Home / Baglioni Notebook / Claudio Baglioni ricorda Massimo Buzzi

Claudio Baglioni ricorda Massimo Buzzi

13533226_1139708246088720_1056002361315057961_n

Alla batteria Massimo Buzzi.
Per dieci anni l’ho presentato così.
Dai crediti in copertina alle tournée.
Mille e più storie rullanti di vita.
Alé oó fu un grido di musica e gioia.
Un volo tentato verso un cielo nuovo.
Massimo ora c’è riuscito.
Buon viaggio, baffone.

Ci lascia Massimo Buzzi, batterista presente in molte pietri miliari della musica italiana
di Giancarlo Passarella
Presente nel disco che segna l’esordio nel 1973 di Renato Zero, come nel basilare disco dal vivo di Claudio Baglioni: ma sono solo due dei tanti in cui compare il suo nome, sempre in modo discreto e mai urlato. Un grande professionista!

Presente nel disco che segna l’esordio nel 1973 di Renato Zero, come nel basilare disco dal vivo di Claudio Baglioni: ma sono solo due dei tanti in cui compare il suo nome, sempre in modo discreto e mai urlato. Un grande professionista!

Difficile fare un elenco dettagliato di tutti i dischi in cui ha dato il suo contributo: forse non ce l’aveva nemmeno lui…

Importante storicamente anche il rapporto con Mia Martini e Francesco De Gregori: con Renato Zero ritornò a collaborare anche nei decenni successivi a quel timido esordio del 1973 ed ecco perché lo troviamo in Tregua 1-2, settimo album della sua carriera, edito nel 1980.

Poi per Buzzi ci sono state le collaborazione con Mimmo Locasciulli, Luca Barbarossa (per Come dentro un film del 1987), Umberto Tozzi, Anna Oxa, Lucio Dalla ..: con molti di loro, la collaborazione dallo studio di registrazione si era completata con i lunghi mesi di tour … Per tanti anni aveva lavorato con l’orchestra di Gigi Proietti, ma … chissà quanti altri artisti mi sto scordando!

Ma mi vengono in mente anche i seminali Mio fratello è figlio unico ed Aida, accoppiata del 1976/77 che fece conoscere al mondo la creatività di Rino Gaetano: la batteria fu affidata al sicuro Massimo Buzzi…

The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

Potrebbe interessarti anche:

 



1 Commento

  1. Riecheggia la tua voce, il suo nome…..quanti concerti…e poi…cosi…! Ciao Massimo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.