SOLO 2022Stampa

Cronaca di Claudio Baglioni a Lecce

Torna Claudio Baglioni al Teatro Politeama Greco di Lecce

LECCE – “Sono Claudio Baglioni e sono tre anni che non suono e non canto dal vivo”. A chi gli grida “sei unico” dalla platea risponde “ certo che lo sono, ci sono io sul palco”.

E come nel testo “ solo, canterò solo, camminerò solo, da solo continuerò”, Baglioni gira in senso antiorario quasi a voler far tornare indietro il tempo ( come fanno i pazzi dice lui) tra i tre pianoforti neri sul palcoscenico mentre, tra una canzone e l’altra, parla di sé, risponde al pubblico e si diverte a fare ironia sui suoi acciacchi, sulla vita che passa e che si vorrebbe attaccare forte ai ricordi, a quelli belli soprattutto. Perché, quando una storia finisce, restano solo le emozioni che quella storia ci ha lasciato, come quella maglietta fina da cui si immaginava tutto e poi il mare, i giochi e l’estate.

Baglioni canta, con una voce che non ha eguali, con gli acuti interminabili e le sue mani veloci che percorrono le note del pianoforte mentre le storie degli uomini persi, le fotografie, i mal d’amore, i mille giorni di te e di me, parlano di storie di vita passata che si vorrebbe tenere attaccata al presente come “ fossero pagine di calendari attaccate con la colla l’una sull’altra”.

E la sintesi di musica, bellezza, ironia, parole e presenza scenica è fenomenale.

Il pubblico applaude, canta con lui, batte le mani e si fa dirigere nel coro lento di tututututututu del notturno “ stai su”.

Baglioni parla delle cose – “chissà se anche le cose si sentono sole quando restano sole” si chiede- e per le cose ha scritto una delle sue 330 e più canzoni ( “un po’di più”) e, sempre per le cose, usa la stessa cura che il suo animo nobile ha nei confronti di tutti, di se stesso, del pubblico affezionato e di chi gli chiede di suonare la sua canzone preferita.

“ Capita sempre che dopo il concerto qualcuno venga a dirmi che è stato bellissimo, però….però che non ho cantato quella canzone, solo che in tre ore di concerto non si possono fare 330 canzoni”. E mentre ride e mette le mani tra i capelli, ha già occupato la nuova postazione. Tre ore di concerto senza sosta, neanche un bicchiere d’acqua. Il tempo della pubblicità se lo crea da solo cantando “ tu fretta di vivere qualcosa…e adesso la pubblicità”.

Una lunga e grande storia la sua, iniziata nel ‘51 a Montesacro e poi “al pianoforte ogni giorno, lezioni sul pentagramma, una chitarra attorno ad un falò, accompagnato da mamma a far concorsi e audizioni col risultato di un altro no, per poi ricomporsi e cercare mai rassegnato…” perché “di speranza c’è sempre un po’”.

E poi il sogno che diventa realtà, il tempo che passa e che invecchia l’uomo ma non le sue canzoni, il meglio che arriva all’ultimo perché la vita, per un uomo di varie età, è arte varia in cui non si può sapere se ci sono più rimpianti o rimorsi. Una cosa è certa, lo dice prima di salutare il pubblico, la vita è adesso e sei tu che spingi avanti il cuore ed il lavoro duro di essere uomo e non sapere cosa sarà il futuro.

Un messaggio di speranza, dopo due anni di pandemia, lui che per fare una foto con i fans, si abbassa la mascherina e sorride alla vita.

Grazie Claudio! Grazie di esistere!

di Caterina Rizzelli per corrieresalentino.it

Torna Claudio Baglioni al Teatro Politeama Greco di Lecce


The Godfather

The Godfather [Il Padrino] - Dietro questo nickname si cela il nostro fondatore e amministratore unico TONY ASSANTE, più grigio ma MAI domo. Il logo (lo chiedono in molti) è il simbolo dei FANS di Elvis Presley (Cercate il significato in rete).

2 Commenti

  1. Ciao Caterina, la tua cronaca del concerto mi è piaciuta moltissimo. L’ho letta con molto piacere perchè mi hai fatto rivivere quella serata piena d’incanto (31 Gennaio teatro delle Muse Ancona) e non solo. Hai scritto del nostro Cucaio rendendo un omaggio ai suoi capolavori e, nello stesso tempo, hai fatto un ritratto dell’uomo meraviglioso che è, quell’essere mitologico. Grazie Caterina.
    W Cucaio per sempre

    1. Grazie a te per aver apprezzato l’articolo. Ci unisce la stessa passione per un cantante la cui arte, unica e ineguagliabile, rappresenta la sua vita ma anche un po’ la nostra. I suoi spettacoli, per chi lo segue da sempre, ci aiutano ad andare avanti. Anzi, per usare le sue parole, andare oltre! Grazie amo ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button