In evidenzaResocontiSam FisherStampa

Io non vorrei essere qui – Sam Fisher

Io non vorrei essere qui

Ne è passato di #tempo dall’ultima volta in cui ho preso il blocco note e ho indossato la maschera di Sam, maschera che ho dovuto riporre in un cassetto per far spazio ad altri tipi di maschere, più piccole e più importanti.

Ricordo ancora una delle ultime volte in cui ero Sam, raccontavo di un istante di un’altra vita [qui] . Eravamo tutti insieme a saltare su quella Vita che non c’è più Adesso. Erano momenti di un’altra vita, una vita in cui si stava tutti vicini a respirare lo stesso sudore e la stessa aria viziata, di chissà quante altre vite accanto a noi.

Quante cose sono cambiate da allora?

Vivevamo la nostra vita, i nostri lavori, i nostri affetti e le nostre passioni. Insomma eravamo vivi come lo eravamo stati sin dalla nascita, quando la prima cosa che senti è l’abbraccio di tua madre che, dopo la fatica di una vita, stringe al petto la sua nuova vita.
Eravamo in attesa di un nuovo album e di un nuovo viaggio, un altro l’ennesimo viaggio che ci avrebbe portato incontri, emozioni, saluti e altri abbracci e poi all’improvviso, tutto viene congelato e proprio quella parola abbraccio diventa fuori legge.

Non eravamo pronti a tutto questo, noi che abbiamo sempre vissuto in #tempo di pace. Come potevamo essere pronti ad una guerra silenziosa? Guerra in cui l’unica arma a nostra disposizione era non far niente?

Niente più uscite, niente più lavoro, niente più contatti, niente più viaggi, niente più passioni, niente più amici, niente più programmi per il futuro.

È come vivere all’interno di un incubo e al risveglio, le prime parole che mi escono dalla bocca sono: Io non vorrei essere qui

  • qui, dove ogni giorno perdi un giorno della tua vecchia vita
  • qui, dove troppo spesso senti di qualcuno che se n’è andato troppo presto
  • qui, dove senti sirene e sproloqui con la stessa intensità e frequenza
  • qui, dove se non stampi un pezzo di carta non puoi uscire di casa
  • qui, dove ti hanno colorato di giallo e ogni mattina speri almeno di trovare un castello di corallo
  • qui, dove chi ti salva la vita diventa eroe e impostore nel giro di poco #tempo
  • qui, dove aspettiamo il nostro nuovo viaggio che è stato cancellato a data da destinarsi

Ho cercato con tutte le mie forze di non essere qui in questo #tempo, ma non sono forte abbastanza e mi sono dovuto adeguare, cercando qualcosa di positivo per continuare Adesso la nostra Vita.

E così eccomi qui, non vi so dire se sono tornato realmente, ma è reale che in questa settimana torneremo tutti a riappropriarci almeno della nostra passione più sana.

Quel viaggio, castrato dieci mesi fa, riparte il 3 Dicembre. Non sarà però ancora un viaggio fisico, ma lo sarà nella spensieratezza di ritrovare un #tempo perduto. Quel #tempo in cui assaporeremo ogni singola nuova nota, per divorarla poi nei giorni a venire. Giorni che, nonostante quello che succede fuori la nostra porta, saranno giorni nuovi e non i tanti nuovi giorni che stiamo vivendo.

In bocca al lupo Clà, che questo sia quel viaggio che insegui da tanto #tempo. Noi saremo qui, sempre accanto, ma per un pò a qualche metro di distanza.

Io alias Sam Fisher


Sam Fisher

Salve a tutti, “Sono Io” e sono uno di voi. Un Baglioniano? Un Clabber? Un Baglionista? Uno delle prime file? Uno sempre in piedi? Uno che accetta tutto quello che fa? Sono un Hacker, nel cuore di doremifasol.org e vi "colpirò" quando meno ve lo aspettate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button