Home / Curiosità / Muccino chiarisce su mancata citazione di Claudio Baglioni

Muccino chiarisce su mancata citazione di Claudio Baglioni

Sono arrivati tanti commenti sul fatto che a Sanremo, durante la nostra presentazione del film, nonostante il cast avesse cantato E Tu Come Stai, non si fosse menzionato il nome di Claudio Baglioni.

In molti hanno addirittura e assurdamente pensato ad una censura da parte della Rai.

Allora, rimettiamo in ordine i fatti: E tu come stai è stata cantata perché parte della colonna sonora del film insieme ad un’altra canzone iconica di Baglioni e l’inedito Gli Anni Più Belli, scritto appositamente per il film.

Detto ciò è evidente il fortissimo legame tra noi e Claudio e tra Claudio e noi.

Inoltre l’autore della colonna sonora, ovvero del commento musicale al film, quella che si chiamava un tempo “musica da film” è Nicola Piovani, premio Oscar, anche lui non citato a Sanremo durante la presentazione.

È evidente allora che non ci si stata certamente alcuna censura ma solo una dimenticanza dovuta al grande batticuore che travolge tutti una volta sul palco davanti a milioni di persone… e ciò è quanto accaduto.

Ci è dispiaciuto non aver nominato ne Nicola Piovani ne Claudio Baglioni, ma credetemi era previsto in scaletta ed è semplicemente sfuggito.

Errare è umano. A Sanremo è quasi certo.

PS: E Tu Come Stai è come Yesterday. Non c’è bisogno di dire che sia dei Beatles.

Gabriele Muccino

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 


16 commenti

  1. questo Sanremo sembra proprio…..una pagliacciata!!!! Nessun riferimento a Claudio da parte di tutti……ma che dire…..la Rai è sempre la Rai…..ma tanto Sanremo non lo guardo. Fa’ troppo ridere!!!!!!

  2. Signori si nasce….e Claudio e’ nato signore….ha fatto gli auguri a Amadeus prima di cominciare ;sarebbe stato doveroso a inizio festival salutare e ricambiare …nessun saluto nessuna citazione neppure laddove era piu’ che scontato ( presentazione del film)! Nessuna svista.a parer mio…paura del confronto ,invidia, timore di non essere all’ altezza….o semplicemente mancanza di delicatezza in un festival tornato a essere il solito calderone di bassa lega e cattivo gusto che, dopo il festival diClaudio fa solo pianger e!

    • Concordo assolutamente con l’eleganza e la signorilità di Claudio. Ci mancherebbe altro. Però, dobbiamo essere più obiettivi nel giudicare il Festival di Baglioni e quello di Amadeus. Il primo di Claudio è stato un ottimo prodotto televisivo. Sorretto da due conduttori come Hunziker e Favino. Il secondo nettamente inferiore, sia perchè purtroppo condizionato dalle precedenti stupide polemiche sui migranti, ma sia per la squadra (Bisio- Raffaele) platealmente al di sotto della precedente. Quello di Amadeus ha vissuto sulla buonissima idea di aver dato in mano a due personaggi come Fiorello e Ferro, la parte relativa all’intrattenimento. E li non potevi sbagliare. E infatti i risultati lo hanno premiato. E poi, un’ultima cosa. Io ritengo i due festival di Claudio due occasioni perse. Soprattutto lo scorso anno. Ha cantato davvero troppo. Ed in particolare troppe sue canzoni. Avrebbe dovuto indossare le vesti di conduttore più distante, quasi una comparsa. Come poi aveva detto di voler essere. Alla fine è stato quasi un suo concerto sviluppato in quei cinque giorni. Duetti su suoi pezzi. Probabile sia stato anche consigliato male da quella cerchia di persone del suo entourage che non sempre lo hanno spinto a fare le scelte giuste negli ultimi anni. Poteva mettersi al servizio della musica, degli altri però. Anche cantare se voleva, ma la musica dei colleghi. Forse i suoi Festival sarebbero stati ricordati in maniera diversa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.