Baglioni Notebook

18/06/2016 Nota di Claudio Baglioni 

Mi sono trovato per tutto il dìa zufolare l’inno italiano.

Un fischiettino sottile e sfiatato

in mezzo alla banda del vento.

Sai quando uno stesso motivo

diviene un tormento irresistibile?

Un ritornello senza finale

nella centrifuga della memoria

che va avanti imperterrito

anche se tu vorresti fermarlo.

Lo stoppi per qualche secondo

poi lui riprende più forte di te

e riattacca sempre da capo

senza aver termine mai.

Come il mito dell’araba fenice

rinasce ogni volta dalle sue ceneri.

Che strano – dicevo tra me –

e lo sguardo piombava lontano

verso la torre del Quirinale

e il tricolore disteso e orgoglioso.

Si dice che ci servirebbe

un altro e nuovo rinascimento.

Un moto, una scossa, un sussulto.

Un vero e proprio risveglio

per correre incontro in un balzo

a una grande e fiorente epopea.

Senza che mi accorgessi

mi sono tirato su sull’attenti

e ho slegato un passo di marcia.

Intanto il sibilo è ricominciato

diventando poi un flebile canto

quindi più intenso e con le parole.

Alla fine era quasi un urlo sgolato.

… l’Italia chiamò.

Sì.

E qui mi sono arrestato

perché squillava il telefono.

Non sarà mica lei?




Max Sott

Uno dei tanti Amici che condivide la propria passione CON-VOI!

4 Commenti

  1. Eh si l Italia chiama a fare il proprio dovere..a esercitare il diritto..a fare valere la democrazia..peccato che molti non vanno più..perché delusi perché disillusi..ma non vanno..e preferiscono lamentare..criticare ma non scegliere..non decidere.e quell Italia che chiama trova poche risposte. Peccato! Baci Cla

  2. Hai ragione, Claudio l’inno nazionale deve aiutarci a risvegliare in noi l’amore per la nostra Patria in un momento come questo non proprio facile per tanti e a riscoprire la bellezza di sentirci tutti “Fratelli d’Italia”!
    E allora cantiamolo tutti insieme!
    Aspetto questa sera per avere ancora tue notizie!

  3. Rinascere risorgere svegliarsi e uscire dalla rassegnazione che ci tiene prigionieri….è la mia speranza…..
    L’inno oltre che un simbolo importante è un modo di essere è sentire le radici di noi…..
    La grandezza del passato per progettare il futuro…..dobbiamo riconquistare questo amore perduto…
    Fischiare cantare urlare note e parole…..con orgoglio, bravo Cla.
    La musica rende liberi…..SI!!
    Buona domenica italiana. Un grandissimo abbraccio. Patricia

  4. E non va bene se non riesci a stopparlo… Devi lavorarci sopra… Dolce notte.. Peccato io non sia Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button