.

Un grido lungo di felicità

tra una risata e un’esclamazione

passando sopra il terrazzo di casa.

Gli piaceva davvero il giochino.

Il mio pensiero allora è volato

– è proprio il caso di dire –

a Lampo, il gabbiano isolàno.

Chissà mai cosa stava facendo.

Ho acceso distratto il televisore

su un notiziario di quelli continui

e dopo appena qualche secondo

sono apparse le immagini care

e conosciute della terra di Lampo.

C’era trasmessa in diretta la visita

del Presidente della Repubblica.

Mai prima di oggi

un Capo dello Stato italiano

aveva messo piede sull’isola,

piccolo ultimo lembo di territorio.

Per la storia di lì è un fatto epocale.

Tra palloncini e bandiere

cerimonie e discorsi

autorità e popolazione

chissà se anche il mio amico pennuto

faceva festa e gli onori di casa.

Avrebbe potuto magari farsi un voletto

sopra le teste di quelle persone

e salutare a suo modo

cioè come usano fare i gabbiani

quelli di mare o di città.

Koukoukò Koukoukò Koukoukò.

Che non so bene cosa significa

ma dev’esser qualcosa di molto bello.

Max Sott

Uno dei tanti Amici che condivide la propria passione CON-VOI!

Potrebbe interessarti anche:

 



13 commenti

  1. Ieri ho visto la diretta televisiva su Lampedusa
    Ogni volta collego te e i miei cari amici dell’ isola
    I miei preziosi “ganci in mezzo al mare”
    Ho notato che finalmente lo Stato si e’ accorto
    del bene che fanno i lampedusani nei confronti
    di questi poveri cristi .cosi’ ho telefonato ai miei amici e abbiamo commentato.
    Che dire dei gabbiani mi danno un senso di liberta’ quando planano nel mare
    con quelle grandi ali ,mi fanno paura
    vederli da vicino ho avuto un incontro
    ravvicinato che non auguro a nessuno.
    Nel terrazzo di casa si sono costruiti il loro nido e
    non sopporto tutto il giorno i loro Koukouko’
    Koulouko’ sentirlo dal mattino alla sera non sai che divertimento .sono belli in volo ma lontani da casa .TVB Maria.

  2. Che dire..”O’sciá”! Baci Cla

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.